Inventario di psicoanalisi - Giovanni Sias - copertina

Inventario di psicoanalisi

Giovanni Sias

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 1997
In commercio dal: 16 maggio 1997
Pagine: 160 p.
  • EAN: 9788833910291
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 11,16

€ 20,66

Punti Premium: 11

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La psicoanalisi è vicina all'arte: non per interpretarla, come in una certa tradizione di "psicoanalisi applicata", ma per ascoltare la lezione degli artisti, e ritrovare il loro sapere e la loro creatività nello spazio psicoanalitico.
4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Biagio Giordano

    03/05/2003 15:13:06

    Savona, 04-05-03 Il libro di Sias è insolito nel campo della psicanalisi. Il testo sembra cercare uno spazio editoriale e di lettura non per proporre argomenti accademici e di successo ma per esplicitare aspetti autentici della formazione analitica. L’autore riesce a calarci in un’atmosfera culturale che è quella della pratica analitica. Questo è il maggior merito dello scritto. “Inventario di psicanalisi” è un libro riuscito per l’autore ma incompreso nel mondo accademico. Le formule teoriche freudiane e lacaniane, ben presenti nello scritto, risultano fertili non rispetto a una necessità di produrre attraverso il lavoro psicanalitico nuove sintesi scientifiche e artistiche, ma in quanto con-sentono ricche riarticolazioni dei concetti clinici storicamente in gioco. Queste cinque conversazioni allargano le prospettive conoscitive dei casi cli-nici freudiani. Forniscono via via, lungo un moltiplicarsi inesorabile delle speci-ficità psichiche che Sias trova nell’esperienza in atto, una miriade di nuove pos-sibilità di trasformazione culturale del soggetto analizzante rispetto a una mate-ria biologica resa inerte dalla nevrosi pre-analitica. La cura nel libro non è vista come oggettivabile o classificabile in formule costanti. Essa si forma al di là della scienza, in un terreno privato che è l’inconscio. Terreno che all’inizio dell’analisi è ormai incolto perché la storia ha lasciato solo tracce di abbandono. La psicanalisi offre cultura per un cambiamento di questo stato ma lungo un transfert che il dispositivo analitico deve favorire e accogliere accettandone an-che i rischi. La psicanalisi, a patto di non applicare modelli scientifici o teorici già precostituiti, consente di arare di nuovo il terreno incolto. Per ciò lavorano l’analista e l’analizzante. In queste cose Sias dimostra una notevole sensibilità comunicativa Le conversazioni proposte dal libro sono il contributo più serio che uno psi-canalista può dare alla crescita della civiltà. Inoltre esse aiutano a conoscere la psicanalisi attravers


scheda di Ronchi della Rocca, D., L'Indice 1998, n. 3

Con accenti ispirati da una rabbia santa e fustigatrice, con una prosa sincopata, interrotta da interpunzioni frequenti, domande retoriche, parole ripetute in un continuo allusivo allargamento di significati, l'autore (psicoanalista lacaniano, anche se probabilmente rifiuterebbe questa etichetta) espone in cinque "conversazioni" la sua condanna delle associazioni a scuole di psicoanalisi, che, a parer suo, hanno completamente tradito lo spirito originario di Freud. Sono stati i medici a compiere questo sacrilegio, riducendo la psicoanalisi, che è arte, poesia, letteratura, è la "reintroduzione del tragico nella civiltà occidentale", a una branca della psichiatria, per meri scopi di lucro: "Non si può "fare" gli psicoanalisti. Si "è" psicoanalista. È un modo costitutivo dell'essere (...) è una formazione dell'inconscio.È la mia sola possibilità di divenire, di "essere per altri": è un sintomo". Qui il linguaggio, che spesso ricorda il Nietzsche di "Così parlò Zarathustra", si colora di accenti heideggeriani. In effetti questo libro gronda cultura, dai tragici greci agli strutturalisti, ed è di interessante lettura, al di là della manifesta intenzione di essere originale a tutti i costi (per esempio la bibliografia è scritta in forma discorsiva, non cita i libri in fila ma li inserisce in un capitoletto dove vengono esposte le ragioni che "in-formano" la consultazione). Quanto al contenuto, mi si perdoni una sinteticissima banalizzazione: la psicoanalisi non è una cura ma un percorso creativo, le regole sono orpelli, l'importante è reinventarne i concetti, riscoprendo lo stesso spirito di Freud, così come ha fatto Lacan, che ovviamente va anch'esso superato e rinnovato. Insomma: "Se incontri il Buddha per la strada, uccidilo".
Note legali