L' isola al centro del mondo. Una geopolitica degli Stati Uniti

Manlio Graziano

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Il Mulino
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 31 maggio 2018
Pagine: 385 p., Brossura
  • EAN: 9788815270542

€ 16,15

€ 19,00
(-15%)

Venduto e spedito da MAURONLINE

Solo una copia disponibile

+ 3,99 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 16,15

€ 19,00
(-15%)

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 19,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lo spostamento dell’asse geopolitico del mondo alimenta negli Stati Uniti la paura che il meccanismo di promozione sociale, alla base dell’American way of life, si sia inceppato. Quando gli americani hanno paura, tendono a ritirarsi nella propria isola, convinti che le minacce non possano che arrivare dall’esterno. Con la promessa di fare tornare l’America great again, Donald Trump ha interpretato con successo il mito dell’insularità, che affonda le radici nella storia del paese. Per questa ragione, per cercare di capire gli Stati Uniti di oggi, è indispensabile un’analisi geopolitica, che permetta di individuare le cause remote dei fatti recenti e di prospettare possibili scenari futuri. Per gli Stati Uniti, ma anche per il resto del mondo. Tre momenti essenziali dell’esperienza storica degli Stati Uniti d’America: l’ascesa, la maturità e l’attuale declino relativo, letti per la prima volta alla luce degli strumenti della geopolitica.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    DavideTamakh

    11/05/2019 10:08:14

    Un libro avvincente per gli appassionati del genere: analizza le tre grandi fasi della politica estera americana andando ai punti essenziali del pensiero geopolitico statunitense e della sua evoluzione nella storia. Libro decisamente interessante per chi è interessato agli argomenti: scritto molto bene, "tecnico" il giusto e soprattutto in grado di chiarire il perchè di molte delle scelte che Washington compie ogni giorno. Peccato solo per alcuni giudizi che ho trovato un po' troppo lapidari, ma per il resto sono quasi 400 pagine di puro godimento.

Introduzione

PARTE PRIMA. L'ASCESA
I. I fondamenti dell'eccezionalismo americano: epifania di un destino
II. La nascita dello Stato-nazione americano
III. Le costanti della politica estera americana
IV. Un prodotto delle relazioni internazionali

PARTE SECONDA. LA MATURITÀ
V. Il Lebensraum americano
VI. L'imperialismo americano
VII. L'inizio del secolo americano
VIII. L'apoteosi

PARTE TERZA. IL DECLINO RELATIVO
IX. L'ordine nuovo
X. L'invenzione dell'«alleanza occidentale»
XI. Lo spirito del nazionalismo
XII. Il mondo multipolare

Conclusioni. Great again?
Indice dei nomi
Note legali