Leon Battista Alberti e l'architettura romana - Giorgio Grassi - copertina

Leon Battista Alberti e l'architettura romana

Giorgio Grassi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Franco Angeli
Collana: Architettura
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 26 maggio 2016
Pagine: 168 p.
  • EAN: 9788846483843
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 36,00

Punti Premium: 36

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Leon Battista Alberti e l'architettura romana

Giorgio Grassi

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Leon Battista Alberti e l'architettura romana

Giorgio Grassi

€ 36,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Leon Battista Alberti e l'architettura romana

Giorgio Grassi

€ 36,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un volume su Leon Battista Alberti, figura di un nuovo architetto (architetto-sapiente, architetto-filosofo), pienamente consapevole delle responsabilità e delle difficoltà del proprio lavoro. Ad Alberti interessa la città com'è, la città attraverso l'esperienza del tempo: della città e della sua storia gli interessa quello che ancora si può toccare con mano, come la città antica arrivata fino a lui, la città romana e la sua architettura, quella che attraverso i segni lasciati dal tempo sulla sua forma gli permette di distinguere ciò che è durevole da ciò che è provvisorio, ciò che è importante e permanente da ciò che col tempo si elimina da sé.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

A Roma, a metà del Quattrocento, Leon Battista Alberti "ha scoperto" l'antica architettura come un patrimonio di forme e modelli che rispondeva idealmente a tutti i problemi possibili del costruire: un costruire inteso "nella sua totalità e complessità", come "attività pratica" e "patrimonio collettivo cresciuto nel tempo". La sua ambizione, nei progetti realizzati e nel complementare trattato De re aedificatoria, era ritrovare e riformulare l'antico proponendolo come unico rinnovamento possibile dell'architettura contemporanea: non per fare dell'archeologia o dell'umanistica decorazione, ma per costruire. Lo dichiara albertianamente l'autore di questo libro: "La costruzione ci appassiona, non la forma".
Le pagine sintetiche e splendidamente illustrate di Giorgio Grassi, architetto che scrive su un altro architetto, si distinguono (nell'ormai ricchissimo panorama di studi albertiani) come una felice eccezione. L'autore adotta un punto di vista "tecnico", quello medesimo adottato da Battista per comprendere l'architettura romana, e si concentra sulle "condizioni materiali" ovvero sul "lavoro" piuttosto che sull'ideologia o sull'erudizione; con il risultato di "annullare la distanza" che lo separa dal collega, ripercorrendo quasi simbioticamente le tappe principali dei suoi grandi progetti. Lo dimostrano le belle descrizioni di Palazzo Rucellai a Firenze e Sant'Andrea a Mantova, ma anche quella del restauro di Santo Stefano Rotondo a Roma (albertiano d'ispirazione se non di fatto).
Grassi insiste opportunamente sul "rigore" e insieme sul "realismo" di Alberti, che considerava ogni progetto come un "prototipo" destinato a trasformare il presente attraverso il passato, ma al tempo stesso sapeva piegarsi alle "necessità" del luogo e del momento: quasi tutti i suoi interventi, infatti, "sono condizionati da una preesistenza importante", a cominciare dal Tempio Malatestiano di Rimini. Il fatto è che la capacità albertiana di autolimitarsi, e perfino di accettare l'incompiutezza o l'incompletezza del suo lavoro (a volte neppure iniziato, a volte sospeso o continuato da altri), non esclude affatto l'"intransigenza" e la provocatoria "inattualità" dei suoi progetti. Anzi, è proprio quel suo essere "fuori tempo", e l'aura miracolosamente "innaturale" dei suoi edifici che sembrano giungere "da un altro luogo" e "da un altro tempo", a fare di Alberti un architetto moderno: capace di risalire ai "princìpi", di ridurli all'essenziale (poche "figure di riferimento" e sempre le stesse, incessantemente sperimentate e variate), di riproporli come universali in nome di "una continuità dell'architettura nel tempo".
Una simile modernità ante litteram spiega perché l'insegnamento albertiano – con la sua implicita polemica contro l'architettura fiorentina, da Brunelleschi al "decorativismo" degli epigoni – rimanesse sostanzialmente senza seguito: "rispettato, stimato", ma solitario. E Grassi sottolinea con finezza quella polemica, quell'isolamento, facendone quasi gli emblemi di un progettare che ancor oggi – nella situazione contemporanea "vergognosa e a dir poco allucinante" – dovrebbe agire come un esempio: verso l'unità e la coerenza dell'architettura, verso un lavoro insieme "elementare" e necessario che nel Novecento ha già legato al nome di Leon Battista Alberti quelli di Le Corbusier e Adolph Loos. Rinaldo Rinaldi
Note legali