La luna è tramontata

John Steinbeck

Traduttore: G. Monicelli
Editore: Mondadori
Edizione: 27
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
Pagine: 192 p.
  • EAN: 9788804451099
Usato su Libraccio.it - € 3,67

€ 3,67

€ 6,80

4 punti Premium

€ 5,78

€ 6,80

Risparmi € 1,02 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandro

    01/11/2013 11:13:35

    Con questo romanzo, Steinbeck cerca di riproporre la formula vincente del precedente 'Furore' (1939): raccontare una storia che abbia i connotati dell'eterno. Se nel libro precedente le vicende di Joad dovevano testimoniare della forza e della dignità della vita, in questo la storia della resistenza contro gli invasori avrebbe dovuto fungere da esaltazione della libertà. Tuttavia i buoni propositi non possono controbilanciare una scarsa vena creativa. Il romanzo si legge in 2 ore, al termine delle quali non resta niente.

  • User Icon

    Rossella

    02/09/2013 18:14:25

    è bellissimo! ho letto furore e uomini e topi. Breve ma intenso,dialoghi bellissimi e ricchi di significato

  • User Icon

    zombie49

    05/07/2012 10:36:46

    L'esercito nazista occupa un villaggio di pescatori e minatori, in un paese non identificato, presumibilmente la Norvegia. Gli abitanti sono attoniti e confusi, ma quando viene fucilato un minatore che ha ucciso un tedesco, cresce un odio represso profondo e silenzioso, e cominciano sabotaggi e attentati, in un crescendo di violenza e timore. Scritto nel 1942, il romanzo sembra un copione di propaganda holliwoodiana. Tutti i personaggi sono incredibilmente ingenui, x non dire stupidi, riducendosi a stereotipate macchiette: il sindaco si agghinda x ricevere gli invasori, incerto se offrire vino o caffè; la cuoca rovescia pentole di acqua bollente sui soldati che curiosano in cucina; il delatore rifiuta di abbandonare il paese; il minatore come Balilla rifiuta di lavorare x l'invasore, ma anziché tirare una pietra, colpisce con il piccone, x di più l'uomo sbagliato; un ignaro ufficiale tedesco cerca di intrecciare una relazione con la moglie del fucilato, che lo uccide con una forbiciata. Una violenza senza sangue e orrore e mai esplicita, tutti sembrano perseguire un personale codice di onore dimentichi di essere in guerra. Una storia totalmente distaccata dalla realtà, che, come nei film, supera disinvoltamente le barriere linguistiche. Steinbeck è uno scrittore acclamato, premio Nobel 1962, e dopo aver tentato inutilmente a più riprese di leggere "Uomini e topi", mi chiedo come sia possibile. Lo stile è stringato, ma ricco di autocompiacimento; il romanzo è breve, e questo mi ha aiutato a finirlo. L'unico aspetto ancora attuale è che molti eserciti occupano un paese pensando di essere accolti da liberatori, x scoprire invece di suscitare odio e ribellione, che sfocia in guerriglia e attentati, come accade oggi in Iraq e Afghanistan. Ma ai capi non importa.

  • User Icon

    salvatore siragusa

    30/01/2012 18:42:28

    40/01/2012La luna è tramontata di J. Steinbeck Un bel romanzo corto , semplice e intenso. Scritto nel 1942,in piena guerra , quando poteva sembrare che l'aggressione nazista alle democrazie europee stesse per prevalere , è un atto di fede nei valori di libertà e giustizia .Gli Stati governati dalle dittature possono vincere le battaglie ,ma saranno sempre le democrazie a vincere le guerre . Forse scritto anche con intenti didattici come La Fattoria degli Animali di Orwell ,mi sembra però anche più ispirato,nobile . Sorprendente un'affermazione del comandante dell'esercito invasore :" prima d'ora è sempre stato possibile disarmare un popolo e tenerlo nell'ignoranza .Ora,questa gente ascolta la radio e non possiamo impedirglielo" .Dopo 70 anni, nell'epoca di Internet e delle rivoluzioni scatenate via Rete ,sono parole profetiche. Commovente il finale con la citazione dell'Apologia di Socrate Bello!(Steinbeck ottenne il Premio Nobel nel 1962 )

  • User Icon

    Anna

    15/03/2010 13:15:42

    Stilisticamente è certamente molto datato ma il messaggio è eterno e universale.

  • User Icon

    Iacopo

    09/09/2006 17:53:43

    Inferiore a Furore e Uomini e Topi, ma con quel filo conduttore di quella forte solidarietà tra persone che Steinbeck inserisce sempre nei suoi romanzi e di cui forse vale la pena rifletterci più spesso anche nella vita di oggi.

  • User Icon

    alberto

    31/07/2006 13:01:54

    Non sono affatto d'accordo con gli altri voti. E' un libro splendido, di quelli che ognuno di noi dovrebbe leggere, e magari rileggere. Trasuda di pathos, coraggio, dignita'... e racconta di uomini testardamente in lotta per la propria liberta' nonostante sembri inutile farlo, vista la disparita' delle forze in campo. Assolutamente da non perdere.

  • User Icon

    Eugenio

    06/06/2006 09:35:03

    se fosse un qualunque libretto contro la guerra potrei aver più considerazione, ma mi stupisce che venga considerato un capolavoro della difesa morale della pace e contro la guerra. 10 e lode a titolo e sottotitolo, poi leggi e vieni deluso. a volte mi vien da pensare che pure un bravo bambino delle elementari sarebbe in grado di scriverlo; io ho 20 anni e ho tanti coetanei che scrivono meglio. son fatte benino le descrizioni, ma non c'ho visto del gran pathos, è tutto un dialogo! comincia anche benino (scusate la ripetizione), ma alla lungo diventa un po' pesante; non è quel libro che ti alzi la mattina con la gran voglia di leggerlo: l'ho finito perchè son 120 pagine... come libro per passare il tempo in spiaggia, tra un bagno e l'altro, al 6 c'arriva anche, ma se devo considerarlo come lettura impegnata (si studia anche a scuola), mi vien da ridere!

  • User Icon

    Ary

    30/11/2004 16:44:09

    A me non è piaciuto,a dirla tutta mi ha fatto veramente pena!!!!!

  • User Icon

    Ary the best!!!!!

    30/11/2004 16:30:40

    Fa pena!!!

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione