Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Lady Sings the Blues - Vinile LP di Billie Holiday

Lady Sings the Blues

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Billie Holiday
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Waxlove
Data di pubblicazione: 11 febbraio 2019
  • EAN: 8055515230819
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 13,90

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Nonostante la sua tarda carriera sia stata segnata dalla dipendenza e da problemi di carattere personale, la sua voce facendosi più dura ed increspata per via del 'dolore' diede vita a Lady Sings The Blues, a posteriori uno dei migliori album della sua storia. Originariamente pubblicato nel 1956, in concomitanza con la sua autobiografia, la Holiday fu raggiunta per queste sessioni dal sax tenore Paul Quinichette, dai trombettisti Charlie Shavers e Harry Edison, dal pianista Wynton Kelly e dai chitarristi Kenny Burrell e Barney Kessel. Un pezzo di storia del jazz vocale, bello, fumoso e a lenta combustione. Essenziale.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sandro G 74

    04/05/2020 07:07:23

    Una voce unica, per me la più profonda di sempre. Ogni volta che ascolto i suoi dischi, sempre, la mente se ne va per i fatti suoi, come in un incantesimo antico. Meraviglia immortale che ti azzanna l'anima con furore cieco e malinconia straziante.

  • Billie Holiday Cover

    Propr. Eleonora, detta «Lady Day». Cantante statunitense di jazz. La sua è considerata la più alta espressione vocale della musica nero-americana, per il timbro intenso e struggente, fattosi più scarno e drammatico negli ultimi anni. Impregnato di blues, il suo canto è a volte simile al «sound» di un sassofono, in particolare affine a quello di Lester Young (con cui collaborò spesso). Le prime incisioni sono nel 1935 con l'orchestra di Benny Goodman; poi, fino al '39, cantò con il gruppo del pianista Teddy Wilson e in seguito con importanti jazzisti radunati per lei dall'impresario Norman Granz. Approfondisci
Note legali