La leggenda della corda e del bambino che scompare - Peter Lamont - copertina

La leggenda della corda e del bambino che scompare

Peter Lamont

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: A. Arduini
Editore: Neri Pozza
Collana: I colibrì
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 7 ottobre 2004
Pagine: 223 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788873059806

€ 8,37

€ 15,50

Punti Premium: 16

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È la più grande leggenda dell'Oriente. Una corda è lanciata in aria e tesa fino al punto in cui appare completamente verticale. Un bambino si arrampica sempre più su, finché davanti agli occhi esterrefatti degli spettatori, scompare. Il trucco indiano ha sempre suscitato le congetture più varie, nessuno però è mai riuscito a scoprire come funziona. Lamont svela la verità che si cela dietro questa vicenda: dall'incantamento vittoriano per l'Oriente al Circolo Magico, da Chicago e Londra fino alle spiagge indiane, mostra come una semplice burla si sia trasformata nel mistero più famoso del mondo grazie non solo ai cercatori di fama e fortuna ma anche a coloro che volevano annientare la leggenda per difendere l'Occidente.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

1,5
di 5
Totale 2
5
0
4
0
3
0
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Pippomix

    12/07/2006 21:24:22

    Non certo un libro sui misteri dell'India ma un libro sui miti che nutrono il viaggiatore occidentale, sulle ciance popolari, sulle leggende metropolitane e sui buffi stereotipi orientalisti che investono l'Occidente da secoli e secoli. Ironico, anche se a tratti troppo puntiglioso per un argomento così labile, diverte soprattutto nelle imperdibili note finali dell'autore. Grottesco ma in fin dei conti poco necessario.

  • User Icon

    Roberto

    12/07/2005 15:38:00

    Noioso, accademico, pedante. La recensione promette una sceneggiatura divertente che non compare mai, in nessuna pagina. Non spendete soldi, se cercate un libro sui misteri dell'India e dell'Oriente provate con un altro titolo.

Note legali