Il libro di Jade

Lena Valenti

Traduttore: L. Miccoli
Editore: Fanucci
Collana: Tif extra
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 586 p., Brossura
  • EAN: 9788834719473
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 5,95

€ 11,90

Risparmi € 5,95 (50%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 6,42

€ 11,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marta

    30/06/2017 05:24:18

    Libro splendido, poca attenzione per la grammatica durante la traduzione ma... la trama è davvero avvincente. Dopo il secondo volume la casa editrice ha interrotto la pubblicazione della saga impedendo ai lettori di seguire le vicende degli amati protagonisti. Son.riuscita a leggere fino al quinto libro grazie ad alcune fan italiane che li hanno tradotti autonomamente online ma... è vergognoso che un autore sia trattato in questo modo. È una serie bellissima, che si sviluppa con una precisa linea di trama e merita di essere pubblicata e seguita da chiunque se ne sia reso conto.

  • User Icon

    Titti1962

    12/03/2017 21:21:19

    Ho letto tanti libri ma questo mi é entrato nel cuore. Appena finito ho cercato quali altri libri avesse scritto Lena Valenti e l'ho ordinato subito. Una preghiera all'editore: attenzione alla grammatica e agli errori di battitura. Spero traducano presto anche gli altri libri della saga.

  • User Icon

    Moniha77

    29/08/2012 21:30:23

    Leggendo tutte queste critiche così entusiaste comincio a sospettare di aver letto un libro diverso....sì perchè non ho trovato nulla di entusiasmante nè tanto meno appassionante in questo romanzetto d' appendice. Prima di tutto si tratta di un pout pourri di autori e saghe più o meno famose apparse anni prima. In particolare modo questa "scrittrice" si rifà alla serie del principe vampiro della Feehan: solo che quest'ultima, pur essendo totalmente incapace di sviluppare una trama narrativa con risvolti nuovi da libro a libro, è molto più raffinata nello stile di scrittura. Lo stile della valenti infatti è simile a quello di una ragazzotta appena uscita dal liceo che si cimenta in un opera letteraria più grossa di lei. Non parliamo poi dei discorsi a dir poco ridicoli tra i due protagonisti: praticamente due terzi del libro si basano su continue battute del tipo "tu sei mia" "No! non sono tua", e poi "Io ti amo" "No tu non mi ami!" Insomma: una vera tortura cerebrale per chi come me ama pensieri più profondi!! L'unica nota originale è data dalla storia dei Vanir e dei Berseken. Peccato la buona volontà c'era....sono le doti che mancano.....Perdibile.

  • User Icon

    Delia

    27/08/2012 21:02:13

    Adoro Lena Valenti,ancora di più dopo aver letto questo suo romanzo,spero solo che non ci mettano troppo per far pubblicare in Italia anche il resto della saga.Già dalle prime pagine il protagonista maschile riesce a farsi odiare insieme ai suoi 4 amichetti di viaggio,però in lui c'è qualcosa che lo contraddistingue dagli altri,lui non è cattivo,e anche se ha sete di vendetta non riesce a sfogarsi del tutto con la protagonista femminile se non a parole.La cosa che più ho amato di Caleb è stato il veder emergere piano piano il suo vero carattere,anche se può sembrare uno st****o,poi in realtà si rivela dolce e gentile,almeno con Aileen.Per quanto riguarda Aileen,mi è subito piaciuta,nonostante ferita nell'orgoglio era sempre a testa alta e pronta a difendersi,anche se il suo unico mezzo sono le parole (con cui però ci sa fare infatti la reputano una lingua lunga).Questo libro l'ho letto già tre volte e in nessuna di queste volte sono rimasta delusa,anzi leggendolo la seconda volta ho pianto ancora di più che la prima.In altri casi rileggendo dei libri ci di può annoiare ma con questo no,ve lo posso assicurare,anzi lo amerete sempre di più.Lena Valenti è stata la prima scrittrice che parlando di vampiri si riuscita a farmi credere anche se solo per un secondo che possano esistere.Il suo concetto di Vampiro è differente da qualsiasi altra scrittrice dello stesso genere,ha delle idee completamente nuove,non sono i soliti bellocci (anche se sono davvero belli) che non appena li guardi rimani folgorata,anzi nel suo libro i vampiri sono belli,però non amano sottolinearlo,come ad esempio in Twilight.Questo libro mi ha aperto gli occhi su un mondo nuovo e ancora più interessante sul mondo dei vampiri e su come possano avere la loro anima gemella e pensare ,solo ed esclusivamente a lei,infatti in questo romanzo i maschi Vanir senza la loro metà morirebbero o diventerebbero anime dannate.LO CONSIGLIO DAVVERO QUESTO LIBRO A TUTTI,VEDRETE CHE NON VE NE PENTIRETE ASSOLUTAMENTE.

  • User Icon

    darlingXD

    02/08/2012 14:25:53

    Lena Valenti esordisce in italia con un libro che introduce l' argomento dei vampiri e dei lupi mannari in un modo completamente diverso. L'autrice è stata capace di dare ai propri personaggi spessore che siano essi buoni o cattivi.Il libro inizia in modo piuttosto turbolento, facendo apparire il personaggio maschile un vero stronzo, odioso e detestabile soprattutto a causa del modo in cui si comporta con Eileen/Aileen all' inizio. Ciò che ti impedisce di detestarlo è la scelta dell' autrice di scrivere(sebbene in 3°persona) il punto di vista non solo della protagonista,ovvero Eileen/Aileen, ma anche il punto di vista dello stesso Caleb. Ciò rende il libro piacevole alla lettura anche perchè il lettore, quando litigano,si ritrova spesso a stare "dalla parte" di uno dei due protagonisti comprendendo però anche il punto di vista dell' altro. Qui potrai trovare: una protagonista decisa ma alle prime armi e un protagonista maschile possessivo e tenace. Anche i personaggi secondari sono stati ben caratterizzati caratterialmente. Una pecca che riscontro nel libro è il modo in cui l' autrice ha scelto di gestire la situazione tra Daana e Menw che mi sarebbe piaciuto vedere più sviluppata,soprattutto perchè trovo che sarebbero una coppia bellissima anche con i loro bisticci. Spero che Lena Valenti nel seguito spieghi il motivo per cui Daana è tanto infuriata con Menw e che risolva i loro problemi.Giudizio finale: libro bello, originale e consigliatissimo. Quindi se siete in cerca di un libro con questi requisiti, vi consiglio di leggerlo.

  • User Icon

    lory

    22/07/2012 15:37:43

    Quando ho saputo di questa nuova saga ero un pò scettica, pensavo fosse una copia di altre saghe già lette però mi sono ricreduta. E' vero che ci sono argomenti già trattati in altre saghe ma questa nuova linea di narrazione mi è piaciuta molto. I Vanir e i Bersekern sono davvero affascinanti e le storie d'amore per ora trattate sono in contrasto tra vite immortali e semplice umanità; comunque i contrasti sono sempre alla base dell'umanità. Sono curiosa di leggere il proseguo e spero venga presto pubblicato qui in Italia.

  • User Icon

    Vampire Lover

    15/07/2012 09:47:52

    Se non dò il massimo punteggio a questo "esplosivo" romanzo è sostanzialmente perché vi si ritrovano palesi "echi" di altre saghe urban fantasy (in primis I Carpaziani di C. Feehan quanto allo stato selvaggio e primigenio dei vampiri e la capacità di comunicare telepaticamente; la saga di Riley Jenson di K. Arthur per la tematica della sperimentazione genetica; La Stirpe di Mezzanotte di L. Adrian e La Confraternita del Pugnale Nero della Ward per la predestinazione di una compagna). Ciò nonostante, questo primo romanzo di una saga made in Spain è al livello delle migliori serie del genere scritte da autrici extra-europee. Il "corposo" e variegato mondo immaginato da Lena Valenti vede connessi gli dei della mitologia nordica quali Odino e Freyja alle superumane stirpi di Vanir e Berseker, da loro create per proteggere gli umani contro Loki (contrario alla creazione di questi ultimi, esattamente come il Lucifero della tradizione cattolico-ebraica). Mentre i Vanir non possono esporsi alla luce del sole, hanno canini e sono destinati ad unirsi ad un compagno/a per l'eternità da cui bere sangue come loro unico sostentamento, i Berseker hanno la capacità di accrescere le loro dimensioni fisiche e di combattere con assoluta potenza. Degenerazioni di entrambe le stirpi sono, rispettivamente, i vampiri (che divengono tali dopo aver bevuto sangue umano, privandosi così dell'anima) ed i lupoidi (dalle caratteristiche simili a quelle di lupi mannari). Quanto all'umanità, essa si suddivide in due categorie: quella ignorante, all'oscuro di questi esseri e della loro funzione, e quella cattiva, dedita ad una ricerca "scientifica" priva di scrupoli sulle suddette due razze. La protagonista, Aileen, si troverà suo malgrado invischiata in tutto questo e scoprirà di essere e rappresentare ben più di quanto potesse immaginare per entrambe le razze e la salvezza del mondo. Quanto allo stile, si ha talvolta l'impressione che alcuni dialoghi e/o frasi siano stati ridotti

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione