Curatore: F. Roncoroni
Editore: Garzanti Libri
Collana: I grandi libri
Anno edizione: 2018
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 febbraio 2018
Pagine: LVIII-474 p., Brossura
  • EAN: 9788811811640
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Nel XII secolo, un logico e teologo di fama europea, chierico e canonico della cattedrale di Parigi, incontra una giovane donna altrettanto celebre per cultura e intelligenza. L'innamoramento è tanto inevitabile quanto scandaloso, e drammatica è la sorte cui i due vanno incontro: sposatisi in segreto in seguito alla nascita di un figlio, vengono osteggiati dalla famiglia di lei, che punisce l'uomo con la più vergognosa delle mutilazioni, e costretti a separarsi e ad abbracciare la vita monastica. La storia d'amore di Abelardo ed Eloisa ci è nota attraverso una sorta di autobiografia in forma epistolare - conosciuta come "Historia calamitatum mearum" («Storia delle mie disgrazie») e qui riproposta - e attraverso le lettere, accorate e disperate, che i due amanti, divisi dal destino, si scambiarono nel corso degli anni. Traboccanti di ricordi e ardenti di passione, queste epistole rievocano i giorni felici con struggente nostalgia, e per la sincerità con cui raccontano un amore sopravvissuto alla tragedia della separazione riescono ancora a parlare al cuore del lettore moderno.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alice Chopin

    04/04/2018 12:16:44

    Un meraviglioso epistolario in cui all’amore passionale si unisce e sostituisce l’amore per Dio. Eloisa è una donna così sincera e libera nell’esprimere quel sentimento, forse mai assopito, per Abelardo da rendere superflua ogni altra parola: “Per me, in verità, i piaceri dell’amore che insieme abbiamo conosciuto sono stati tanto dolci che non posso né odiarli né dimenticarli. Dovunque vada, li ho sempre davanti agli occhi e il desiderio che suscitano non mi lascia mai”. Ma queste poche lettere a noi giunte racchiudono anche il racconto della devozione di Abelardo e del suo pensiero; ci regalano la possibilità di cogliere la dolcezza con cui Pietro il Venerabile esprime ammirazione per la stessa Eloisa,... Interessante per l’esaustività l’introduzione a cura di Federico Roncoroni che permette di comprendere l’importanza e la semplice bellezza di questo testo.

Scrivi una recensione