Lettera ai disperati sulla primavera

Giuseppe Conte

Anno edizione: 2006
In commercio dal: 13 aprile 2006
Pagine: 98 p., Brossura
  • EAN: 9788879288316
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 9,35

€ 11,00

Risparmi € 1,65 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesco Improta

    04/06/2006 16:39:07

    Credo che il libro di Giuseppe Conte, "Lettera ai disperati sulla primavera" (titolo e idea sono di un libro di J. Giono mai scritto), prima ancora di essere un'opera di non comune bellezza, è un libro necessario in un momento di confusione e disorientamento. Si tratta di un pamphlet sociopolitico non privo di implicazioni culturali ed etiche. Un libro giusto, pubblicato per giunta al momento giusto. Un'opera che rivela in Conte rigore e lucidità, nonché la fedeltà a un ideale di bellezza e di poesia che è una costante nella sua produzione in prosa e in versi. A tutto ciò si aggiungano la volontà di resistere, la necessità di non arrendersi all'omologazione dilagante e la fede in una palingenesi spirituale e morale che si accompagni al risveglio della natura (cfr. la primavera), al trionfo della bellezza e al rilancio della poesia. Da qui i continui rimandi o riferimenti ai grandi poeti del passato, in particolare i preromantici, Foscolo e Shelley innanzitutto. Ma non può essere dimenticato l'ultimo Leopardi, il Leopardi "eroico" per dirla con Binni, la cui volontà di resistere, splendidamente rappresentata in "La ginestra", non a caso prende le mosse dalla disperazione che aleggia nel canto "A se stesso". "Dispera l'ultima volta." "Omai disprezza..." imperativi fortemente assonanzati che connotano esortazione a continuare la più disperata eroica protesta contro "il brutto poter che a comun danno impera". E questa capacità di denuncia e di ribellione è anche prova, in Leopardi come in Conte, della liberazione dal dolore che ha operato la parola lirica, e di conseguenza della misura della loro arte. Francesco Improta

Scrivi una recensione