Io mi ricordo. Con DVD

Curatore: G. Papi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 29 settembre 2009
Pagine: XXVIII-163 p., Brossura
  • EAN: 9788806199432
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Usato su Libraccio.it - € 12,96
Descrizione
Il DVD è il racconto di una storia emotiva del secolo scorso. I giochi dei bambini di una volta, la paura dei bombardamenti, l'emozione di un viaggio di nozze in 500. La storia sono i cadaveri per le strade di Caltanissetta visti da un bambino una mattina di guerra, è il canto Lili Marlene dei tedeschi accampati una notte in Lucania. Sono i ricordi di Andrea Camilleri: l'arrivo dei pescherecci a Porto Empedocle, le luci di Sfax in Tunisia, i fatti di sangue narrati dai cantastorie e una lettera che inviò a Mussolini e la risposta che ottenne. E ancora, Franca Valeri rievoca il varietà nel primo dopoguerra. E poi Mario Monicelli, Enzo Bearzot, Oscar Luigi Scalfaro. Ma è nelle parole della gente comune che il passato si fa più vivido. E il Novecento sfila davanti: case di ringhiera nella Torino operaia, case d'appuntamento in Emilia, la vita a Trastevere negli anni Cinquanta, piccole storie di bombardamenti, fame, amore e liberazione. Il libro riflette sulla trasformazione della storia al tempo di Internet e sull'impatto del digitale sulla memoria personale e collettiva.

€ 12,96

€ 24,00

13 punti Premium

€ 20,40

€ 24,00

Risparmi € 3,60 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    nihil

    24/11/2009 18:32:06

    Scritto da mani prevalentemente dilettanti è un piccolo capolavoro di emozioni sincere. Si tratta davvero di una trasmissione di memorie, di piccoli mondi perduti, di altre realtà. Nonni contadini,lavori umili, grande coraggio, sopravvivenza forzata. Splendida la prefazione, che di solito nei libri è una parte un poco noiosa. Papi domanda se in fin dei conti siano migliori i ricordi dei ricchi o dei poveri e mi trova assolutamente d'accordo quando risponde che quelli dei poveri sono migliori, perchè basati sulla solidarietà e sulla comprensione. Un libro da leggere e da regalare, fuori da qualunque schema se non quello appunto della memoria della gente comune.

Scrivi una recensione