Stripe PDP
Salvato in 13 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Gli internati militari italiani. Diari e lettere dai lager nazisti. 1943-1945
17,00 € 20,00 €
LIBRO
Venditore: IBS
+170 punti Effe
-15% 20,00 € 17,00 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,00 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,00 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Gli internati militari italiani. Diari e lettere dai lager nazisti. 1943-1945 - Mario Avagliano,Marco Palmieri - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Gli internati militari italiani. Diari e lettere dai lager nazisti. 1943-1945 Mario Avagliano,Marco Palmieri
€ 20,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

La rivendicazione della Resistenza antifascista si è ridotta per decenni al dibattito politico sulla guerra partigiana. Negli ultimi anni registriamo il recupero di una dimensione più ampia. Contiamo la resistenza contro i tedeschi delle forze armate all'8 settembre. Poi la guerra partigiana e la deportazione politica e razziale nei lager di morte. La partecipazione delle forze armate nazionali alla campagna anglo-americana in Italia. E infine la resistenza degli Imi nei lager tedeschi: le centinaia di migliaia di militari che invece della guerra nazifascista scelsero e pagarono la fedeltà alle stellette della patria. Le stellette a cinque punte sul bavero della divisa (piccoli pezzi di metallo povero o un quadratino di stoffa) sono il simbolo tradizionale dei militari italiani. La fedeltà alle stellette fu la motivazione più comune e diretta della grande maggioranza dei 650000 militari italiani che preferirono la prigionia nei lager tedeschi al passaggio dalla parte nazifascista. Questi 650000 prigionieri erano degli sconfitti che avevano vissuto il fallimento del regime fascista, la misera fine delle guerre di Mussolini, lo sfacelo delle forze armate all'8 settembre. Tutti avevano ragione di sentirsi traditi dal re e da Badoglio, che li avevano abbandonati senza ordini agli attacchi tedeschi. Ciò nonostante, una grande maggioranza di questa massa di sbandati preferì la fedeltà alle stellette e la prigionia nei lager. (Dalla prefazione di Giorgio Rochat)
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2009
16 settembre 2009
LXIV-338 p., ill. , Brossura
9788806202361

Voce della critica

Fino alla prima metà degli anni ottanta la vicenda dei militari italiani deportati dopo l'8 settembre 1943 dai tedeschi era ai più sconosciuta o trattata come un dettaglio secondario in quell'immenso mattatoio che fu la guerra. Un numero che è ancora incerto, ma superiore ai 650.000, tra cui 30.000 ufficiali e duecento generali, fu inviato nei lager costruiti dalla Germania di Hitler. Si trattava degli Imi, gli internati militari italiani, una categoria anodina, priva di valore giuridico, con la quale Berlino definiva quanti non volevano "collaborare" con le autorità naziste attraverso l'adesione alla Repubblica di Salò. Le vicende di questo novero di oppositori silenziosi, destinati a una prigionia durissima, hanno faticato ad affermarsi nella memoria collettiva a causa della peculiarità della loro storia. Figli e figliastri della catastrofe ingenerata dalla tragica gestione dell'armistizio per parte delle autorità italiane, hanno pagato il conto della calcolata indifferenza istituzionale, che li ha doppiamente offesi, prima come vittime innocenti, poi come destinatari di una imbarazzata indifferenza. Il libro curato da Avagliano e Palmieri ne ricostruisce e racconta la vicenda attraverso le centinaia di lettere e diari scritti nei lager in quei giorni. Si tratta di una documentazione perlopiù inedita, relegata agli archivi privati, di famiglia, o pubblici. Il volume raccoglie il copioso materiale, selezionandone i contenuti in nove capitoli, dal viaggio in tradotta verso i lager al ritorno a casa dei sopravvissuti, con un'appendice di foto e disegni. Così facendo ci aiuta a ricostruire la peculiarità storica dell'esperienza degli Imi, ma anche il suo significato umano, offrendoci un importantissimo spaccato dell'Italia popolare di quegli anni.
Claudio Vercelli

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Mario Avagliano

1966, Cava de' Tirreni

Mario Avagliano, giornalista e storico, collabora alle pagine culturali del «Messaggero» e del «Mattino»; tra i suoi libri: Generazione ribelle. Diari e lettere dal 1943 al 1945 (Einaudi, 2006), Il partigiano Montezemolo (Baldini+Castoldi, 2012), 1948. Gli italiani nell'anno della svolta (con Marco Palmieri, Il Mulino 2018).

Marco Palmieri

1969, Napoli

Marco Palmieri, giornalista e storico, è autore di L’ora solenne. Gli italiani e la guerra d’Etiopia (Baldini & Castoldi, 2015). Insieme hanno pubblicato Gli internati militari italiani (2009), Gli ebrei sotto la persecuzione in Italia (2010), Voci dal lager (2012), tutti editi da Einaudi, oltre a Di pura razza italiana. L’Italia “ariana” di fronte alle leggi razziali (Baldini & Castoldi, 2013) e, per il Mulino, Vincere e vinceremo! Gli italiani al fronte (2014), L’Italia di Salò (2017) e 1948. Gli italiani nell'anno della svolta (con Mario Avagliano, 2018).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore