It Can't Happen Here

It Can't Happen Here

Sinclair LewisGary Scharnhorst

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 732,85 KB
  • EAN: 9780698152700

€ 7,37

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

“The novel that foreshadowed Donald Trump’s authoritarian appeal.”—Salon

It Can’t Happen Here is the only one of Sinclair Lewis’s later novels to match the power of Main Street, Babbitt, and Arrowsmith. A cautionary tale about the fragility of democracy, it is an alarming, eerily timeless look at how fascism could take hold in America.

Written during the Great Depression, when the country was largely oblivious to Hitler’s aggression, it juxtaposes sharp political satire with the chillingly realistic rise of a president who becomes a dictator to save the nation from welfare cheats, sex, crime, and a liberal press.

Called “a message to thinking Americans” by the Springfield Republican when it was published in 1935, It Can’t Happen Here is a shockingly prescient novel that remains as fresh and contemporary as today’s news.

Includes an Introduction by Michael Meyer
and an Afterword by Gary Scharnhorst

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Sinclair Lewis Cover

    (Sauk Center, Minnesota, 1885 - Roma 1951) scrittore statunitense. Laureatosi a Yale, lavorò nel mondo dell’editoria e del giornalismo fino al primo grande successo ottenuto con Strada maestra (Main street, 1920), ritratto di una piccola città dai meschini orizzonti culturali, contro la quale Carol Kennicot, la protagonista venuta da fuori, combatte una vana battaglia. Con quest’opera L. definì l’ambito sociologico della sua narrativa: la provincia del Middle West, la nuova borghesia, materialista, immemore del passato e sradicata dalla terra. Seguirono Babbitt (1922), ritratto dell’americano medio con i suoi mutevoli umori, il suo conformismo, la sua noia, i suoi vani tentativi di evasione; Arrowsmith (1925), storia delle delusioni e dei compromessi di uno scienziato; Elmer Gantry (1927),... Approfondisci
Note legali