L' inverno della cultura - Jean Clair - copertina

L' inverno della cultura

Jean Clair

Scrivi una recensione
Editore: Skira
Collana: Skira paperbacks
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 4 ottobre 2011
Pagine: 112 p., Brossura
  • EAN: 9788857211534
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto tornerà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Quando il sole della cultura è basso sull'orizzonte, anche i nani proiettano grandi ombre." Con questa citazione di Karl Kraus si apre questo nuovo saggio di Jean Clair. Con la chiarezza e la lucidità che ne caratterizzano lo stile, l'autore riprende e approfondisce in questo testo alcuni dei temi trattati nel suo libro "La crisi dei musei" (Skira 2008). Le amare riflessioni di un amateur, una passeggiata solitaria attraverso l'arte di oggi, le sue manifestazioni e le sue espressioni. Il ritratto impietoso di un paesaggio saccheggiato, venale e mortificato, di un'allegria vagamente funerea.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    manlio brusatin

    24/02/2012 17:54:20

    Un libro di una forza inusuale nella storia delle arti. Strutturato per aforismi incatenati sulla verità dell'arte, rispetto alla falsa contemporaneità dell'arte. Il libro si conclude affermando una realtà sconvolgente ed è dedicato a quegli artisti che nel Novecento, e all'inizio di questo secolo, sono stati maltrattati e ignorati peggio dei loro amici "maledetti" dell' Ottocento, da quei poteri che avrebbero dovuto sostenerli e invece li hanno esclusi e fatti morire, "disperati per essere stati ignorati" (p. 109). A questi il libro è dedicato, e forse per questo Maurizio Cattelan, Jeff Koons e Damien Hirst dovrebbero con un atto di verità e di onestà, mangiare pubblicamente la loro dichiarazione dei redditi e darsi fuoco. Solo in effigie, per questa volta! Ancora, musei ed esposizioni non contano per il numero di visitatori ma per qualcosa che hanno saputo e sanno insegnare, altrimenti sono solo luoghi di deportazione estetica o "moderni mattatoi culturali". Qualcuno ancora ci crede.

| Vedi di più >
Note legali