Intrigo italiano. Il ritorno del commissario De Luca

Carlo Lucarelli

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 17/01/2017
Pagine: 216 p., Brossura
  • EAN: 9788806224370

28° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Gialli - Gialli storici

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,18

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    annalisa

    21/04/2017 09:29:35

    Primo libro di Lucarelli che leggo...ed anche ultimo!. Semplicemente non mi è è piaciuto. L'atmosfera, la pesantezza delle descrizioni e dei dialoghi. Il finale è anche "bello"in sè, ma non certo un colpo di scena. Per me un libro davvero poco coinvolgente

  • User Icon

    marcostraz

    20/04/2017 21:27:50

    Solito libro di Lucarelli, con una bella parte descrittiva, una storia intrecciata ma che si sbroglia abbastanza rapidamente...

  • User Icon

    Francesco

    18/03/2017 11:09:18

    Ottimo libro, atmosfere di una Bologna anni '50 che fanno sognare...letto tutto d'un fiato!

  • User Icon

    andrea

    02/03/2017 18:06:17

    Giallo di atmosfera vintage,godibile a maggior ragione da un lettore attempato come il sottoscritto.Un solo appunto all'autore : al tempo in cui si svolge l'azione le cinture di sicurezza sulle auto erano ancora di là da venire,quindi era meglio trovare un altro escamotage per far morire Giannino (e salvare il commissario) nell'incidente automobilistico.D'altronde ho trovato uno svarione peggiore nel secondo volume de I Medici di Strukul,che fa comparire magicamente sul mercato fiorentino le patate nel 1476,sedici anni prima della scoperta dell'America!

  • User Icon

    cretinetto70

    01/03/2017 15:52:36

    Godibilissimo

  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    26/02/2017 16:59:16

    Lucarelli presenta la raffinatezza di un giallo elegante e ben strutturato, una trama fitta caratterizzata da un'efficace "effetto matrioska": sono vari i misteri da risolvere per il malinconico e stropicciato commissario De Luca. Di grande suggestione la rievocazione di una freddissima Bologna comunista dei primi anni cinquanta del secolo scorso e di sfondo di giovanissima Repubblica italiana già attraversata da misteri, doppiezze ed ambiguità.

  • User Icon

    Fabio

    23/02/2017 09:18:19

    Questo romanzo racconta un clima,più che una storia.Non c'è trama,non c'è una logica,non c'è nulla che spieghi cosa accade e soprattutto perché.Ci sono però i personaggi,alcuni bei dialoghi,le atmosfere,la tensione narrativa di alcune pagine,ma nel complesso la storia convince poco,è confusa e improbabile,con molti passaggi a vuoto.Mi aspettavo molto meglio.

  • User Icon

    marco c.

    22/02/2017 17:01:27

    Lucarelli è tornato e De Luca anche.... bel libro, storia avvincente che getta uno sguardo sull'Italia anni 50....spero che Lucarelli ci regali altre storie con De Luca protagonista....

  • User Icon

    Valter

    15/02/2017 13:38:00

    Letto in una mattina d'influenza il romanzo è abbastanza godibile. Spy story all'italiana condita con un pizzico di hard boiled (genere che non amo) che si svolge sotto i portici della Bologna degli anni '50. La storia non è molto credibile e i personaggi piuttosto improbabili. Francamente preferivo De Luca commissario, anziché spia al servizio della DC di Fanfani. Spero che Lucarelli torni all'antico...

  • User Icon

    Claudio

    08/02/2017 08:44:00

    Il commissario De Luca torna a Bologna sotto le spoglie dell'ing. Morandi: in realtà fa parte dei servizi segreti italiani che devono scoprire chi ha barbaramente ucciso una donna, moglie di un famoso professore di fisica morto anche lui un paio di mesi prima in un misterioso incidente stradale. E De Luca, con grande fatica e rischiando più volte la vita, riesce a sbrogliare la matassa, ordita da servizi segreti più o meno paralleli.

  • User Icon

    Massimo

    28/01/2017 08:42:07

    Un libro all'altezza di uno scrittore navigato come Lucarelli. Abbastanza coinvolgente. Forse la parte più centrata è quella che prevede la descrizione dell’ambiente bolognese. Bologna è una città che mi è rimasta nel cuore. E’ la sua università, dove ho frequentato il Dams. Nel complesso, bravo Lucarelli. E, a proposito di Bologna e di libri, vorrei suggerire “Sono tornati i Braccialetti Rossi”, del cantautore e narratore Mimmo Parisi, bolognese anch’esso. Il libro è uscito il 10 gennaio e, insomma, forza Bologna, città di libri e di cultura. Ciao, Massimo

  • User Icon

    alberto

    20/01/2017 06:51:17

    Dopo qualche prova in tono minore, ritorna il miglior Lucarelli. Un thriller con il giusto ritmo, scritto in modo scorrevole, e sullo sfondo la solida competenza del saggista di rango a dare verosomiglianza storica alla narrazione, anche con richiami a note vicende trattate dall'autore in altre sedi. Divorato.

Vedi tutte le 12 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione
Le prime frasi del romanzo

2 gennaio 1954, sabato

La lancetta del contagiri si impennò vibrando nell'occhio rotondo del quadrante di destra, veloce, mentre De Luca si incassava con le spalle tra il sedile e la portiera. L'Aurelia aveva fatto un balzo in avanti ma si era fermata subito, col ruggito del motore che si spegneva in un ringhio trattenuto.
Giannino bestemmiò, la c di cane aspirata come un colpo di tosse, alla toscana, poi abbassò la levetta del cambio e la tirò indietro, scalando la marcia.
- Mi scusi, ingegnere...c'è quel bischero in motore davanti che mi fa impazzire.
De Luca lanciò un'occhiata oltre il parabrezza, alla strada buia illuminata dalla luce gialla dei fari. Tra il brillare delle gocce di pioggia spazzate dai tergicristalli c'era una sagoma ingobbita su una motocicletta e poco più avanti il quadrato grigiastro del cassone di tela di un camion. Luccicava tutto, di acqua e di luna, e ogni volta che Giannino provava a superare De Luca si trovava quasi sul ciglio opposto della strada, stretta e abbastanza tortuosa.
- E c'ha anche un Saturno 500 sotto il sedere, Dio bonino, e corri un po' allora! - Giannino guardò De Luca.
- Mi faccia il favore, ingegnere, se mi sta seduto così contro lo sportello si allacci la cintura.
De Luca obbedì e già che c'era si chiuse attorno al collo le falde del soprabito, incassandoci dentro il mento. Provò ad arrivare alla rotellina del riscaldamento sul cruscotto, ma la cintura gli aveva già bloccato la vita contro il sedile e ci rinunciò. Tornò ad abbandonarsi nel suo angolo.