Lei

Her

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Her
Regia: Spike Jonze
Paese: Stati Uniti
Anno: 2013
Supporto: DVD
Salvato in 58 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 9,99 €)

Theodore è un uomo sensibile e complesso che si guadagna da vivere scrivendo lettere personali e toccanti per altre persone. Distrutto dalla fine di una lunga relazione, Theodore resta affascinato da un nuovo e sofisticato sistema operativo che promette di essere uno strumento unico, intuitivo e ad altissime prestazioni. Incontra così "Samantha", una voce femminile sintetica vivace, empatica, sensibile e sorprendentemente spiritosa. Via via che i bisogni e i desideri di lei crescono insieme a quelli di lui, la loro amicizia si fa sempre più profonda finché non si trasforma in vero e proprio amore.
3,63
di 5
Totale 8
5
2
4
4
3
0
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Veronica

    17/05/2020 07:28:11

    Un film tanto paradossale quanto reale ed attuale. La storia di un uomo che si innamora della voce di un dispositivo elettronico e sulla necessità di trovare lì un rifugio ci fa riflettere sulla necessità del genere umano di essere accettati per come siamo e sentirci dire quello che vogliamo. Un film innovativo con tanti spunti di riflessione. Consigliato.

  • User Icon

    ignazia

    15/05/2020 11:06:43

    film di una dolcezza e sensibilità incredibile, davvero bellissimo, chiunque dovrebbe guardarlo

  • User Icon

    stabilo

    24/09/2019 13:19:31

    Film decisamente e brutalmente attuale: parla di quest'uomo che si innamora dell'assistente personale, tipo Siri per intenderci. E' disarmante quanta realtà e verità si possa trovare in una pellicola con una storia apparentemente assurda: il distacco dalla quotidianità, la ricerca di un "rifugio" alternativo dove si viene accettati esattamente per quello che si è, "accontentati" in tutto e nel quale ci viene detto sempre quello che voliamo sentirci dire. Quanto è attuale tutto questo...Sicuramente da vedere e rifletterci sopra.

  • User Icon

    Vinci

    20/09/2019 20:42:13

    Un film davvero toccante che mi è rimasto nel cuore. La storia dell'amore per la voce di un dispositivo elettronico, raccontata così, sembra paradossale. Invece il film riesce a rendere plausibili le vicende e a creare una grande empatia con il protagonista. Una vera poesia in età moderna. Inutile dire che mi sono innamorata anch'io della voce di Scarlett.

  • User Icon

    Rosie

    10/03/2019 15:31:04

    Sinceramente non sono riuscita a vedere la fine di questo film che propone una vicenda improbabile in modo ancor meno che poco convincente!

  • User Icon

    Francy

    23/04/2018 22:24:06

    Ma scherzate???? Non sono riuscita nemmeno a finirlo: depresso, deprimente e pretenzioso...Anzi, sono furiosa per il tempo perso, per questo scrivo adesso, perdendo altro tempo (acc, un circolo vizioso). Bella voce femminile ok, ma il regista andrà premiato all'infuori per aver girato per aver girato Essere John Malkovich? Non vedo altre ragioni, brutto da far accapponare la pelle, praticamente una relazione virtuale in chat/Facebook rimaneggiata un po', magari mixando con la voce del navigatore...mmm bellissimo, come no? Ma non è mica ora di finirla con le boiate e tornare a fare dei bei film?

  • User Icon

    Marco

    18/04/2015 10:37:04

    UN CAPOLAVORO.

  • User Icon

    Robertinho

    24/03/2015 14:55:43

    In una Los Angeles futuribile, spostata in avanti nel tempo di una manciata di anni, il disincantato e introverso Theodore Twombly (Joaquin Phoenix) cerca con poco successo di elaborare il dolore della rottura matrimoniale con Catherine (Rooney Mara). Lo fa soprattutto impegnandosi con passione e tenerezza nel suo lavoro di lettere scritte a mano in un sito web per conto terzi.Le persone, del tutto schiave degli smartphone e della tecnologia virtuale, vivono trascinandosi in un'algida solitudine scandita da auricolari e pseudocontatti che le isolano pericolosamente dal contesto. I rapporti si sono arenati, sono diventati impossibili. I tentativi di Theodore di ricostruirsi una vita vera sembrano destinati al fallimento finchè non arriva Samantha (Scarlett Johansson), una OS virtuale che gli darà modo di aprirsi con rinnovata fiducia al mondo reale. Spike Jonze, in questo caso anche sceneggiatore, indugia con la macchina da presa sul percorso di crescita interiore del protagonista. Anche se con qualche lentezza nello script riesce a raccontarci una bella storia sull'amore e sulla necessità di conoscere se stessi per poterlo vivere compiutamente. "Her" è un film intrigante che, pur nella brevità sincopata del titolo, ha davvero molte cose da dire e da insegnare sul futuro che ci aspetta. Consigliato!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente

2013 - Festa del Cinema di Roma - Miglior interpretazione femminile - Scarlett Johansson
2014 - Oscar [Academy Awards] - Miglior scenografia
2014 - Oscar [Academy Awards] - Miglior sceneggiatura originale

  • Produzione: BiM, 2020
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 126 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1);Inglese (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: dietro le quinte (making of); speciale: "Il doppiaggio di Micaela Ramazzotti: diventare Samantha"; trailers
  • Spike Jonze Cover

    Nome d'arte di Adam Spiegel, regista e attore statunitense. Personalità eclettica e polivalente, autore di numerosi video del gruppo musicale hip-hop dei Beastie Boys, recita in parti minori (The Game, 1997, di D. Fincher), fino al ruolo di coprotagonista in Three Kings (1999) di D.O. Russell, dove è uno dei tre soldati americani che accompagnano G. Clooney nella folle avventura nel deserto iracheno durante gli ultimi giorni della Guerra del Golfo. Nello stesso anno esordisce alla regia con Essere John Malkovich, scritto da C. Kaufman e considerato uno dei film più originali e innovativi della Hollywood contemporanea: attraverso la vicenda di un burattinaio in crisi che scopre per caso un tunnel che porta direttamente dentro la testa del celebre attore J. Malkovich (nel cast nel ruolo di sé... Approfondisci
  • Joaquin Phoenix Cover

    "Nome d'arte di Rafael Bottom, attore statunitense. Comincia la carriera (con il nome di Leaf P.) in alcuni telefilm, prima di passare al grande schermo nel 1986 con Spacecamp (Campeggio spaziale) di H. Winer. Dopo la morte del fratello River (1993), lascia le scene per due anni prima di tornare a recitare con il suo vero nome in Da morire (1995) di G. Van Sant, in cui interpreta un giovane plagiato dalla bellezza di N. Kidman. Dopo altri ruoli secondari in U-Turn (1997) di O. Stone e 8mm (1999) di J. Schumacher, ottiene un grande successo interpretando il crudele imperatore Commodo in Il gladiatore (2000) di R. Scott. Lavora in seguito con M.?Night Shyamalan (Signs, 2002; The Village, 2004), T.?Winterberg (Le forze del destino, 2003) e T. George (Hotel Rwanda, 2004; Reservation Road, 2007)... Approfondisci
Note legali