Ma le donne no. Come si vive nel Paese più maschilista d'Europa

Caterina Soffici

Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 5 ottobre 2009
Pagine: 201 p., Brossura
  • EAN: 9788807171857
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,56
Descrizione
Libere e padrone del proprio destino: era questa l'idea che le donne italiane avevano di sé. Ma era un'illusione, perché le cose negli ultimi vent'anni sono cambiate profondamente. In peggio. Non solo le donne italiane non hanno più fatto progressi, ma hanno cominciato ad arretrare, svegliandosi nel paese più maschilista d'Europa. Quali sono le radici di questo fenomeno e, soprattutto, perché le donne italiane hanno smesso di combattere per difendere i propri diritti? Il libro racconta storie, personaggi e fenomeni forse imprevedibili come la nascita e l'evoluzione del velinismo politico o la degenerazione dell'immagine delle donne in televisione e nella pubblicità. O ancora il ritorno di parole antiche, che riemergono da un passato fatto di playboy, massaie e ragazze illibate. Ma soprattutto descrive le donne reali, che quotidianamente devono fare i conti con discriminazioni sul lavoro, part-time negati e l'impossibilità di conciliare lavoro e vita familiare. Il confronto tra la situazione italiana e quanto succede all'estero - dove ci si imbatte in belle storie di donne vincenti, che reagiscono e si realizzano - sconcerta e indigna, ma dimostra che un altro mondo meno sessista è possibile. Un mondo dove vivrebbero meglio anche gli uomini.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Romolo Ricapito

    08/06/2010 13:20:56

    Il libro è scritto molto bene e vuole documentare la discriminazione femminile, sul lavoro principalmente, che in Italia sarebbe al primo posto in Europa. Si parte dalla discriminazione negli Usa (banche d'affari) per esaminare casi singoli italiani e personaggi come B.Matera, M.Carfagna, A. Clerici, N.Letizia. Il libro dunque può essere letto anche da chi è interessato al mondo dello spettacolo. Per spiegare la sua tesi, l'autrice si spende in esempi e statistiche. Verso la fine il saggio assume un tono quasi lamentoso ed è-comunque-dichiaratamente antiberlusconiano. Unitamente al fatto che ci sono forzature per fare apparire l'Italia il paese più zulù d'Europa. Gli italiani dovrebbero cambiare mentalità grazie principalmente alle leggi, la tesi di Caterina soffici. Non do il massimo dei voti per la deriva anti Cavaliere e perchè non condivido tutte le sue tesi, am il libro è fatto molto bene.

Scrivi una recensione