Categorie

Giorgio Scerbanenco

Editore: Garzanti Libri
Edizione: 2
Anno edizione: 2001
Formato: Tascabile
Pagine: XI-141 p. , Brossura

5 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Gialli - Gialli classici

  • EAN: 9788811685050

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Truedefender

    27/08/2013 16.56.43

    Non il miglior Scerbanenco ma sempre ad altissimi livelli. Grande narrazione, fantastici personaggi caratterizzati al meglio, come sempre. La storia è molto intrigante e curiosa. A mio modesto parere il finale, cioè la "spiegazione" del giallo lascia molto l'amaro in bocca. Come una gran corsa che si spegne nel finale...! Comunque ne consiglio sicuramente la lettura visto che la mia valutazione è soggettiva.

  • User Icon

    zombie49

    03/05/2013 14.35.54

    In un giorno di pioggia Mario, ladro professionista, esce dal carcere di San Vittore, a Milano. Con la complice di sempre, Giovanna, realizza un buon colpo e va a cercare la donna che ama e lo ha atteso, Caterina. Con lei va a visitare Orvieto, come lei aveva sempre desiderato. La lascia sola pochi minuti in auto, e al ritorno ha una terribile sorpresa: Caterina è morta, la gola squarciata da una coltellata. Disperato, fugge dai carabinieri in arrivo e si mette in cerca dell'assassino. Intrigante all'inizio, la storia diviene poi improbabile, con troppi giustizieri fai da te e troppe coincidenze inattendibili. I personaggi sono tutti positivi, pur con una loro personale e discutibile etica. I contestatori sessantottini sono inverosimili, ridotti a macchiette stereotipate. Pur con troppe fughe, travestimenti, incroci casuali, questo giallo sfumato in rosa rimane piacevole, grazie allo stile scorrevole e stringato, che descrive x immagini, vivide come fotografie, persone, luoghi e situazioni. Nonostante qualche bisticcio con le coniugazioni verbali, neppure imputabili ad un traduttore, rimane una gradevole lettura non troppo impegnativa.

  • User Icon

    Simeone

    02/07/2011 00.06.44

    Il romanzo si finisce velocemente sia per come scrive IL mitico Scebarnenco sia per la storia incalzante(vabbè anche perchè sono 140 pagine :D ) Verso la fine si potrebbe capire come si scioglie l'intreccio ma non è affatto scontato....il finale lascia un pò così come se finisse tutto di colpo...sempre con l'amaro in bocca e la malinconica consapevolezza che non si potrà leggere più nulla sui personaggi che ci hanno trascinato nel loro mondo

  • User Icon

    luca

    06/01/2011 23.57.07

    Faccio fatica a dare un voto alto a questo libro se lo paragono alla serie del Duca...solo per "completisti"

  • User Icon

    gmb

    14/07/2010 14.00.50

    L'ho trovato un pò ingenuo come romanzo, comunque piacevole. Leggerò ora la serie del Duca.

  • User Icon

    Fabio Canesi

    26/04/2007 09.36.40

    "Ladro contro assassino" non può non meritare una votazione alta. E' un'opera dal valore straordinario, contraddistinta da un ritmo incalzante e da un finale che disorienta anche il lettore più pratico della letteratura cosiddetta "gialla". Forse non è il romanzo migliore di Giorgio Scerbanenco (che rimane, a mio giudizio, "I ragazzi del massacro"), tuttavia è un testo che non si può non leggere tutto d'un fiato ed apprezzare. La sensazione è che Scerbanenco sia, a tutt'oggi, il miglior autore di gialli italiano. E' inutile che si tenti di paragonargli qualche altro scrittore contemporaneo. Lucarelli, Dazieri, Baldini? Buoni scrittori dinanzi ad un gigante della letteratura "gialla". Lo paragonerei al McBain dei tempi migliori. Il che mi pare un complimento assai lusinghiero, nonché assolutamente meritato.

  • User Icon

    Cristiano

    22/02/2006 12.01.53

    Non so più che aggettivi trovare per questo maestro del noir. Ladro contro assassino sembra un racconto di Milano Calibro 9 "allungato". Ritmo forsennato, colpi di scena, trama intirgante. Come sfondo il grigio di Milano in novembre e il freddo candore di Orvieto e della campagna umbra. Semplicemente l'ennesimo capolavoro. Consiglio questo libro a chi dovesse esoredire con Scerbanenco...per poi passare ai più completi quattro "Duca Lamberti".

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione