Io e lei. Confessioni della sclerosi multipla

Fiamma Satta

Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 18 aprile 2017
Pagine: 134 p., Rilegato
  • EAN: 9788804674931
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,18

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Silvia M.

    05/07/2017 06:29:50

    È un libro che ti tiene incollata, non riesci a smettere di leggere le continue, ciniche parole dell'io narrante. ... ma è anche un libro che ti regala la forza di affondare la vita, alle volte difficile.

Scrivi una recensione
Ho sempre saputo che prima o poi mi avrebbero stanata. Ma non è così. Non meritavo un pediatra, accidenti. Avrei voluto almeno un neurologo. Ma non uno qualsiasi che perde tempo con vertigini, spasmi muscolari o altre carabattole. Avrei voluto uno di quelli che passano la vita a pensare a me, a studiarmi, a rintracciarmi ovunque. Uno che ha fatto di me la sua fissazione. Che mi ha messa su un piedistallo. Uno che le altre nemmeno le guarda. Questo avrei meritato. Invece con lei, la Miagentileospite, è andata così. Un pediatra. Ora, sforzatevi di capirmi, per favore. Io ho la piena consapevolezza della mia specificità, del mio potere e del mio valore. Provateci voi a terrorizzare qualcuno soltanto al suono del vostro nome. Provateci. Non ci riusciresti mai. Io sì, sempre. Basta solo vederlo scritto il mio nome per provare un brivido. E io adoro percepirlo. È pura adrenalina quel brivido, per me. Però non sono sfacciata, non amo mettermi in mostra. Non subito, almeno. Mi piacciono i preliminari che mi danno il gusto impagabile dell'attesa di quel brivido. Per questo preferisco rimanere nell'ombra a lungo, vestendomi di mistero. Avete presente quelle baggianate dei giornalisti nelle interviste? Del genere "se fosse un personaggio storico-letterario chi vorrebbe essere?". Ecco, io vorrei essere la Marchesa de Merteuil, quella stronza imparruccata e incipriata de Les liaisons dangereuses che si allena a sorridere amabilmente a tutti mentre sotto il tavolo si conficcava una forchetta nel palmo della mano.