Editore: Fanucci
Collana: Tif extra
Anno edizione: 2005
Formato: Tascabile
Pagine: 256 p., Brossura
  • EAN: 9788834714157
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 5,34

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    pint74

    02/03/2014 16:36:46

    Un bel romanzo,da cui è stato tratto un bel film che non ha molto in comune con il libro se non la cupa disperazione del personaggio principale,solo ed in perenne pericolo.Il libro narra le vicende di un sopravvissuto ad un'epidemia che ha falciato gran parte della popolazione mondiale e che ha trasformato gli infetti sopravvissuti in una sorta di vampiri.Pazzia,disperazione,solitudine e rimorsi impregnano ogni pagina del libro.Un'atmosfera magistralmente ben ricreata,la storia di uno degli ultimi sopravvissuti,in perenne pericolo,circondato da infetti ostili e solo.Il finale è la ciliegina sulla torta,con un'inaspettato epilogo.Consigliato.

  • User Icon

    giacomo k

    13/12/2010 16:20:25

    Il libro si legge in un sol fiato, l'ho messo nello scaffale dei libri da rileggere, Consigliato. Peccato per il film, che a mio parere travisa tutto il libro.

  • User Icon

    Moreno C.

    24/01/2009 12:02:44

    Scritto nel 1954 'Io sono leggenda' si può considerare il capostipite del filone morti viventi/post apocalisse, rappresentando il soggetto originale al quale si è ispirata, più o meno consapevolmente, una folta moltitudine di scrittori e di registi (che annovera Romero, King e Boyle) di opere horror-dark-fantastiche nel corso dell'ultimo mezzo secolo. Questo romanzo si dimostra valido, credibile e contiene sapientemente diverse atmosfere: quella dell'orrore, certo, ma anche toni drammatici, l'azione e qualche sprazzo di ironia. Quel ''Vieni fuori, Neville!'' che puntualmente si ripete lungo il libro è una trovata geniale che aumenta progressivamente il senso di angoscia con cui deve fare i conti il protagonista del libro, nella sua quotidianità ritualizzata in un mondo stravolto. Commovente ed a suo modo lirico, il breve incontro con il cane randagio. Mozzafiato l'episodio in cui Neville scopre che gli si è fermato l'orologio da polso. Letteralmente 'oltre' il finale. L'unica pecca del romanzo (tuttavia ampiamente perdonabile, vista la portata dell'opera) consiste nell'ingenuità delle spiegazioni scientifiche sull'origine e sulla causa del morbo che ha infestato l'umanità, che proprio non reggono, ma poco male, a conti fatti.

  • User Icon

    Damiano

    07/07/2008 12:03:11

    Bello..mi è piaciuto molto..consigliato

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione