Categorie

La leggenda dei monti naviganti

Paolo Rumiz

Editore: Feltrinelli
Edizione: 3
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788807883064

nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Reportage e raccolte giornalistiche

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Vale

    28/07/2014 09.33.14

    Non posso dare un vero giudizio su questo libro perché sono riuscita a leggere solo pezzi qua e là. Con questo voto voglio solo mettere in guardia un altro potenziale lettore a cui non piaccia un determinato modo di scrivere, che è il motivo che mi ha impedito di apprezzare lo scritto. L'autore è un giornalista e come tale usa quasi sempre frasi brevi e ad effetto, non di rado polemiche. Certo è uno stile molto diretto che rende subito l'idea ma che io non trovo per niente godibile. All'espressione "anarchica goloseria" dell'orso verso il miele mi sono arresa. Se questo tipo di scrittura vi piace, è un libro che può essere interessante come confermato dalle altre recensioni. Sennò meglio orientarsi verso altri libri di montagna. Per un' equazione montagna=relax o meditazione c'è "Il ragazzo selvatico" di Cognetti, "Walden ovvero vita nei boschi" di Thoreau, o "Fèro, l'uomo dei boschi" di Michael Wachtler. Se invece l'equazione è montagna = vita dura e rude ma vera , i libri di Mauro Corona sono di sicuro tra i più papabili.

  • User Icon

    luca

    08/01/2013 12.38.29

    Grande Rumiz! E' il terzo suo libro che ho la fortuna di leggere, ed è la terza volta che rimango colpito ed affascinato dalle sue descrizioni. Solo l'immenso Terzani - stando alla letteratura italiana - ha saputo emozionarmi di più, e suscitarmi immagini tanto evocative. Da leggere e rileggere, anche saltando qua e la, si trova sempre qualche pagina che induce a riflettere sul nostro quotidiano e sulle tante (troppe) contraddizioni di questa società. Bellissime le descrizioni e le pagine dedicate ad alcuni grandi uomini (i Bonatti, i Rigoni Stern)che nel frattempo, purtroppo, ci hanno lasciati. Da amante dei viaggi e della montagna, non posso che consigliarlo caldamente a tutti

  • User Icon

    Tiziana

    03/01/2012 15.41.27

    Lo sto' leggendo per la seconda volta,perchè l'appennino è la catena delle nostre origini(per lo meno le mie!),quella bistrattata e usata come seconda scelta,rinnegata come il nostro passato agricolo.Meravigliosi i percorsi e i paesaggi evocati. Al tempo stesso non me la sento di demonizzare i "cittadini",come non amo l'interferenza politica tanto cara agli scrittori-giornalisti.Stona e infastidisce questa iper critica su tutto e tutti,questa superbia continua che coinvolge anche la "povera" nerina.Perchè "povero", oggi,sembra voler dire elitario,qualcosa che dobbiamo osannare per giustificare il nostro stile di vita benestante.Molti si dimenticano che i nostri padri si sono spaccati la schiena per farci vivere agiatamente.A me basta questo pensiero per non sentirmi in colpa!

  • User Icon

    Gloria

    07/02/2011 20.07.06

    Chiunque ami la montagna, la bella scrittura e il buon giornalismo, dovrebbe leggere questo libro.

  • User Icon

    Marco

    13/04/2010 13.44.11

    Rumiz è un viaggiatore. Di professione e di spirito. In questo libro compie in due anni diversi due traversate: le Alpi e gli Appennini. Per valorizzare un Italia che non compare mai sui riflettori dei mass-media e degli eventi mondani (tranne che per qualche fatto di cronaca e, disgraziatamente, per la tragedia recente che ha colpito l'Abruzzo). Un viaggio che non è una fuga dal mondo ma la scoperta di un mondo silenzioso e grandioso oltre che la presa di consapevolezza della vitalità di questo mondo segreto. Il libro è diviso in due parti, le Alpi e gli Appennini, che si dispiegano ciascuna con una musicalità differente rispetto all'altra. Le Alpi appaiono le fiere guardiane, i contrafforti che separano l'Italia dal Nord Europa. Pare di sentire la loro presenza sempre costante mentre il viaggio si svolge fra rievocazioni quasi leggendarie di personaggi del passato (Fra Dolcino, il poeta Mistral, leggendari ingegneri di strade alpine) e incontri ai confini del mistico di personaggi viventi (Mauro Corona, Mario Rigoni Stern, un frate esperto di grappe, un artigiano che fabbrica violoncelli il cui suono fa eco nei boschi, l'ultranazionalista Haider da poco tempo defunto,) con sconfinamenti all'estero, in Svizzera, Slovenia, Austria Baviera e Francia. Sono le catene alpine le vere protagoniste di questa traversata che pare proprio una navigazione fra valli quasi fossero fiordi norvegesi incuneati fra le vette. Ma la vera scoperta è stata la seconda parte del libro, l'attraversamento degli Appennini a bordo di una Topolino - simbolo dell'Italia pre boom economico - dalla Liguria alla Calabria. E' la rivelazione di un pianeta arcano e sterminato che rimanda a riti preromani, dove, come gli ultimi indiani d'America, sopravvivono e resistono uomini-eroi che lottano contro la globalizzazione forzata imposta da poteri centrali e lontani ripetto al loro mondo (pare a volte di sentire i "cafoni" immortalati da Silone in Fontamara).

  • User Icon

    claudio

    22/07/2009 17.12.16

    Consigliatomi dalla mia libraia di fiducia, sono contento di averlo letto. Conoscevo Rumiz per il viaggio in treno di seconda classe, ma questo è ancora superiore. E' una bella gara fra Alpi e Appennini, ma direi che delle Alpi si conosce molto se ormai non tutto, mentre gli Appennini -in particolare quelli minori scelti da Rumiz- sono quasi sconosciuti. E poi l'eccezionale idea di usare una Topolino. GRANDE RUMIZ. Cercherò prossimamente altri suoi libri: mi hanno detto che il viaggio in bici fino ad Istanbul è imperdibile.

  • User Icon

    Marco Vignozzi

    15/04/2009 15.11.19

    Leggendo La Repubblica ho letto i vari articoli pubblicati che sono alla base di questo libro nel momento in cui sono usciti. Ho poi letto anche il libro. La Leggenda dei monti naviganti è un libro bellissimo che descrive i tantissimi interessanti aspetti delle nostre montagne che noi molto spesso non conosciamo. Ti fa capire meglio il nostro paese. Io amo regalarlo.

  • User Icon

    PAOLO PAGOTTO

    06/04/2009 20.55.02

    UN VIAGGIO NELL'ITALIA CHE L'ITALIA HA DIMENTICATO...PAGINE CHE SCIVOLANO QUELLE DI RUMIZ,PIENE DI INCONTRI E IMMAGINI,SCRITTE IN MANIERA SOBRIA ED ELEGANTE...UN LIBRO DA LEGGERE PER RICORDARCI L'ITALIA DELLE MONTAGNE E DEGLI APPENNINI E DIMENTICARE QUELLA DELLE PERIFERIE DESOLATE E DEGLI IPERMERCATI..

  • User Icon

    Mauro

    09/03/2009 14.29.46

    Come in altri suoi scritti dedicati a luoghi diversi, Rumiz ci racconta il viaggio (con l'articolo determinativo) inteso non come mero spostamento in attesa del raggiungimento di una meta, ma come esperienza di luoghi, profumi, sapori e colori raccontati attraverso una miriade di piccole e grandi storie raccolte lungo quello che si può definire una volta di più come un pellegrinaggio, non solo nello spazio ma anche nel tempo, lungo la via delle genti.

  • User Icon

    Fabio Marchioni

    18/12/2008 08.18.41

    E' il primo libro di Rumiz che leggo e mi è piaciuto molto, ma difficilmente un testo del genere mi avrebbe potuto lasciare deluso, visto e considerato che è un inno all'italia minore, quella vera. Un paio di difetti che ho avvertito: le due parti sono sconnesse nel tempo è quindi rimandano un' immagine meno armonica della montagna d'italia, visto che in tre anni possono cambiare molte cose. Inoltre il libro, che vorrebbe essere un classico diario di viaggio, è invece poco descrittivo e molto intriso delle idee e delle senzazioni di paolo Rumiz, peraltro spesso interessanti e originali.Ma alla fine del viaggio di fronte al mare più a Sud della calabria insieme all'autore c'ero anch'io..Grazie Rumiz.

  • User Icon

    Luca

    22/10/2008 23.28.53

    Un libro da tenere sul comodino, da consultare spesso ed anche per piccoli tratti, come gli itinerari che descrive. Nei quali ritroviamo brandelli di infanzia, ricordi sepolti, entusiasmi sopiti. Incontriamo persone che vivono ai margini, volontariamente o meno, e che lottano per mantenere vive tradizioni ormai in disuso, ipotesi di vita abbandonate ormai da tutti, dignità che ormai nessuno più considera. In un paese nel più completo sbando morale, senza più etica e senso civico, ritroviamo un barlume di speranza , la consapevolezza che non tutto è perduto. Percorriamo con Rumiz i sentieri e le strade, ci rimane alla fine la stessa sensazione dei viaggi meravigliosi, che si vorrebbe non finissero mai.

  • User Icon

    Roberto 74

    14/10/2008 15.01.06

    Non sono tipo di rileggere un libro (se non altro perchè viene a mancare il fattore sorpresa), ma il lavoro di Paolo Rumiz non solo merita riflessioni ma anche approfondimenti, un libro che è viaggio turistico, presa di coscienza del problema ambientale, accusa alle istituzioni quasi sempre sorde di fronte alle esigenze del territorio. Suggestivo il modo di scrivere di Rumiz, una scrittura fluida e ricca, capace di fotografare in poche righe paesaggi e stati d'animo, una scrittura così potente ed evocativa che in certi passaggi mi ha ricordato la migliore Yourcenar. Un libro che consiglierei a chiunque.

  • User Icon

    mauro

    30/08/2008 20.22.37

    Un libro bellissimo, capace di raccontare i profumi e gli odori, le persone e i fatti, la storia, i racconti e le tradizioni di un'Italia, purtroppo, sconosciuta. Mi viene in mente che potrebbe essere un testo obbligatorio a scuola perchè racconta a 360 gradi la nostra realtà nazionale i maniera comprensibile e coinvolgente.

  • User Icon

    dembo

    30/05/2008 09.29.17

    Bellissimo viaggio in un Italia dimenticata.Mi ha piacevolmente ricordato i miei viaggi da Varese a San Remo a bordo di una vespa 125; e non posso far altro che confermare:appena si lasciano autostrade e strade maggiori ci si imbatte in posti persone storie meravigliose e davvero il viaggio diventa una scoperta continua. Quante bellezze sono nascoste a due passi da noi e non siamo più capaci di vederle. Bravo Rumiz!

  • User Icon

    Miguel

    16/05/2008 12.07.30

    Un libro semplicemente meraviglioso! Rumiz scrive in maniera strepitosa; descrive, spiega, sviscera e, soprattutto, apre una finestra su un'Italia sconosciuta ai più, ma di una ricchezza e una genuinità fuori dal comune. Sarà che sono un "montanaro", ma questo é un libro da leggere assolutamente, per conoscere un lato nascosto ma infinitamente bello del nostro paese!

  • User Icon

    Adriana

    06/12/2007 17.08.41

    Un'Italia minore, sparsa tra montagne spesso considerate minori anch'esse: ma di un fascino secondo a nessuno. Bel libro, da leggere e considerare anche, in parte, una guida turistica. Consiglio di provare a percorrere almeno un pezzetto di questi itinerari, anche se non a bordo di una Topolino...

  • User Icon

    ant

    20/11/2007 18.37.44

    Ha un attacco strepitoso questo libro, cattura subito l'attenzione ed è ben strutturato con al centro la montagna italiana e non, narrata da "aedi" d'eccezione; cioè vecchi del luogo alcuni anche famosi(Rigoni Stern, Corona). Notevoli gli spunti e i parallelismi tra le varie zone...il fatto è che a me(mio parere soggettivo) dopo la terza o 4 scalata mi ha stancato

  • User Icon

    carlo

    11/09/2007 22.33.43

    Ho acquistato questo libro perchè ne ho letto la recensione su di una rivista di montagna e mi ha subito intrigato. E' splendido anche se talora cade in giudizi un pò semplicistici se non demagogici sulla società odierna. Ma per il resto è un bellissimo viaggio tra i monti italiani da fare con vicino una carta geografica per seguire le peripezie dell'autore. Lo consiglierei però soprattutto ad un appassionato di montagna poichè chi già conosce ed ama certe vallate potrà scoprirne i retroscena, l'altra faccia della medaglia, avere quelle notizie che solo un bravo giornalista può ottenere e descrivere. Ma avendo ben presente la faccia buona della medaglia , e questo vale soprattutto per la prima parte del viaggio, quella fatta con vari mezzi sulle Alpi e di cui l'autore ricalca forse troppo spesso i lati negativi partendo dalla sua idiosincrasia verso "i balconi fioriti alla tirolese". Come amanti della montagna sappiamo benissimo che ci sono enormi problemi (clima, sfruttamento delle risorse, edilizia selvaggia etc.) e che si fa troppo poco per porvi rimedio ma è al futuro che dobbiamo guardare. Spesso si ha la sensazione leggendo i capitoli che " ah, ai miei tempi . ." e che i problemi siano irresolvibili. Un pò triste , no? Estremamente godibile la seconda parte con il viaggio lungo l'Appennino alla guida di una Topolino fatto che di per sè già crea simpatia: porta alla conoscenza di un mondo perlopiù sconosciuto e sicuramente meritevole di una riscoperta da parte di tutti noi soprattutto nella parte più meridionale della penisola. Confesso che è il libro che da circa 2 mesi tengo sul mio comodino ed ogni sera ne rileggo un capitolo a caso finendo sempre con il desiderio di prendere zaino, scarponcini e bastoni e imitare Rumiz in queste avventure.

  • User Icon

    marco morandin

    25/07/2007 13.11.33

    Bello e magnetico. Durante la lettura mi ha accompagnato una carta geografica che mi ha aiutato ad assaporare lo spirito, gli odori e i sapori del viaggio. Nel viaggio lungo l’Appennino, il lettore, così come l’autore, impara ad amare la tenera, simpatica e tenace Topolino. Il sedile di fianco alla guida non è mai stato libero, anche chi legge può gustarsi il viaggio da passeggero e ascoltare i suoni, le grida e il pianto del paesaggio.

  • User Icon

    furs

    19/07/2007 16.41.59

    Questo libro e' la dimostrazione di come una persona intelligente e sensibile possa scrivere cose degne di essere lette anche da chi come il sottoscritto proviene dalla stessa area geografica ("le vecchie province"), ma da un retroterra culturale e ideologico diametralmente opposto. Merita di essere letto, particolarmente da chi conoscendo bene la montagna possa condividere le emozioni e i sentimenti profondi dell'autore. Bravo mulo!

Vedi tutte le 25 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione