M, il mostro di Düsseldorf di Fritz Lang - Blu-ray

M, il mostro di Düsseldorf

M, Eine Stadt Sucht Einen Mörder

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: M, Eine Stadt Sucht Einen Mörder
Regia: Fritz Lang
Paese: Germania
Anno: 1931
Supporto: Blu-ray
Salvato in 23 liste dei desideri

€ 14,99

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

All'uscita dalla scuola, una bambina viene avvicinata da un uomo che ha già adescato e ucciso altre bambine come lei: il suo corpo è ritrovato privo di vita in un orto. La polizia intensifica le ricerche. Tutto ciò, però, costituisce una minaccia per le attività della malavita, che vuole eliminare l'assassino. Il film ha avuto vari rifacimenti.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Matthias

    19/09/2019 15:25:13

    Qua, più che del film, che è un capolavoro di quelli veri, parlerò dell'edizione. Un'ottimo restauro di questo film di Lang che ha ormai quasi 90 anni. Bianco e nero splendidamente riportato in vita grazie alla qualità di questo Blu Ray. Ho scritto che non avrei parlato del film, ma non riesco a non ricordare quanto diamine è bello il monologo di Peter Lorre nel finale.

  • User Icon

    FTLeo

    21/06/2019 15:05:10

    “M - Il mostro di Düsseldorf” (Germania, 1931) è un film diretto dal regista, sceneggiatore e scrittore austriaco naturalizzato statunitense Fritz Lang (1890-1976). Il film si ispira, anche se abbastanza alla lontana, agli efferati crimini commessi in Germania negli anni Venti da Fritz Haarmann e Peter Kürten. La trama, in breve, è la seguente: un’intera città è del tutto terrorizzata da un assassino psicopatico, Hans Beckert, splendidamente interpretato da un grande Peter Lorre, icona del cinema noir. Nessuno riesce ad acciuffare il maniaco perché è un uomo grigio e comune… forse per questo ancora più inquietante. Catturato dal popolo, verrà sommariamente processato e condannato a morte, ma l’arrivo della polizia… “M” è uno dei primi film parlati di Fritz Lang in cui si fondono le tecniche altamente espressive del cinema muto con la stupefacente modernità di un sonoro capace di gelare, come quando il mostro parla con la sua vocina da chioccia o quando si aggira nella notte fischiando un sinistro motivetto. Ancora, il monologo dell’assassino, nella sua difesa finale davanti al tribunale formato dai criminali della città, è un qualcosa da antologia! Lang, in questa meraviglia cinematografica, ritrae benissimo sia i facili entusiasmi della folla (i tentativi di linciaggio del mostro) sia i dubbi legati alla pena di morte per delitti abietti (è giusto mettere a morte una persona comunque non padrona delle sue azioni?). Il lungometraggio (in originale “M - Eine Stadt sucht einen Mörder”) è da considerarsi come uno dei prototipi del filone noir che si sviluppò poi in America negli anni Quaranta. Sconsigliato a chi cerca sangue e violenza. Nel film non c’è niente di tutto questo. Si tratta esclusivamente di una pellicola che induce lo spettatore a riflettere parecchio… Capolavoro assoluto!

  • Film in bianco e nero
  • Produzione: Studio 4K, 2014
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 106 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0 - mono);Tedesco (Dolby Digital 2.0 - mono);Tedesco (DTS 2.0 HD)
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Formato Schermo: 1,33:1
  • AreaB
  • Contenuti: cortometraggio: "M Le Maudit" di Claude Chabrol
  • Fritz Lang Cover

    "Regista tedesco di origine austriaca. Studia al Politecnico di Vienna, ma viene presto attratto dalle discipline umanistiche, in particolare dalle arti figurative, e si iscrive all'Accademia di belle arti di Monaco. Comincia a viaggiare per l'Europa, vivendo come pittore ambulante, ma allo scoppio della prima guerra mondiale è arruolato nell'esercito e viene ferito in battaglia. È durante la convalescenza che si accosta alla scrittura cinematografica. Dopo aver realizzato per il produttore E. Pommer la sceneggiatura di Matrimonio al club degli eccentrici (1916), diretto da J. May, nel 1918 passa alla regia con Halb-Blut, e l'anno successivo con Der Herr Der Liebe (1919), seguito subito dopo da I ragni (1919), film a episodi ambientato in varie parti del mondo. Non abbandona però la scrittura,... Approfondisci
  • Peter Lorre Cover

    Nome d'arte di László Löwenstein, attore e regista di origine ungherese. Comincia giovanissimo a recitare in teatro nelle principali città del Centro Europa e nel 1931, con un solo film all'attivo ha la fortuna di recitare nel ruolo memorabile di Franz Becker, lo psicopatico uccisore di bambine di M, il mostro di Düsseldorf per la regia di F. Lang. Antesignano di future fortune cinematografiche, il serial killer cui L. dà vita si distingue dai suoi innumerevoli pronipoti giocando non tanto sull'efferatezza dei propri misfatti, peraltro solo accennabili all'epoca, quanto su un aspetto mellifluo e inquietante: viso tondo e allucinato, occhi lucidi e sporgenti come quelli di un rospo che trasmettono sgradevoli sensazioni di impurità interiori. Con questa straordinaria presenza scenica il mostro... Approfondisci
Note legali