Io speriamo che me la cavo

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 1992
Supporto: DVD

20° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Bambini e ragazzi - Film bambini e ragazzi

Salvato in 43 liste dei desideri

€ 8,47

Venduto e spedito da KONKE

Solo 3 prodotti disponibili

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 7,99 €)

Un maestro ligure, per errore, viene assegnato ad una classe elementare in provincia di Napoli: qui la sua missione di educatore si rivela complessa e difficile, ma lui non si perde d'animo.
4,43
di 5
Totale 14
5
9
4
2
3
3
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Alessandro

    17/05/2020 18:05:22

    Il maestro Sperelli viene catapultato, per un errore banale, in un piccolo paese napoletano. Il suo primo compito sarà quello di far tornare i bambini in classe, avendo essi lasciato la scuola per lavorare. In seguito, farà loro apprezzare il valore della scuola che, in una zona così disagiata, puù rappresentare una forma di riscatto sociale. Film molto profondo e che strappa tante risate.

  • User Icon

    lorena

    17/05/2020 15:24:19

    Tenero film sugli errori grossolani dei bambini napoletani

  • User Icon

    Giovanna

    15/05/2020 09:25:51

    Il maestro Sperelli ama il proprio lavoro e, assegnato per errore ad una scuola in provincia di Napoli, dedica tutto se stesso affinchè i ragazzi non abbandonino la scuola. Molti, infatti, sono costretti già a lavorare per integrare il magro bilancio familiare, ed il maestro cerca in ogni modo di sostenerli. E' un film molto divertente, ma che deve far riflettere sulla condizione di tanti ragazzi che, purtroppo, non possono godere di nessuna opportunità per tentare un riscatto sociale.

  • User Icon

    Alfredo

    14/05/2020 21:59:09

    Paolo Villaggio è un professore amante del proprio lavoro e che, per un errore banale, viene inviato in un piccolo centro della Campania. Qui, dovrà prodigarsi per evitare la dispersione scolastica, andando in cerca dei suoi alunni che, vista la povertà delle rispettive famiglie, sono costretti a lavorare già in giovanissima età. Film molto divertente ma soprattutto profondo, perchè restituisce la certezza che, anche nelle difficoltà, una grande forza di volontà permette di riscattarsi socialmente e moralmente.

  • User Icon

    claudio

    14/05/2020 15:49:33

    Il film è divertente e scorrevole, riuscendo a inserire in maniera piuttosto convincente le vicende che i bambini di Arzano hanno riportato nei loro temi scolastici. Un Paolo Villaggio strepitoso nei panni di un insegnate che cerca di far capire che la scuola è l'unica via per sfuggire alla camorra.

  • User Icon

    tula

    13/05/2020 17:11:53

    Film simpatico, che prende spunto dai temi raccolti nell'omonimo libro per creare una storia unitaria incentrata sui bambini che frequentano la scuola in cui tali saggi sono stati scritti. Nei panni del maestro un validissimo Paolo Villaggio che riesce a dare quel tocco di simpatia a una pellicola che riesce a trattare temi scottanti con leggerezza e delicatezza, quasi attraverso gli occhi non ancora smaliziati dei bambini. La vita è dura in certe zone di Italia, e per alcuni lo è ancora di più: i bambini sono spesso le prime vittime del contesto in cui si trovano a crescere. Bello però lo spirito di amore per la vita e per la cultura che traspare da questa storia.

  • User Icon

    mattia

    07/04/2020 12:41:39

    Paolo villaggio in uno dei suoi migliori film

  • User Icon

    Gianpiero

    21/09/2019 17:05:32

    Libro dalle mille sfaccettature e dalle mille realtà diverse in un luogo a volte troppo giudicato... Mi è piaciuto tantissimo

  • User Icon

    Barbara

    19/09/2019 12:24:42

    Bellissimo film di Paolo Villaggio l'avevo già visto in TV ma l'ho acquistato per farlo vedere ai miei figli molto bello e significativo

  • User Icon

    Angela

    01/06/2019 11:23:33

    Grande film! Divertente ma anche realistico. Consiglio di leggere il libro.

  • User Icon

    fabrizio

    11/02/2010 06:23:22

    Davvero un buon film

  • User Icon

    Antonio

    13/04/2009 11:57:36

    Bel film con un Paolo Villaggio in splendida forma. Sarebbe bello vederlo in altri ruoli come questo. Il film è lo specchio di una parte della realtà di Napoli e provincia.

  • User Icon

    daniele

    31/10/2005 00:55:20

    la mia domanda è un pò diversa da ciò che viene richiesto; ma ciccio ingrassia risulta uno degli interpreti di questo film, oppure è stato un errore - per favore fatemi sapere - danyel

  • User Icon

    dylan128

    05/05/2005 18:08:26

    scopriamo il lato tenero di Paolo Villaggio.I bambini napoletani sono attori nati.

Vedi tutte le 14 recensioni cliente
  • Produzione: Cecchi Gori Home Video, 2005
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 102 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - stereo)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area0
  • Lina Wertmüller Cover

    Lina Wertmüller, nata a Roma nel 1928, ma discendente da una nobile famiglia svizzera (il suo nome completo è Arcangela Felice Assunta Job Wertmüller von Elgg Esapañol von Brauchich), oltre che a occuparsi di teatro e di tv, ha vinto i più prestigiosi premi cinematografici internazionali. Nel 1977 è stata la prima donna candidata all'Oscar come miglior regista per Pasqualino Settebellezze. Nel 2012 pubblica per Mondadori Tutto a posto e niente in ordine. Vita di una regista di buonumore. Approfondisci
  • Paolo Villaggio Cover

    Celebre esponente della comicità italiana sin dagli anni Sessanta, è famoso soprattutto per i personaggi che ha portato sia in televisione che sul grande schermo: il professor Kranz, il timido Giandomenico Fracchia, e soprattutto il ragionier Ugo Fantozzi. La sua attività di scrittore comincia dagli anni Settanta, ed inizia proprio con un libro su Fantozzi (grande successo internazionale) al quale seguiranno altri titoli centrati sulle disavventure del ragioniere, oltre ad una produzione comprendente altri libri a carattere satirico. Tra i molti scritti di cui è autore, ricordiamo Storia della libertà di pensiero (2008, Feltrinelli), Storie di donne straordinarie (2009, Mondadori), Mi dichi. Prontuario comico della lingua... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali