Offerta imperdibile
L' italiano - Sebastiano Vassalli - copertina
Salvato in 6 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
L' italiano
9,00 €
LIBRO USATO
Venditore: Equilibri Libreria
9,00 €
disp. immediata disp. immediata (Solo una copia)
+ 5,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Equilibri Libreria
9,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
MaxLibri
14,50 € + 2,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Equilibri Libreria
9,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
MaxLibri
14,50 € + 2,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Chiudi
L' italiano - Sebastiano Vassalli - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Il tema del nuovo libro di Sebastiano Vassalli è un condensato della sua poetica: undici storie paradigmatiche del carattere degli italiani, colto nella debolezza, nella meschinità, nell'infantilismo, nella vigliaccheria. L'ultimo doge di Venezia, Ludovico Manin, svillaneggiato come traditore della patria, lascia tutti i suoi averi ai matti perché sono forse le persone meno stolte che ci siano. Saverio Polito è "Il trasformista": ex funzionario dell'Ovra, generale di Badoglio, cerca di approfittare della moglie del duce. Viene denunciato da donna Rachele e arrestato; dopo la liberazione, forte del fatto di essere stato incarcerato da Mussolini, fa carriera e diventa questore di Roma. Togliatti durante una conferenza alla Normale di Pisa è attaccato da un giovane studente, perde la pazienza e sbotta: "Provaci tu, a fare la rivoluzione". "Ci proverò stia tranquillo", risponde il giovane Adriano Sofri.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2007
140 p., Rilegato
9788806187972

Valutazioni e recensioni

3,5/5
Recensioni: 4/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(1)
Beppe
Recensioni: 3/5

Forse il limite maggiore di questi racconti sta proprio nel volerne fare per forza una raccolta di pezzi di un puzzle che va a comporre il carattere nazionale. Si finisce infatti secondo me per chiedere a della buona letteratura (e qui dentro ce n'è molta)quello che non si ottiene dalla sociologia o dal giornalismo di qualità. Prova ne è l'episodio del Signor B., dialogo in bilico tra l'attualità ed una prospettiva storica tutto sommato assolutoria, che lascia tutto sommato il tempo (ed il resto dei racconti)come il ha trovati.

Leggi di più Leggi di meno
GUIDO
Recensioni: 1/5

Mi spiace: Vassalli ha scritto libri bellissimi (penso, ad esempio, a "la chimera"), ma questo è proprio vuoto, insulso e slegato. La prosa è certamente scorrevole, ma non lascia nulla. E' un libro brevissimo, ma non sono riuscito a finirlo!

Leggi di più Leggi di meno
philo
Recensioni: 5/5

E' inutile, ci sono autori che puoi comprare ad occhi chiusi e non ti deludono mai. Interessante e curioso.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,5/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(1)

La recensione di IBS

Chi è l'Italiano? Sembra chiederselo persino Dio nella cornice di questo libro, facendo i conti con il carattere nazionale di un popolo ineguagliabile. Da L'oro del mondo in poi, Sebastiano Vassalli non ha cessato d'intrattenerci sul costume degli italiani, sui vizi (molti) e sulle virtù (molte meno) dei nostri connazionali. Lo ha fatto servendosi degli strumenti del narratore e mantenendosi fedele al ambizione, espressa in quello stesso romanzo, di rappresentare personaggi storici "da romanzare in superficie ma da lasciare poi intatti nella sostanza". In questa raccolta di racconti, dodici ritratti esemplari dedicati a Giulio Bollati, Vassalli racconta protagonisti famosi o personaggi sconosciuti di vicende che disegnano la storia del nostro paese nell'arco di circa duecento anni. Ne viene fuori il carattere nazionale di un popolo senza eguali: infantile e narcisista; opportunista ma simpatico; adattabile e ingegnoso; vigliacco ma furbo, egoista ma, allo stesso tempo, generoso. Un ritratto forte che coglie l'essenza dei caratteri e presenta una galleria di ritratti che si parlano e si raccontano illuminandosi a vicenda. L'autore traccia questo profilo ricapitolando e mettendo a confronto una serie di italiani dei quali si è occupato nei suoi romanzi precedenti. Talora ne ripropone intere pagine: è il caso del commendator Notarbartolo, assassinato come testimone incomodo di malefatte politico-finanziarie; di Francesco Crispi, che sul letto di morte si autoassolve delle malefatte proclamando l'amor di patria o del soldato che sul fronte del Carso ammansisce i cecchini austriaci intonando romanze con voce tenorile. Talaltra propone figure già viste (come l'ultimo doge di Venezia, Lodovico Manin o Saverio Polito) che vengono qui arricchite e dotate di particolare rilevanza. Completano il quadro personaggi nuovi: una serie di ecclesiastici esiliati da Napoleone, un fascista e vari altri "tipi" che rimandano, in un modo o nell'altro, all'attualità. Infine, in chiusura, compare l'italiano per eccellenza, l'Arcitaliano, il signor B.:"quello che ha ispirato decine di romanzi, centinaia di saggi e centinaia di migliaia di articoli di giornale". è quell'italiano come tanti che le circostanze hanno reso immenso e esagerato, quel personaggio che "metà degli italiani ama incondizionatamente, perché è ciò che loro vorrebbero essere e non possono essere fino in fondo; gli altri lo detestano per la ragione opposta, che non riescono a liberarsi dei suoi difetti: il narcisismo, la socievolezza al posto della socialità, la megalomania, l'anarchismo, l'ansia di protagonismo e via elencando". Nel ritmo incalzante di dodici storie che danno forma a un'unica storia, sotto il segno di un ironico disincanto, Vassalli riesce a tracciare il profilo dell'Italiano nel tempo e a disegnare infine il nostro volto, quello che siamo - anche se non sempre vorremmo esserlo.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Sebastiano Vassalli

1941, Genova

Scrittore italiano. Nato a Genova, sin dalla prima infanzia vive in provincia di Novara. Laureato in Lettere a Milano, ha discusso con Cesare Musatti una tesi su "La psicanalisi e l'arte contemporanea".Dagli anni sessanta si è dedicato all'insegnamento e alla ricerca artistica della Neoavanguardia, partecipando anche al Gruppo 63. Solo in seguito si è dedicato anche alla scrittura, incontrando successo soprattutto grazie al suo romanzo storico La chimera, ambientato a Novara negli anni a cavallo fra il sedicesimo e il diciassettesimo secolo.Fra i suoi titoli ricordiamo - oltre alla già citata Chimera - La notte della cometa, Sangue e suolo, L'alcova elettrica, L'oro del mondo, Marco e Mattio, Il Cigno, 3012, Cuore di pietra, Un infinito numero, Archeologia del presente,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore