Il lupo della steppa

Hermann Hesse

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Ervino Pocar
Editore: Mondadori
Collana: Oscar moderni
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
In commercio dal: 24 maggio 2016
Pagine: XXVI-185 p., Brossura
  • EAN: 9788804668060
Salvato in 189 liste dei desideri

€ 12,00

Venduto e spedito da LIBRERIA ZANETTI

Solo una copia disponibile

+ 4,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 11,88 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il disagio di fronte alla volgarità e alla massificazione della società moderna, la ricerca di valori più elevati, la forza liberatrice degli impulsi primordiali, il rimettersi in gioco a partire da una nuova consapevolezza. Sono questi alcuni dei temi che si intrecciano nel "Lupo della steppa", uno dei romanzi più "radicali" e più affascinanti di Hesse, pubblicato nel 1927 in un'Europa in cui i regimi totalitari si andavano moltiplicando. Il protagonista, Harry Haller, vive in una condizione di impotente infelicità generata da un insanabile dissidio interiore tra l'"uomo" - tutto quello che ha in sé di spirituale, di sublimato, di culturale - e il "lupo" - tutto ciò che ha di istintivo, di selvatico e di caotico. Haller si è chiuso in un isolamento quasi totale rispetto al mondo meschino e privo di spirito in cui vive, arrivando a un passo dal suicidio. Verrà "rieducato" alla vita comune, quella di tutti, da una donna incolta ma esperta e intelligente, che lo aiuterà a trovare la via per meglio comprendere le "non regole" dell'assurdo gioco della vita. Introduzione di Daniela Idra.
3,82
di 5
Totale 11
5
6
4
1
3
1
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Assy

    14/08/2019 17:07:10

    È un libro illuminante, profondo, unico come il suo autore!

  • User Icon

    Daniela Lunghi

    13/05/2019 21:08:08

    Ho tutti i libri di Hesse che sono stati tradotti in Italia, alcuni in diverse edizioni, compreso quello con i suoi acquarelli. L'ho sempre amato , letto, riletto. Fa parte di me. "Il lupo della steppa" è un'opera complessa come "Il gioco delle perle di vetro", vale la pena di affrontarli, hanno ancora molto da comunicarci.

  • User Icon

    Eleonora

    08/03/2019 11:35:24

    Un viaggio difficile attraverso l'io, una narrazione a tratti ostica, ma che offre molti punti di riflessione e tanti spunti per interrogare se stessi. Una spinta verso una nuova consapevolezza e un nuovo modo di vedersi come esseri "multipersonali".

  • User Icon

    Nadia

    21/02/2019 20:33:50

    Non amo i romanzi che si collocano al confine tra il sogno e la realtà, e se devo leggere un libro che vada a fondo nel cuore dell'uomo preferisco la profondità "solida" di un Dostoevskij o di una George Eliot. Ma mi rendo conto che è una questione di gusti personali, non di una pecca del romanzo in quanto tale, dove anzi si trovano diverse pagine degne di interesse e approfondimento. Solo che è scritto in un modo che non fa per me.

  • User Icon

    Antonio

    06/02/2019 20:47:11

    Un capolavoro che lascia libero spazio alle varie interpretazioni e che tende a sottolineare la totale ignoranza dell'uomo riguardo il proprio io.

  • User Icon

    Francesca

    28/12/2018 10:20:50

    L'ho adorato anche se è un libro non facile, è un viaggio nella psiche umana, il racconto dell'insanabile dissidio tra l'uomo e il lupo.

  • User Icon

    Aniello

    23/09/2018 05:41:05

    Il miglior romanzo di Herman Hesse, un'opera che qualunque cultore della letteratura dovrebbe avere tra i suoi scaffali.

  • User Icon

    Carla

    22/09/2018 12:35:53

    Immenso! Opera magistrale. Tra uomo e lupo, sublimazione e istintività, ma non solo poichè è un viaggio all'interno della psiche di un uomo all'alba del 900 e che cammina tra il reale e l'onirico. Non per tutti

  • User Icon

    Luca

    22/03/2018 14:05:13

    Dopo le iniziali premesse, il libro si tramuta in una deludente apologia della cultura beat, o se si vuole, in un pamphlet antiborghese. Politicamente ingenuo come poco altro, e a tratti insopportabile, nella sua divinizzazione del giovanilismo e della "bella Erminia", eletta a caricatura sovrannaturale della donna salvifica. Arduo proseguire dopo la novantesima pagina, soprattutto per la noia che suscita.

  • User Icon

    Francesco

    27/09/2017 06:23:33

    Mi aspettavo molto di più. Dal mio punto di vista un testo noioso, poco stimolante e per nulla anticonformista.

  • User Icon

    Egome

    04/05/2017 12:55:30

    Premetto che sono un ammiratore di Hesse, soprattutto delle sue riflessioni (in prosa e in rima) sulla vita e sull’amore. Non condivido però gli entusiasmi di molti lettori per questo libro. Questo racconto quasi autobiografico - forse perché scritto in un momento di particolare crisi spirituale dell’autore alla soglia dei cinquant’anni (psicanalisi dilagante, filosofia nietzschiana, crisi socio-politica, ecc) - non solo non mia ha convinto , ma non mi è piaciuto. Il protagonista, Harry Haller, dopo esperienze di vita disperanti, vive una vita ‘dissociata’, e in lotta quasi perenne fra l’uomo e il lupo che dimorano nella sua natura, con il proposito di un suicidio programmato al compimento dei cinquant’anni. L’incontro con la bella Erminia potrebbe essere l’occasione di una rinascita ‘equilibrata’ della propria personalità, ma si rivela invece deleterio, ricco di false gratificazioni carnali effimere e di esperienze allucinogene dovute all’uso di sostanze; il tutto con un finale tutto sommato deludente, inconsistente e nichilistico, anche se vissuto e raccontato in termini onirici (‘magia teatrale’). Boh ! Anche Hesse, nella ‘Nota dell’autore’ delle ultime pagine sente la necessità di dare una spiegazione al suo racconto, oggetto di elogi, ma anche di critiche e fraintendimenti. Se ci ha provato anche lui …

Vedi tutte le 11 recensioni cliente
  • Hermann Hesse Cover

    Scrittore tedesco. Abbandonati gli studi teologici, lavorò come meccanico e poi come libraio; nel 1904 si stabilì sul lago di Costanza, dedicandosi all'attività letteraria. Nel 1911 compì un lungo viaggio in India e nel 1921 prese la cittadinanza svizzera. Fu insignito del premio Nobel nel1946. Il romanzo che lo rivelò fu "Oeter Camenzind" (1904), una storia pervasa di idillica malinconia. Seguirono "Sotto la ruota" (1906) e diversi volumi di novelle. Gli avvenimenti della prima guerra mondiale produssero in lui una violenta crisi accentuando la sua tendenza all'introspezione. Si accostò alla psicoanalisi e introdusse nei suoi libri nuovi e più maturi elementi di critica sociale. Nel 1920 scrisse "L'ultima estate di Klingsor" cui seguirono i... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali