I loro occhi guardavano Dio

Zora N. Hurston

Traduttore: A. Bottini
Editore: Cargo
Anno edizione: 2009
In commercio dal: 18 marzo 2009
Pagine: 267 p., Brossura
  • EAN: 9788860050267

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ilaria

    05/07/2014 15:43:55

    Un libro senza tempo ,una storia d'amore ,una storia sulla condizione femminile .L'ho divorato leggerlo e' un piacere una vicenda che commuove ed emoziona e mi ha fatto anche ridere di gusto. Per altro molto originale e delicato non affronta le tematiche razziali ma ne fa un breve cenno . Consigliato

  • User Icon

    Maunakea

    28/11/2010 19:22:45

    Their Eyes Were Watching God, è del 1937, davvero bello, un libro da leggere e fra qualche tempo sicuramente anche da rileggere, la lettura è scorrevole e non ostica e coinvolgente. Una storia semplice, la trama è lineare ma è il tratteggio dei personaggi e la doclezza del racconto che ne fa un grande libro. Consigliato.

  • User Icon

    strummercave

    04/11/2009 14:11:57

    Scritto più di settanta anni fa e riportato oggi all'attenzione del pubblico il romanzo della Hurston è una piacevole sorpresa. Un linguaggio, quello dei neri delle Everglades, affascinante, una protagonista straordinaria che passa attraverso tre matrimoni prima di scoprire la felicità, e tanti personaggi, anche quelli minori, che rendono questo libro assolutamente gradevole.

  • User Icon

    gianluca guidomei

    09/10/2009 10:41:03

    Considerato uno dei grandi romanzi dell' orgoglio nero, secondo me si rivela tale in un modo del tutto particolare: non ci sono eroi, quasi mai episodi di razzismo, non ci sono stereotipi. E' la storia di una donna che cerca la felicità nell' amore. Così semplice e banale! Eppure Janie è una donna vera, né bigotta né femminista, né santa né puttana, né bianca né nera. L' autrice mette in chiaro subito però, che il ruolo della donna, quella negra, è starsene buona sull' ultimo gradino della scala sociale ("Il mulo del mondo"). Ma Janie non si ribella al ruolo, non intraprende una lotta di emancipazione di genere o di colore della pelle: cerca la gioia di vivere. Tre sogni d' amore, tre mariti: una fuga, un lutto e una scommessa pericolosa da vincere. Il sale della vita...la passione che riaccende una donna da un matrimonio sbagliato...le piccole ribellioni da un rapporto fatto di sottomissione ed indifferenza...l' esperienza della morte e della perdita che non può essere una tragedia eterna ( "il lutto non dovrebbe durare più del dolore" )...e l' azzardo del cuore che si rimette in gioco navigando a vista... Un libro splendido nella sua nitidezza dei sentimenti; una verace ricognizione nell' anima di Janie, così spontanea ed appassionata; ma anche un rovesciamento del cliché che ci ha abituati a leggere di donne nere, o romanticamente selvagge, o incazzate e vendicative, o sottomesse e rassegnate. Niente di tutto questo. Il miglior modo per raccontare l' essere umano, uguale a tutte le latitudini, di qualsiasi colore, cultura, religione esso sia. Hurston racconta un mondo in cui non si parla di razze e colori, ma soltanto della vita e lo spiega attraverso le parole di Janie, che malinconicamente serena, ormai vedova ed anziana, si accontenta di aver ottemperato ai due comandamenti della vita realmente importanti: avvicinarsi a Dio e scoprire cos'è, questa vita.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione