Lettere

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Claudio Scimone
Orchestra: Solisti Veneti
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Warner Music Italy
Data di pubblicazione: 14 ottobre 2016
  • EAN: 5054197269721

€ 16,50

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Pino Donaggio è noto al grande pubblico per le sue indimenticabili canzoni, una su tutte “Io che non vivo”, e le sue inconfondibili musiche da film, in particolare per i lungometraggi di Brian De Palma (da Carrie, lo sguardo di Satana a Omicidio a luci rosse per citarne solo un paio).
Le origini musicali di Pino Donaggio però sono ben radicate nella tradizione classica veneta e veneziana in particolare. Pino cresce in una famiglia di musicisti e a dieci anni comincia a studiare il violino, prima al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia e poi al Giuseppe Verdi di Milano, dove collabora anche con il maestro Claudio Abbado. È presente fra i primi violini al primo concerto de "I Solisti Veneti" diretti da Claudio Scimone all'Olimpico di Vicenza nel 1959 e ha collaborato con "I Solisti" fino al debutto a Sanremo nel 1961.
Questo album rappresenta quindi un ritorno alle origini veneziane, ripercorrendo le tappe di una carriera musicale straordinaria (nuovi arrangiamenti orchestrali per le sue musiche da film e per la sua canzone più famosa), omaggiando altri grandi compositori italiani (Morricone e Piovani), ma rivolgendo anche una preghiera affettuosa a Valeria Solesin.
  • Ennio Morricone Cover

    Compositore. Allievo di Petrassi, ma anche suonatore di tromba in orchestrine da ballo, si divise sin dall'inizio tra una libera adesione al serialismo (Musica per 11 violini, 1958) e la musica leggera. Approdato alla musica per film, divenne celebre con i western di S. Leone (da Per un pugno di dollari, 1964, a Giù la testa, 1971) e per i duraturi sodalizi con registi come Bertolucci, Bellocchio, Pontecorvo, Pasolini, Montaldo, Bolognini, Petri, Verneuil, Argento, Tornatore, i fratelli Taviani, Joffé, De Palma, per un totale di circa 350 colonne sonore, nelle quali, fra momenti di ripetitività, spiccano interessanti episodi di sperimentalismo. Sul versante colto, oltre all'adesione nel '65 al gruppo Nuova Consonanza e all'alea, si segnala dagli anni '70 una crescente produzione da concerto,... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali