Le invasioni barbariche

Claudio Azzara

Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 21 giugno 2012
Pagine: 190 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788815238702
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
A partire dai secoli quarto e quinto si verificò, negli immensi spazi compresi fra l'Asia e l'Europa, un vasto processo di spostamenti a catena di popolazioni eterogenee che, dopo un vario e lungo peregrinare, finirono per stabilirsi in sedi diverse da quelle d'origine, trasformando in profondità gli assetti del mondo allora noto, in concomitanza con il collasso dell'impero romano d'occidente. L'epoca delle grandi migrazioni dei popoli o, come si usa dire adottando il punto di vista dei romani, delle invasioni barbariche ha sempre esercitato una fortissima suggestione ed èattualmente oggetto di una particolare attenzione storiografica. Il profilo di Azzara ripercorre le complesse vicende che portarono alla sostituzione dell'impero d'occidente con una pluralità di regni barbarici assai eterogenei e di disuguale durata, fino agh estremi fenomeni migratori che investirono lo spazio europeo nei secoli decimo e undicesimo. La sua esposizione non solo fa il punto sulle singole questioni, ma indica le ulteriori linee di sviluppo dell'indagine storica su avvenimenti alla radice della nostra civiltà.

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudio

    03/07/2013 09:07:15

    In 140 pagine il prof. Azzara condensa un periodo molto lungo della storia europea, a partire dal massimo splendore dell'impero romano per arrivare intorno all'anno mille, sviscerando tutte le invasioni che i barbari fecero in quei secoli. Anche se forse più che di invasioni bisogna parlare di migrazioni di popoli barbarici.

  • User Icon

    Daniele

    27/06/2007 19:40:11

    Il libro è godibile e dettagliato, non è un "bigino". Le informazioni sono chiare, e mi hanno permesso di chiarire certe lacune nelle mie conoscenze, come le invasioni barbariche nell'est europeo o il destino di popoli come gli Avari. Senz'altro da consigliare.

  • User Icon

    Francesco

    05/09/2004 00:31:22

    Si tratta di una breve sintesi dedicata al fenomeno delle "invasioni barbariche" nel primo millennio della nostra era, con particolare riguardo per quelle che si associarono alla "caduta" dell'impero romano d'occidente, descritte anche nei loro ulteriori sviluppi politico-territoriali che determinarono gli assetti della nuova Europa; l'ultimo capitolo è invece dedicato alle ondate saracene, slave, normanne ed ungare. Il saggio, sorretto da un'impostazione di fondo tendente a scardinare alcuni "miti" della storiografia e dell'opinione comune, inquadra a grandi linee il fenomeno delle migrazioni dei popoli all'incirca entro gli ambiti temporali menzionati, pertanto può risultare un buon testo introduttivo sull'argomento. La trattazione pur accennando alcune delle problematiche fondamentali, non scende mai in profondità e si rivela alquanto sbrigativa; a ciò si aggiunga qualche marginale inesattezza ed imprecisione. L'analisi introduttiva ( cap. I ), pur nel valido intento di scardinare falsi miti, risulta talvolta poco serena. Nella conclusione si accenna appena ad un problema con il quale mi sono già imbattuto nella vita quotidiana, ma che non avevo mai riscontrato in àmbito scientifico-storiografico: la presunta analogia, da alcuni superficialmente rilevata, tra le invasioni barbariche e gli attuali fenomeni migratori diretti dai Paesi poveri verso i più ricchi ( non ultima l'Italia ). Sintesi manualistica, senza infamia e senza lode.

  • User Icon

    Ale75

    14/11/2003 15:15:47

    Poco lineare; si propone di analizzare le singole questioni, ma in realta non entra mai davvero in profondità. Sicuramente, ma questo non deve essere un alibi, la complessità dell'argomento non si presta facilmente alla linearità espositiva.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione