Limes. Rivista italiana di geopolitica (2020). Vol. 9 - AA.VV.,Limes - ebook

Limes. Rivista italiana di geopolitica (2020). Vol. 9

AA.VV., Limes

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 9,8 MB
Pagine della versione a stampa: 272 p.
  • EAN: 9788893103190

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

L'Occidente è un accidente. Storico, geopolitico. Sotto alcuni e non marginali aspetti, anche culturale. Abituati a concepirci categoria necessaria, stentiamo a crederlo. Ma è così. Ciò che per decenni abbiamo chiamato "Occidente" è figlio, nella sua declinante incarnazione attuale, di circostanze precise: geostrategicamente determinate, cronologicamente circoscritte. Forse irripetibili, come evidenzia con sguardo rivolto alla storia la prima parte del numero. "Occidenti contro" accende un faro sulla crisi di un concetto e della connessa pratica geopolitica, l'Occidente appunto, vittime del proprio successo. Cioè del trionfo statunitense sull'Urss e del conseguente venir meno del collante ideologico, strategico e culturale rappresentato dalla minaccia sovietica e dalla bisezione dell'Europa via cortina di ferro. Allargandosi a macchia d'olio per ricomprendere ambiti geografici prima esclusi, l'Occidente - che già prima del 1989 era idea fungibile, più che coordinata spaziale, ricomprendendo il Giappone e i Five Eyes indo-pacifici in funzione anticomunista - si scopre eterogeneo. A partire da quell'asse transatlantico, euro-americano, che per quarant'anni ne ha costituito il nerbo. Limes si basa sull'incrocio di competenze e approcci molto diversi. Ad essa collaborano infatti studiosi (storici, geografi, sociologi, politologi, giuristi, antropologi eccetera) ma anche decisori (politici, diplomatici, militari, imprenditori, manager eccetera), in uno scambio aperto di opinioni e in una feconda contaminazione di approcci. Salvo le opinioni apertamente razziste, in quanto tali avverse a un dibattito aperto e paritario, tutte le idee politiche e geopolitiche hanno pieno accesso alla rivista. Essa si fonda infatti sul confronto contrastivo di rappresentazioni e progetti geopolitici diversi o anche opposti. L'essenziale è che essi siano riconducibili a conflitti di potere nello spazio (terrestre, marittimo, aereo), e che siano quindi cartografabili. L'uso di cartine geopolitiche è quindi essenziale per sviluppare il confronto, e su Limes infatti la cartografia abbonda.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali