Luce d'estate ed è subito notte

Jón Kalman Stefánsson

Traduttore: S. Cosimini
Editore: Iperborea
Collana: Narrativa
Anno edizione: 2013
Pagine: 304 p.
  • EAN: 9788870915174
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 14,45

€ 17,00

Risparmi € 2,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

14 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    luisa

    24/11/2015 19:22:31

    era tanto tempo che non leggevo un cosi' alto livello di letteratura, la sua empatia con il lettore porta quest'ultimo a entrare completamente nella sua narrazione, ho letto per prima la trilogia che va in crescendo come contenuti di tale profondita' esistenziale, da far vivere riga dopo riga sia a livello emozionale ma anche fisico il racconto, ho poi letto i pesci non hanno le gambe e pur essendo anche quello nello stesso stile della trilogia..per me e' un pochino al ribasso, ma di poco; questo autore islandese mi ha portato nella sua terra, ma non come turista, ma come abitante, che e' un altra cosa, forse lui puo' essere additato come un pessimista io lo ritengo di un realismo diamantino

  • User Icon

    Giuseppe Obert

    31/01/2014 10:04:55

    Dopo aver letto Paradiso e inferno e, La tristezza degli angeli, era normale un leggero calo di apprezzamento. Pur essendo molto gradevole, non era possibile mantenere il livello narrativo, poetico e toccante dei primi due. Stefànsson mi ha affascinato, portandomi a considerarlo tra i migliori scrittori che conosco. Vorrei leggere le altre opere che mi risulta abbia scritto ma, sembrano introvabili.

  • User Icon

    Anna Marzona

    08/10/2013 22:15:03

    Durante la prima scossa di terremoto, nel '76, mentre la terra tremava, la nostra vicina di casa aveva salito un piano, scalza, scarmigliata e in vestaglia, e cercava in entrare in casa nostra per trovare il conforto della compagnia; dall'altro lato mia madre manteneva a forza la porta chiusa, convinta che la violenza della scossa la stesse facendo saltare fuori dai cardini. Era una situazione tragica, la paura era molta, ma l'episodio è rimasto nella memoria famigliare per il suo lato leggermente comico, uno spostamento dell'attenzione, condito dall'affetto momentaneo per questa anziana signora mai vista in precedenza con un capello o un accessorio fuori posto. E' rimasto, e la sua lievità ha una forza maggiore della paura, che comunque c'era. Nelle pagine del romanzo di Jon Kalman Stefansson, edito da Iperborea, ho ritrovato questo stesso mood. Una narrazione delle forti emozioni comuni che punteggiano la vita della persona media - la solitudine, l'innamoramento a piccoli passi, il tradimento vissuto per futili motivi e subito con furia contenuta, il timore dell'ignoto, l'abbandono. Emozioni raccontate senza enfasi, ma senza neppure sminuire; raccontate con un'affettuosa vicinanza a queste persone imperfette; narrate con una ricchezza di dettagli marginali che danno profondità al racconto e corpo a immagini, indelebili e leggere, scolpite nella mia memoria di lettrice. Musicalmente potrebbe essere un album degli alt-j: per la lievità con cui rappresentano storie dense, per la cura e la ricchezza del linguaggio, per il ritmo, mai banale, spesso sorprendente, per il leggero spiazzamento che provi quando metti insieme la musica e il testo, le parole e le emozioni.

  • User Icon

    Alessandro

    01/10/2013 16:48:38

    Prima esperienza con un autore scandinavo non di massa scelto per le interessanti recensioni apparse sui quotidiani: la lettura è stata davvero piacevole, Stefansson si è rivelato un ottimo narratore. La saga di questo isolato paesino islandese è delicata, ironica, erotica, introspettiva al tempo stesso: una serie di racconti proprio divertenti con personaggi dalle mille sfaccettature. Sconsigliato a chi pensa che Stieg Larsson rappresenti la letteratura nordica.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione