Lieder

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Franz Schubert
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: EMI Classics
Data di pubblicazione: 13 febbraio 2012
  • EAN: 5099967875122
Disco 1
1
An die Musik, D.547 (1986 - Remaster)
2
Im Frühling D882 (1986 Digital Remaster)
3
Wehmut D772 (1986 Digital Remaster)
4
Ganymed D544 (1986 Digital Remaster)
5
Das Lied im Grünen, D.917 (1986 - Remaster)
6
Gretchen am Spinnrade D118 (1986 Digital Remaster)
7
Nähe des Geliebten D162 (1986 Digital Remaster)
8
Die Junge Nonne D828 (1986 Digital Remaster)
9
An Silvia D891 (1986 Digital Remaster)
10
Auf dem Wasser zu singen D774 (1986 Digital Remaster)
11
Nachtviolen, D.752 (1986 - Remaster)
12
Der Musensohn, D.764 (1986 - Remaster)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Franz Schubert Cover

    Compositore austriaco.Gli anni di formazione e i primi lavori. Figlio di un maestro originario della Slesia, trascorse tutta la sua esistenza, tranne qualche giro turistico e due brevi periodi di insegnamento in Ungheria, a Vienna e nei suoi immediati dintorni. Nel 1808, grazie al suo talento musicale, poté entrare a far parte del coro della cappella della corte imperiale. Come fanciullo cantore frequentò anche il seminario imperiale, dove ricevette una buona istruzione. Nel 1813, respinta l'offerta di un'altra borsa di studio, lasciò la scuola per far pratica come insegnante, studiando nel frattempo la composizione con Antonio Salieri, che già aveva notato il suo talento. Durante i tre anni successivi S. visse con la famiglia e insegnò nella scuola del padre, componendo intanto i suoi primi... Approfondisci
  • Elisabeth Schwarzkopf Cover

    Soprano tedesco naturalizzato inglese. Dotata di una voce limpida, dolce e duttile, di grande musicalità e di eccezionale eleganza, esordì a Berlino nel 1938, eseguendo dapprima parti d'agilità. Giunse al pieno successo dopo il 1942, quando fu scritturata per più stagioni presso l'Opera di Stato di Vienna, e partecipò ai festival di Salisburgo e di Lucerna. A questo periodo risalgono le sue prime splendide interpretazioni mozartiane. Dopo il 1950 si è esibita nei maggiori teatri europei e ha ampliato il suo repertorio con R. Strauss, plasmando un'indimenticabile Marescialla nel Cavaliere della rosa. Meno assidua è stata la sua presenza nell'opera italiana, ma occorre almeno ricordare la sua Alice Ford nel Falstaff di Verdi. Oltre che sulle scene (dalle quali si ritirò nel 1972) è stata grande... Approfondisci
Note legali