Luglio per sempre

Tim O'Brien

Traduttore: G. Gatti
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 22/03/2004
Pagine: 316 p., Brossura
  • EAN: 9788807016516
Usato su Libraccio.it - € 9,72

€ 9,72

€ 18,00

10 punti Premium

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ant

    19/12/2004 11:57:59

    Americanata simpatica, in Italia su questa falsa riga però abbiama già visto il film "pane e tulipani"

  • User Icon

    mr.ripley

    14/06/2004 10:11:59

    I giochi della memoria, ovvero quei fili sottili stesi nelle nostre vite che hanno saputo attraversare il tempo, evidenziando i nostri desideri mai realizzati e le nostre più remote aspettative. Il tempo passa, inesorabile, e il compito di un bravo scrittore – perché è di questo che stiamo parlando – può anche essere quello di porsi in equilibrio su questa “massa” di tempo, cogliendo tutte le dinamiche del nostro essere umani. O’Brien sceglie un momento non a caso, ovvero il lontano 1969: l’uomo sbarcava sulla luna mentre altri uomini morivano come mosche in Vietnam, nei juke-box le melodie erano leggiadre e sfuggevoli, mentre il sognatore Martin Luther King svegliava le coscienze silenziose di milioni di americani. Anni di liberazione e, per qualcuno, anni di espressione, trampolini di lancio sul palcoscenico della vita; ai giorni nostri la classe del ’69 del Darton Hall College del Minnesota viaggia intorno alla cinquantina e quanto accadde in quella stagione lontana si rievoca, come un rito pagano, ogni anno: i ragazzi e le ragazze di allora sono diventati uomini e donne, padri e madri, mogli e mariti, adulti e persone di mezza età. La leggerezza degli anni del college è sempre più sfocata: in primo piano quasi tutti hanno messo la carriera, ottime professioni, ottimi status di vita ma, che fine hanno fatto i sogni d’amore, la libertà, la felicità che nasce dal semplice fatto di stare insieme? O’Brien non usa mezzi termini e dichiara a gran voce che quella generazione ha miseramente fallito. Il libro gioca tra il passato e il presente e, con grande abilità e leggerezza, l’autore ci permette di conoscere nel dettaglio le vite e i frammenti di vita dei ragazzi di allora; il lettore non si faccia intimorire dall’atmosfera troppo “made in America” dei capitoli iniziali: l’abilità di Tim O’Brien consiste proprio nel dipanare quella matassa di sentimenti, di speranze, di sogni perduti e di giornate ricche di sole. “Luglio per sempre” è un libro che parla della disperata ricerca della felicità. In questo senso, poc

  • User Icon

    Francesco Fonda

    20/03/2004 12:25:58

    Libro comperato perchè consigliato da Daria Bignardi in radio. Traduzione troppo letterale. Umorismo americano non rende, non fa ridere. Personaggi femminili donne scafate, racchie, sgradevoli e puttane, ma convinte del contrario. Si può evitare.

  • User Icon

    ary

    17/02/2004 13:12:36

    E' un libro spassosissimo che consiglio caldamente; fitto di personaggi indimenticalibili!DA LEGGERE

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione