Il lavoro debole. Oltre la società salariale

André Gorz

Editore: Edizioni Lavoro
Collana: I grandi piccoli
Anno edizione: 1994
In commercio dal: 1 ottobre 1994
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: 75 p.
  • EAN: 9788879106290
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 3,51

€ 4,13

Risparmi € 0,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

4 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 


scheda di Longhi, M., L'Indice 1995, n. 4

Nonostante non vi sia alcuna indicazione sull'opera originale, è invece chiarissimo l'intento perseguito con la pubblicazione di questo volumetto, che è quello di presentare e richiamare velocemente le idee fondamentali e le proposte avanzate da André Gorz, già abbastanza noto al pubblico italiano. Nel primo capitolo, "Il declino del valore del lavoro e la crescita dei valori post-economici", l'autore indaga i mutamenti sempre più veloci che hanno attraversato il mondo del lavoro. Accanto a una diminuzione quantitativamente consistente del lavoro produttivo si è verificato un mutamento nella natura del lavoro, con la conseguenza che gli individui devono ora autodefinirsi mediante attività non retribuite ed estranee alla sfera economico-produttiva. In questo contesto è nata la proposta - che non è solo di Gorz - di una riduzione generalizzata dell'orario di lavoro, tesa da un lato a favorire l'allargamento della base occupazionale, e dall'altro a redistribuire la ricchezza; il tutto, tra l'altro, "liberando" il tempo dei cittadini-lavoratori, che potrebbero in questo modo occuparsi anche "di quelle cose che non possono essere comprate, o che assumono il loro vero valore e senso solo quando non sono fatte principalmente per denaro". Sarebbe questa, in sintesi, "la fine della società salariale" analizzata nel secondo capitolo. Il criterio di fondo in questa situazione è quello di un reddito continuo per un lavoro discontinuo, ossia la rottura di quello che tradizionalmente associa tempo pieno a reddito pieno. Si tratta di un punto delicato, sul quale sorge spontaneo il confronto critico con un'altra proposta tipica delle sinistre, quella del reddito di cittadinanza garantito. Gorz vi si inoltra senza indugi nel corso dell'ultimo capitolo (il più interessante del libro), e dopo aver bilanciato vantaggi e svantaggi della proposta, conclude che in realtà essa "elude il problema politico che la società di mercato non sa risolvere: quello del diritto al lavoro".