DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Io sono dinamite. Vita di Friedrich Nietzsche

Sue Prideaux

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: UTET
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 3,38 MB
Pagine della versione a stampa: 525 p.
  • EAN: 9788851172206
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 12,99

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quando l’8 gennaio 1889 Franz Overbeck entra nella stanza di Friedrich Nietzsche, lo trova rannicchiato sul divano, impegnato in apparenza a correggere il suo Nietzsche contra Wagner. In realtà non è così: il filosofo ripete i gesti necessari per la lettura – la carta a una certa distanza dal naso, gli occhi che scorrono da sinistra a destra – ma non sembra più in grado di decodificare le sue stesse parole. Overbeck è un uomo silenzioso, solido, poco avvezzo alle manifestazioni emotive, ma quando vede in quello stato mentale il suo amico e collega dei tempi universitari a Basilea si sente mancare le gambe. Solo un anno prima in Ecce Homo, destinato a uscire postumo, Nietzsche si descriveva in tutt’altro tono: «Un giorno sarà legato al mio nome il ricordo di qualcosa di enorme – una crisi quale non si era mai vista sulla terra, la più profonda collisione della coscienza. Io non sono un uomo, sono dinamite». Sembrerebbe solo il passaggio oltre la linea d’ombra della follia, ma tutta la vita di Nietzsche si gioca su questa doppiezza: da un lato il filosofo iconoclasta, l’ordigno umano pronto a far saltare tutti i dogmi morali, religiosi e istituzionali di fine secolo; dall’altro l’anima vacillante attratta magneticamente dagli abissi dell’irrazionale in cui, per una tragica ironia, finirà per cadere. Ed è su questa antinomia che Sue Prideaux costruisce la biografia del primo maestro del sospetto, l’innesco intellettuale che contribuì a far esplodere in tutta la sua energia il Novecento. Io sono dinamite è il ritratto di un uomo che presentiva il proprio tramonto precoce ma proprio per questo era scosso da un intenso impulso vitale. E infatti i disturbi alla vista e le emicranie lancinanti, in parte all’origine del suo stile ellittico e oracolare, non gli impedirono di esordire come enfant prodige della filologia classica e conquistare presto il campo della filosofia. Allo stesso modo, il suo carattere ispido non gli proibì di costruire i legami che ne hanno intessuto l’esistenza: dal rapporto edipico e burrascoso con Richard Wagner al ménage à trois intellettuale col filosofo Paul Rée e la fascinosa Lou Salomé, una delle più brillanti future allieve di Freud, fino al vincolo doloroso di affetti con la sorella Elisabeth, custode e insieme “traditrice” del suo lascito letterario, sulle soglie del grande malinteso nazista che ha determinato la fama – e l’infamia – postuma del geniale ideatore del superuomo. «La migliore biografia dell’anno» - The Times «Una biografia esemplare» - The New York Times «Così dovrebbe essere ogni biografia: avventurosa, acuta, commovente, spesso persino comica, piena di dettagli scelti con acume e veri e propri squarci sulla vita di un uomo straordinario. È davvero dinamite.» - Sarah Bakewell, autrice di Montaigne e Al caffè degli esistenzialisti «Sue Prideaux getta la sua luce ferma e razionale sul più incandescente tra i poeti-filosofi: il risultato non poteva che essere illuminante.» - John Banville, autore de Il mare e la spiegazione dei fatti «Brillante, spiritosa, perfettamente calata nel contesto selvaggio e fatale della Germania dell’Ottocento, Io sono dinamite è una biografia eccezionale che ci restituisce la figura di un uomo a cui la storia ha inflitto un torto.» - Hugo Rifkind, The Times «Questa biografia è un ritratto straordinariamente originale di Nietzsche ed è scritta in maniera splendida» - Antony Beevor, autore di Stalingrado «Splendido! Il resoconto magnificamente scritto, intenso e commovente, di una vita dedicata alla conquista della grandezza intellettuale» - The Financial Times «Se può esistere una biografia popolare di Nietzsche, è questa» - The Evening Standard «Un capolavoro! Ciò che distingue questa biografia dai resoconti precedenti della vita di Nietzsche è la sua vibrante intimità. Evitando il troppo rigore filosofico, Sue Prideaux si avvicina semplicemente a Nietzsche più di chiunque altro abbia mai fatto prima» - The Los Angeles Review of Books «Un libro straordinario, impressionante per profondità e ampiezza» - The Sunday Times
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabio S.

    16/06/2019 18:31:00

    Biografia davvvero notevole, ben scritta e documentata che si avvicina molto, fino ad euguagliare quella di Massimo Fini. Con una narrazione frizzante, spesso serafica, tagliente, ironica, ma obiettiva (nonostante trapeli chiaramente l'atteggiamento intellettualmente ostile nei confronti della sorella e di Wagner), la Prideaux ci racconta un Nietzsche a tutto tondo, lasciando la sua filosofia come sfondo colto, sempre presente, e palcoscenico di una vita che, alla fine, non ha nulla da invidiare ad un romanzo. La forza di questo libro sta proprio nel suo "protagonista", antieore che ha segnato, essendo "nato postumo", tutto il '900 e il presente. Nietzsche ha vissuto un'esistenza da raccontare; quindi il testo può benissimo essere letto come un romanzo di formazione anche da chi, magari, non conosce o mastica la filosofia. Eppure può essere un'ottima lettura anche per chi conosce la materia e vuole comprendere Nietzsche al di là del suo solo pensiero. Qualche digressione filosofica, obbligata, potrebbe risultare difficile per i non addetti, ma ogni singola pagina vale la lettura. Un plauso va riservato alla prosa lucente e cristallina della Prideaux! Da lodare e sottilineare le appendici con bibliografia, aforismi più "attuali" e un inserto fotografico che completa il lavoro. Complimenti anche alla vestre grafica creata dalla UTET. Consigliato a chi vuole conoscere Nietzsche fino in fondo, lasciando la sua filosofia sottotraccia o a chi cerca, comunque, un romanzo ben scritto, documentato e avvincente; sconsigliato a chi vuole una storia senza esclusione di colpi di scena.

  • Sue Prideaux Cover

    È storica dell’arte e scrittrice. Ha ottenuto importanti riconoscimenti per le sue opere biografiche: con Strindberg. A Life è stata finalista per il Samuel Johnson Prize 2012 e nel 2005 ha vinto il James Tait Black Memorial Prize per Edvard Munch. Behind the Scream. “The Times” ha nominato Io sono dinamite (UTET, 2019) biografia dell’anno 2018. Approfondisci
Note legali