Categorie

Mario Desiati

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2015
Formato: Tascabile
Pagine: 195 p., Brossura
  • EAN: 9788804648192
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Stella

    27/04/2015 09.46.14

    Un buon inizio, ma sprecato. Una prosa artificiosa, che non riesce a compensare le carenze di questo libro. Delusa

  • User Icon

    ant

    19/02/2015 12.33.28

    Un amore controverso ed eterno, nato nei banchi delle scuole medie tra Francesco, tredicenne detto Veleno, e la sua insegnante Donatella. L'autore è abile a fare un resoconto di quello che prova Veleno dai tempi delle medie fino all'età adulta, il tutto ambientato in Puglia, con riferimenti paesaggistici, linguistici e di usi e costumi locali molto belli. I due spasimanti vengono colti in "flagranza di reato" durante una pausa delle lezioni e sia che per Veleno,e soprattutto per Donatella, sono momenti molto duri, infatti x quest'ultima si spalancano addirittura le porte del carcere. Ma Francesco sa aspettare e ogni istante della sua vita, prima di reincontrare Donatella, è intriso di poesia e struggimento nei confronti della sua vecchia fiamma. Si alternano nelle pagine altri personaggi molto importanti in tutto il racconto, che non si possono tralasciare, come Nappi amico d'infanzia di Veleno, o Walter considerato il playboy del paese costretto sulla sedia a rotelle a causa di un incidente o Pippo l'assistente sociale sia di Veleno che di Walter. Concludo estrapolando un passaggio relativo ad un giorno in cui Francesco, detto veleno, sentiva forte il desiderio di esternare il suo legame x Donatella, e lo fa scrivendo sulla lavagna dell'aula delle scuole medie: ""Proibitemi di amarla e l'amerò per sempre Scrissi questa frase sulla lavagna pulita alla fine dell'ultima ora. Un gesto che non avevo meditato ed era arrivato da una zona incontrollabile di me. La lavagna è un buco nero, ho passato ore a guardarci dentro con l'attesa di esserne risucchiato. La mia vita è sempre stata l'osservazione di un abisso"" Bello

  • User Icon

    Peppe

    12/02/2014 15.50.04

    L'amore non ha età, un'infatuazione, così può sembrare, è vero amore, e a distanza d'anni e di conseguenze di certo non positive. Desiati descrive questa "irragionevolezza follia d'amore" come il fiore che arde sulla copertina: il miglior riassunto possibile, un fiore acerbo che s'innamora della professoressa.

  • User Icon

    massimo

    31/01/2014 17.25.59

    E bravo Desiati! non conoscevo lo scrittore e mi sono cimentato con questo bel libro divorato in due giorni; tutto merito dell'Associazione Caffè Corretto di Cave che ha inserito il libro tra i sette finalisti del premio letterario 2014 (IV ED:), del quale io sono uno dei giurati. Un personaggio reale e una storia fantastica che riporta il lettore ad un passato che ognuno di noi ripensa vicino all'esperienza vissuta. Le 190 pagine pensavo fossero il preludio del tipico romanzo senza capo ne coda ma sono felice di essere stato smentito. Spero che gli altri libri siano all'altezza di Marco Desiati.

  • User Icon

    Alessandro Moscato

    02/12/2013 17.41.46

    Era il mese di giugno del 2011 quando, per conto del "Corriere della sera", veniva pubblicato un racconto dal titolo "È proibito amare". L'interessante collana nella quale era inserito quel racconto si intitolava "Inediti d'autore" e lo scrittore in questione era Mario Desiati. Oggi, a distanza di oltre due anni, quel racconto (intenso, struggente e semplicemente stupefacente) è cresciuto, e per mano dello steso autore si è trasformato in un romanzo di circa duecento pagine che tolgono il fiato, rapiscono fino all'ultimo segno di punteggiatura. E verrebbe da dire "Finalmente!" Quando lessi il racconto - dal quale rimasi rapito dalla forza che il tema affrontato sprigionava - l'unico dispiacere che provai fu dovuto alla brevità, alla pochezza di pagine nelle quali la storia si srotolava. Mandai una mail a Desiati e mi complimentai con lui, ma non gli dissi che a mio avviso, forse, quel racconto avrebbe meritato un più ampio respiro. Tuttavia lui lo aveva già capito. Così oggi c'è questo splendido libro: un testo che racconta quanto di più vero e doloroso ci sia nell'Amore, e lo fa con tutta la cruda onestà di cui Desiati è capace.

  • User Icon

    Pattina

    22/11/2013 13.10.51

    Ho letteralmente "divorato" questo libro....dalla prima all'ultima pagina sembra di vivere le emozioni del protagonista, Veleno. E' la prima volta che leggo un libro di questo autore e ne sono rimasta entusiasta per il suo modo di scrivere, molto poetico. Leggero' sicuramente gli altri. Lo consiglio sicuramente.

  • User Icon

    Ianì

    03/11/2013 11.01.03

    Le premesse per una buona riuscita c'erano, non mi ha molto emozionato...mi aspettavo di piu'.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione