L' Italia delle fabbriche. La parabola dell'industrialismo nel Novecento

Giuseppe Berta

Editore: Il Mulino
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 22 ottobre 2009
Pagine: 331 p., Brossura
  • EAN: 9788815132697
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Attingendo a una massa ampia ed eterogenea di documenti, materiali, testimonianze, Giuseppe Berta disegna in questo volume il percorso della cultura e del mondo della fabbrica dall'inizio del Novecento a fine secolo. Le lettere dall'America del giovane Adriano Olivetti come il romanzo sulla grande crisi scritto da Gualino al confino fascista, l'intervento sindacale di Di Vittorio come la narrativa industriale di Ottieri e Volponi compongono una trama che evoca la forza e la capacità di mobilitazione possedute dall'industrialismo. Dopo una prima parte in cui si ricostruisce la formazione della grande industria italiana e si discute l'influenza del modello fordista, nella seconda parte si affronta la grande stagione del boom italiano, con protagonisti come Olivetti, Valletta, Mattei, sullo sfondo dell'ascesa dell'impresa pubblica e del cambiamento della Confindustria. Nella terza parte, il racconto si snoda dalle conseguenze dell' Autunno caldo del 1969 fino al profilarsi di un nuovo paesaggio economico, non più segnato dall'impronta manifatturiera, per affrontare, nell'epilogo, la prospettiva dell'Italia industriale alla luce della trasformazione internazionale della Fiat.

€ 18,28

€ 21,50

Risparmi € 3,22 (15%)

Venduto e spedito da IBS

18 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorenzo Panizzari

    08/11/2012 10:01:00

    Buon libro, struttura tipica dei testi accademici del Mulino. Non di parte, accademico, curato, dettagliato, a tratti non discorsivo ma di certo utile per lo scopo documentativo che si prefigge.

Scrivi una recensione