Traduttore: F. Ascari
Editore: TEA
Collana: Le rose TEA
Anno edizione: 2017
Formato: Tascabile
Pagine: 510 p., Brossura
  • EAN: 9788850246991
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,56
Descrizione
«Nitidamente perfetto e piacevole, affascinante come una tela di ragno, una prova d'immaginazione scintillante» - Daily Telegraph

Londra, 1862. Orfana sin dalla nascita, Sue è cresciuta in un mondo di piccoli ladri e malfattori, tra gli stenti e le durezze della strada. E quando il caso le offre l'opportunità di rifarsi alle spalle di una ricca ereditiera, Maud, un'orfana come lei che vive in un tetro palazzo, Sue non si tira indietro. Tuttavia, non appena si avvicina alla sua vittima, indossando i panni della cameriera, comincia a essere assalita dal dubbio. A poco a poco una curiosa intimità sorge tra le due giovani, tanto diverse eppure irresistibilmente attratte l'una all'altra.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 14,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mariflo

    27/10/2014 20:19:20

    Confesso di aver abbandonato la lettura più o meno a pagina 370 (ebook). Mi sono sforzata perchè non amo lasciare i libri a metà, ma davvero non ce l'ho fatta. Le prime due parti promettevano bene....poi solo noia, pagine e pagine di chiacchiere inutili, dialoghi che si dilungavano all'infinito senza aggiungere dettagli degni di nota i fini della storia. Un vero peccato, perchè l'originalità di quanto espresso nella prima parte, meritava un prosieguo migliore, più snello e più incisivo.Alla fine, ho perso persino la curiosità di conoscerne la fine.

  • User Icon

    Lenni

    02/09/2009 13:09:36

    Per MARVY: Aspettiamo trepidanti un tuo romanzo con dei colpi di scena meno banali allora... dai dicci... quando esce? Devo ammettere che un colpo di scena in particolare, io, nella mia mediocrità, non lo avevo immaginato e, quando è arrivato, mi ha deliziata. In ogni caso non è solamente in questo che sta la bravura della scrittrice. E' l'unità del libro, in cui le parti sono saldate e coerenti nonostante i balzi nel tempo e nello spazio. (Cosa che ho trovato anche in "turno di notte") L'elemento potentemente ma sottilmente unificatore è proprio .. "ladra", che non è solo l'iniziale attività della protagonista, "ladra" è il nocciolo della storia, l'essenza del libro se così si può dire. Chi ha rubato cosa a chi? Chi è il vero ladro? E qual è la "cosa" sottratta? Tutti hanno rubato - o ne hanno l'intenzione - qualcosa a qualcuno, non solo oggetti ma nomi e identità, speranze e destini. Non tutto quello che è stato rubato viene restituito, ma alla fine una sorta di giustizia punisce di qua e risarcisce di là. Il finale, è vero, è piuttosto "lungo". Sembra non terminare più e tiene sulle spine. Si può dire che a fronte della chiarezza della situazione e dell'intreccio dei primi due grandi capitoli, la terza parte sembra inutilmente intricata. Forse avrei preferito una conclusione piu semplice e lineare, ma non basta questo a farmi cambiare opinione sul romanzo: l'ho trovato avvincente e ben fatto. E poi, parliamone, finalmente una scrittrice che si dedica alle lesbiche senza scrivere di psicodrammi o storie di repressione e infelicità.

  • User Icon

    Albatross

    14/05/2008 20:38:44

    Fantastico! 500 pagine sono volate letteralmente via in 3 giorni, era da molto tempo che un libro non mi prendeva così. Una grandissima storia, molto d'atmosfera, ottimo stile, trama ben congegnata e con numerosi colpi di scena, molto bella la storia d'amore (quest'ultima in effetti un pochino di approfondimento in più poteva riceverlo, ma è ottima ugualmente).

  • User Icon

    angela

    02/07/2007 23:03:12

    Mi associo al commento di silvia, ma diminuendo l'enfasi. Nulla a che fare con Ian Pears. Diciamo che, visto il talento, l'autrice poteva sicuramente risparmiarsi qualcosa e nel contempo fare qualcosa in più per rendere il romanzo di maggiore qualità letteraria.

  • User Icon

    Marvy

    07/05/2007 21:51:43

    Non capisco tutto l'entusiasmo dimostrato per questo romanzo banale. L'ho trovato di una noia mortale e per nulla accattivante, per non parlare dei "colpi di scena" che per me sono stati assolutamente prevedibili! Lo sconsiglio vivamente, a meno che non abbiate bisogno di un libro per addormentarvi la sera...

  • User Icon

    chi

    04/07/2006 16:04:58

    Senza sonno (© jemmy I/05) “Se i miei pensieri fossero martelli o piccioni, sarei libera diecimila volte. Ma i miei pensieri erano più come veleni. Ne avevo così tanti che mi facevano stare male”. Ci sono due ragazze, un castello, una donna che cresce bambini, un uomo immobilizzato dai libri e dal ruolo, servitù invisibile, espedienti geniali, ladri e ricettatori resi appena vigliacchi e silenti dalle acque melmose del Tamigi. C’è un passato che sta prima delle cinquecentodieci pagine di Ladra e che a fatica riaffiora e qualche volta suppura. Il passato quando risolve, rompe e condanna. Anche se l’unica colpa è quella sancita dalle convenzioni degli uomini e del loro censo. Non ci sono bugie solo invenzioni che sostituiscono perfettamente una realtà ad un’altra. Senza intersecarsi. Una donna bussa a una porta, è incinta, mette al mondo una bambina, la donna scompare la bambina cresce. Una bambina cresce. La potenza dei bambini è quella di crescere indipendentemente dall’articolo determinativo o indeterminativo che si utilizza per identificarli. Sue e Maud vivono all’oscuro l’una dell’altra, una in un castello l’altra nella casa dei ladri e degli assassini. Una pudica e protetta nonostante tutto l’altra libertina e riflessiva a dispetto delle mura di pietra. C’è un errore di percezione, c’è odore di frode. Come è possibile che la furbizia attecchisca in una durata senz’aria e senza tempo, in una brughiera distante dalla corruzione del mondo? C’è un inganno che è una scatola cinese e che richiede sedici anni e libri che bruciati riscalderebbero assai meno. Che libri? “Di quante storie ha bisogno un solo uomo?”. Sue e Maud si incontrano e le realtà si intersecano e cominciano a contraddirsi. Ma come uno scricchiolio. Senza crepe apparenti. Sarah Water costruisce un romanzo paziente. Scrive di gente che, incurante del tempo e delle devastazioni che il tempo impone a corpi cose e animi, rimane uguale a se stessa, motivata motivante e imperterrita. Costante. Paziente. Ladra è un romanzo in attesa, l’autrice compri

  • User Icon

    paola

    08/03/2006 18:39:19

    Un piacere che finisce troppo presto, nonostante le 500 pagine. Suspance, amore, passione,intrighi, particolari ed ambientazioni che ti calano nei luoghi e nell'atmosfera anche un po' cupa dell'Inghilterra dell'800. Ma ciò che mi è piaciuto di più, è la capacità dell'autrice di evidenziare come spesso nulla è ciò che sembra. Nulla è come in realtà appare. Ed anche le eventuali affinità spesso non si rivelano per questo motivo. Mi è stato regalato da un'amica e le sono grata!

  • User Icon

    Chicca

    20/07/2005 15:27:30

    Scritto molto bene,stupende le descrizioni della campagna inglese,quasi tutti azzeccati i colpi di scena.Veramente bello.Ho fatto un ottimo acquisto.ho trascorso ore piacevoli.

  • User Icon

    silvia

    04/05/2005 14:51:57

    Il punto forte dell'opera è la capacità dell'autrice di scrivere un feuilleton ottocentesco, denso dei tropoi che lo caratterizzano, aggiungendo quelle sottili variazioni che consentono ad un lettore contemporaneo di provare le stesse emozioni un tempo ricercate in Dickens & Co. Plot avvincente, quindi, e delizioso gioco di specchi nella narrazione incrociata delle protagoniste (stile Pears nel La quarta verità).

  • User Icon

    laura

    14/09/2004 17:04:27

    uno dei libri più belli che abbia letto, ti dispiace averlo finito, pieno di colpi di scena. bello, bello, bello.

  • User Icon

    Mariangela

    09/09/2004 18:14:46

    Ho acquistato questo libro sull'onda (che con il senno di poi posso definire anomala) delle buone recensioni visionate. Devo dire che sono rimasta alquanto stupita nel constatare quanta "carne al fuoco" viene accumulata nello sforzo di rendere un romanzo avvincente. Fatico a trovare originale una vicenda, di cui aspettavo soltanto una fine che pareva non arrivare mai, perché troppo somigliava ad una telenovela. Lunga, irta di intrighi artificiosi, pretestuosi colpi di scena senza troppe pretese, situazioni che a tratti la narrazione non riesce a rendere verosimili nemmeno nell’ambito di un romanzo. Certo lo stile non è da buttare, tuttavia l’ho trovato sterile, incapace di lasciare una traccia dietro gli occhi del lettore. Nemmeno la relazione amorosa (poco più che accennata) tra le due ragazze riesce a smuovere la lettura che procede alquanto piatta.

  • User Icon

    simone

    07/09/2004 14:58:01

    Notevole. Senza altre parole o commenti che possono solo sminuire il lavoro di questa Sunday Times Young Writer of the Year.

  • User Icon

    Princess

    03/07/2004 10:01:50

    Bello, bello, bello! Intreccio avvincente, colpi di scena e poi quell'ambientazione un pò cupa ke tanto mi piace! E' un romanzo originale ke ti tiene incollato fino all'ultima pagina. Da leggere

  • User Icon

    Gilraen

    01/07/2004 17:11:38

    Bello, davvero bello. Un romanzo intrigante, avvincente e appassionante, ben congegnato e ricco di momenti di suspance che ti stupiscono piacevolmente.

  • User Icon

    erika

    17/05/2004 23:10:56

    incredibile, fantastico... tra i migliori mai letti!

  • User Icon

    gianna

    08/03/2004 16:27:30

    Le ragazze vittoriane... quelle mammolette pallide con i capelli (unti) pettinati in bande ordinatissime: cosa bolliva in quelle loro menti torbide, forgiate da privazioni e the, da divieti e rispettabilità? Entrambe le protagoniste, la signorina e la ladra, richiamano irrestibilmente (ed esplicitamente) i personaggi di Dickens: Nancy, l'innocente Oliver Twist, il crudele e mellifluo Fagin. Una Londra sporca e gremita, squallida e tentacolare, e una campagna livida, sono lo sfondo meravigliosamente tratteggiato di un romanzo malizioso, cattivo e coinvolgente al punto giusto.

  • User Icon

    chiara171

    04/03/2004 12:49:15

    Intreccio molto ben congeniato ed atmosfera intrigante. Stile a tratti un po' stopposo, ma scorrevole e denso. Finale che rammenta il gotico ottocentesco. Non male. 04/03/2004

  • User Icon

    Andrea Ighina

    01/03/2004 20:43:43

    Davvero una piacevolissima scoperta,trama mozzafiato, colpi di scena, perfetta ambientazione storica.E' un peccato non vederlo nelle classifiche di questo sito.Assolutamente da leggere.

  • User Icon

    stefania

    28/02/2004 17:23:56

    Ho appena finito il libro e sono triste perchè quando un libro è così bello, dispiace sempre terminarlo. E' un romanzo intrigante e completo, storico, giallo e d' amore. Passate le prime cinquanta pagine, non si vede l' ora di vedere come finisce. E finisce bene, molto bene.

  • User Icon

    Elisabetta V.

    20/02/2004 14:48:08

    Allora… “Ladra”, urka che bel titolo. Cioè, anzi.. il titolo di per sé mi avrebbe fatto schifo (posso dirlo ?) se fosse stato il solito fumettone ambientato ai giorni nostri, magari americaneggiante e inserito nell’ambito di qualche bieca multinazionale o cose del genere. Invece mi piace perché è ambientato nell’Inghilterra dell’800. C’è una bella differenza. Vuoi mettere l’atmosfera ? La nebbia fitta, il cielo bigio (non grigio, bigio), il Tamigi maleodorante ma tanto pittoresco… e il sottobosco della malavita che vive (o sopravvive) a metà fra nefandezze e cordialità. Insomma ho scelto il libro perché amo il genere storico, o finto tale… Fatto sta che fino alle prime circa 40-50 pagine circa la “Lettrice” (cioè la sottoscritta) pensava che la “Ladra” la stesse facendo schiattare per la noia. Troppi dettagli, troppe circonlocuzioni, troppi giri di parole… Poi, verso pagina 100 mi sono ritrovata persa nel gorgo del “chissà adesso cosa succede ?”. Domanda che mi sono posta più e più volte nel corso delle totali 500 pagine. Cosa non da poco. Anche perché l’autrice è abilissima nel buttare lì frasi del tipo: “… al momento sembrava che fosse così, ma poi…”..ecc…

Vedi tutte le 24 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione