-15%
La lunga marcia - Stephen King - copertina

La lunga marcia

Stephen King

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Beata Della Frattina
Collana: Pickwick
Edizione: 1
Anno edizione: 2013
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 novembre 2013
Pagine: 284 p.
  • EAN: 9788868361235

81° nella classifica Bestseller di IBS Libri Narrativa straniera - Horror e narrativa gotica - Narrativa horror

Salvato in 144 liste dei desideri

€ 8,42

€ 9,90
(-15%)

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La lunga marcia

Stephen King

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La lunga marcia

Stephen King

€ 9,90

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La lunga marcia

Stephen King

€ 9,90

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un incubo on the road che solo Stephen King poteva costruire.

Dal confine con il Canada fino a Boston a piedi, senza soste. Una sfida mortale, con un regolamento implacabile, per cento volontari: un passo falso, una caduta, un malore, e si viene abbattuti. Ma chi riesce a tagliare il traguardo otterrà il Premio. Lungo il terribile percorso, scandito dagli incitamenti della folla, fra i partecipanti si creano rapporti di sfida, di solidarietà e di lucida follia... Il ritratto di un'America cinica e spietata.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,57
di 5
Totale 44
5
29
4
12
3
1
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Annamaria

    24/09/2019 18:52:25

    Libro poco coinvolgente per i miei gusti,difficoltà nel distinguere i molteplici personaggi e la motivazione legata alla stesura del romanzo. Libro non terminato nella lettura

  • User Icon

    Angelo

    22/09/2019 21:01:34

    Libro non sempre scorrevole pur avendo una trama inusuale, voto 2/5.

  • User Icon

    joamna

    22/09/2019 16:27:23

    La storia è ambientata in un presente alternativo, potremo dire distopico e totalitario, in cui cento ragazzi, volontari, vengono scelti da una lunga lista per partecipare a quella che viene chiamata La Lunga Marcia. Immaginatevi a camminare per ore, anzi giorni, senza mai dormire, senza mai sedersi o riposarsi, mangiando qualcosa al volo, mantenendo sempre una velocità di sei chilometri all’ora. Sicuramente il cammino che i partecipanti fanno, il loro viaggio, può essere interpretato come metafora della vita: ognuno di noi, nella sua vita, decide di camminare, di andare avanti nonostante gli ostacoli da superare. C’è chi a un certo punto non ce la fa più e si arrende, e chi invece continua, imperterrito. Un libro soprannaturale e cruento.

  • User Icon

    Lena

    21/09/2019 18:52:25

    Per tutta la lettura la domanda che mi assillava era "ma perché?". E in effetti non si capisce, è il nonsenso la cosa più terribile, il fatto che non ci sia uno scopo, che tutto sia fatto per puro gusto dello spettacolo, della sfida, del miraggio della vittoria finale. Ma a che prezzo? Una marcia allucinante, un gioco perverso in cui solo uno, fra cento, arriverà vivo alla fine. E in cui il lettore, andando avanti, si sente sempre più come il pubblico ai lati della strada, voyeur e in cerca di sangue. Si vuole andare avanti non tanto per vedere chi arriverà alla fine, ma chi cederà prima, quando e in che modo si arrenderanno alla morte. Un romanzo breve che tiene incollati pagina dopo pagina; lo pseudonimo non è bastato, a King, per nascondere questo suo talento.

  • User Icon

    Elena

    20/09/2019 14:57:53

    Amici lettori dopo aver letto La Lunga Marcia, avrete la piena consapevolezza di ciò che differenzia un romanzo da un capolavoro. Una gara mortale, ai vostri occhi un assurda insensatezza, vi chiarirà sui controversi meccanismi umani e sociali che spingono oltre il limite gli esseri umani, di eccezionale attualità è un anticipazione sul tema della follia sociale , abbrutimento e cinismo culturale. Un vero e proprio laboratorio umano creato da King, con la scrittura e le descrizioni che già da sole basterebbero a farvelo amare.

  • User Icon

    eli

    20/09/2019 12:24:00

    Riletto dopo molto anni e apprezzato ancora di più!

  • User Icon

    Vittoria

    20/09/2019 09:57:37

    Uno dei primi romanzi di King scritti sotto lo pseudonimo di Richard Bachman. Cento marciatori, un solo superstite: il vincitore. In questa pagina lo scrittore mette in risalto i sogni, le speranze, il vissuto e la parte più intima dell'animo umano. Fino alla fine al lettore sembrerà di marciare col sedicenne Garraty e conoscere, vedere, soffrire, sperare e desiderare con lui. La domanda è semplice: fin dove ci si può spingere per assicurarsi la sopravvivenza? Una marcia per la vita o una vita in marcia? Tra delusioni, amicizie, amori, gioventù e sentimenti contrastanti. Da leggere...

  • User Icon

    stefi

    19/09/2019 16:34:09

    uno dei libri più belli e meno citati del "re" Stephen King! in questo libro c'è la follia visionaria del precursore del genere,a cui saghe come hunger games ha preso a piene mani. consigliato a chi ama i libri che si leggono tutti d'un fiato

  • User Icon

    Dile

    10/09/2019 17:15:02

    Fantastico! Bellissimo! Da leggere assolutamente!!!!!!!!!!!

  • La lunga marcia (titolo originale The Long Walk; tradotto in italiano da Beata della Frattina) è stato pubblicato in realtà con lo pseudonimo di Richard Bachman ed è il primo romanzo scritto da Stephen King, anche se non è stato il primo ad essere pubblicato. La storia è ambientata in un presente alternativo, potremo dire distopico e totalitario, in cui cento ragazzi, volontari, vengono scelti da una lunga lista per partecipare a quella che viene chiamata La Lunga Marcia: marcia che inizia nel Canada e che dovrebbe finire a Boston, ma che non finisce praticamente mai lì perché i partecipanti muoiono prima, di stenti. Immaginatevi a camminare per ore, anzi giorni, senza mai dormire (se siete bravi sonnecchierete in piedi, camminando), senza mai sedersi o riposarsi, mangiando qualcosa al volo, finché si cammina, mantenendo sempre una velocità di sei chilometri all’ora. Non fate i gradassi, non pensate che sia fattibile, non lo è. Già mantenere una velocità di sei chilometri sembra poco, ma non lo è. Se non ci credete potete sempre fare una prova. Ogni volta che un partecipante rallenta riceve un’ammonizione. Ogni trenta secondi ne riceve una, fino a un massimo di tre. Nel momento in cui parte la terza ammonizione, il partecipante ha altri trenta secondi di tempo per recuperare, altrimenti, senza altri preavvisi, viene fucilato. La Lunga Marcia è l’evento dell’anno, dove le persone che non partecipano (e che non hanno i propri mariti o i propri figli tra i partecipanti) si ritrovano ai lati della strada a tifare come degli invasati, a sperare che finché hanno visuale qualcuno cada e non riesca più a rialzarsi, a sperare che qualcuno faccia i propri bisogni in pochissimo tempo o che perda una scarpa per andare a prendere queste cose come fossero dei trofei. I partecipanti de La lunga marcia partecipano a questo evento perché il vincitore può avere tutto quello che desidera per il resto della sua vita. In realtà partecipare per questo motivo [continua sul blog]

  • User Icon

    A

    22/08/2019 12:50:59

    Bello, riesce a farti percepire le difficoltà e le sofferenze dei protagonisti

  • User Icon

    Lucia Genco

    13/08/2019 09:14:54

    Uno dei primi libri di Stephen King, scritto quando era ancora al college e senza nemmeno il presentimento di quanto sarebbe diventato famoso. Fu pubblicato tuttavia anni dopo aver spiccato il volo come autore e sotto pseudonimo. Queste premesse potrebbero quindi scoraggiare una sua lettura, ma affatto è un libro che non ha l'inesperienza di un novello scrittore, piuttosto ha tutta la freschezza che ci si aspetterebbe da un ragazzo che ha una storia in testa e che sa come "buttarla in faccia al lettore per fargli prima vivere l'emozione e poi farlo pensare" parafrasando ciò che King dirà poi in una postilla a "Notte buia, niente stelle" parlando appunto dell'arte di scrivere. "La lunga marcia" coinvolge così tanto che quando si gira l'ultima pagina fanno male i piedi; inoltre per quanto in molte recensioni abbia letto di punti in comune con hunger games io non mi ci ritrovo: il semplice fatto che venga analizzata una gara in cui perdere significa morire non significa che leggerne è come fare un rewatch di una storia già vista sui grandi schermi, non voglio dilungarmi su questo punto che mi sembra molto chiaro ma parafraserò un concetto a mio avviso fondamentale: non siamo tutti qui perché in realtà volevamo morire? Non ti sei iscritto perché hai istinti suicidi?. In questo c'è tutta la differenza con romanzi presi in comparazione come il suddetto della Collins: King non ha messo dei ragazzi dinanzi all'obbligo di partecipare ad una gara mortale (1% di probabilità di vincere/vivere, i gareggianti sono 100) ma ha voluto analizzarli lasciandogli la libera scelta di prendere parte o meno a questo inferno. Ma una cosa non cambia in tutti questi romanzi in cui il ludico si identifica con la morte, ossia il pubblico, la bramosia che gli spettatori hanno di vedere la fine violenta di una giovane vita umana. Del resto è così almeno dai tempi dei Romani, per fare un esempio quanto più vicino alla nostra cultura.

  • User Icon

    sofia

    10/08/2019 08:56:54

    Bello

  • User Icon

    Avalon

    05/08/2019 07:35:59

    Bellissima storia. Distopico, ma attuale. Ben delineati i personaggi..

  • User Icon

    Marzia

    08/07/2019 07:50:55

    Una storia cruda, raggelante. Il romanzo si distacca dai racconti più famosi dello scrittore caratterizzati da una nota horror in chiave surreale, che qui è invece assente: la narrazione, infatti, si basa totalmente sulle emozioni, i pensieri, la stanchezza fisica del protagonista e l'evoluzione che segue durante i quattro giorni di cammino incessante. La prosa si dimostra talmente realistica che il tutto sembra essere vissuto sulla propria pelle, tanto che il lettore, fin dalle prime pagine, inizia a provare la sensazione angosciante di esser tra quei cento ragazzi, costretto a fare un passo dopo l'altro verso una meta infinitamente lontana, pena la morte. La Lunga Marcia è un romanzo in cui ció che conta non è il finale, intuibile, ma la strada da percorrere (metaforicamente e letteralmente) per arrivarci, una strada faticosa, inaspettatamente sofferente. Un romanzo poco conosciuto dell'autore, ma che forse è uno dei migliori di King.

  • User Icon

    Sam

    20/06/2019 13:02:09

    Incredibile! Ho avuto l'impressione di aver corso con Ray per tutto il tempo, con la paura, ed il desiderio insieme, di accasciarmi a terra

  • User Icon

    Rea

    10/03/2019 14:19:56

    Trovo l’idea narrativa interessante, originale (non mi sorprenderei se l’autrice di hunger games avesse preso spunto proprio da questo libro) ma la storia è debole e inconcludente. Non spiega il contesto, manca tutto il contorno, e alla fine non mi ha lasciato nulla. Cento ragazzi corrono, dopo tre richiami vengono uccisi. Si corre finché ne rimane uno solo, che potrà chiedere tutto ciò che desidera. Forse devo leggere più in profondità, oltre il significato immediato delle parole, e cercare un parallelo con la nostra società, forse era un libro d’accusa verso certi comportamenti sociali, o forse King se l’è pensata così e tanti saluti. Non mi mancherà.

  • User Icon

    Pietro

    22/02/2019 08:12:39

    Nonostante sia un fan di king di vecchia data, ed abbia apprezzato tantissimo l'uomo in fuga, ho sempre ritardato la lettura de la lunga marcia...fino ad oggi. Stephen king si è superato in questo romanzo, uno dei suoi primi, dove abbandona l'aspetto orrorifico concentrandosi su quello puramente umano, esaltandone le ansie e le paure e tutte quelle sensazioni che normalmente ci portiamo dentro e a cui non diamo importanza, ma che in condizioni estreme ci danno la forza di proseguire. Ambientazione distopica appena accennata, con qualche informazione qua e la, senza perdersi in inutili spiegoni, quasi a volerci suggerire che questa distopia è più realtà di quel che sembra. Un king ottimo anche nel finale, che di solito non è il suo forte. Romanzo perfetto questo del re!

  • User Icon

    Meer

    30/11/2018 19:15:45

    Una marcia per un premio inimmaginabile. Una marcia per la salvezza. Una marcia per la vita. Solo uno rimarrà... e in che condizioni si trovi, lo scoprirete solo leggendo questo distopico meravigliosamente realistico.

  • User Icon

    Jack

    23/09/2018 08:26:33

    Scritto sotto po' pseudonimo Richard Bachman, è uno tra i miei preferiti. Avvicente, riflessivo, di impatto e con un finale a sorpresa.

Vedi tutte le 44 recensioni cliente
  • Stephen King Cover

    Stephen King è autore di romanzi e racconti best seller che attingono ai filoni dell’orrore, del fantastico e della fantascienza, ed è considerato un maestro nel trasformare le normali situazioni conflittuali della vita – rivalità fra coetanei, tensioni e infedeltà coniugali – in momenti di terrore. Quando è ancora piccolo, sua madre deve far fronte a grandi difficoltà, perché il padre uscito di casa per fare una passeggiata non fa più ritorno. Nel 1962 inizia a frequentare la Lisbon High School e comincia a spedire i suoi racconti a vari editori di riviste, senza però alcun successo concreto. Conclusi gli studi superiori entra all'Università del Maine ad Orono, dove gestisce per un paio d'anni una rubrica... Approfondisci
Note legali