Machiavelli e Guicciardini. Pensiero politico e storiografia a Firenze nel Cinquecento

Felix Gilbert

Traduttore: F. Salvatorelli
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 24 gennaio 2012
Pagine: XXXIV-238 p., Brossura
  • EAN: 9788806202453
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Pubblicato in inglese nel 1965 e tradotto da Einaudi nel 1970, "Machiavelli e Guicciardini" si è imposto subito come un classico della storiografia sul Rinascimento per la vastità delle ricerche archivistiche che lo sostengono e per l'eccezionale talento narrativo degl'autore. Nell'affrontare una stagione decisiva della cultura europea, Felix Gilbert riesce infatti a coniugare come pochi il corpo a corpo con i testi dei due grandi pensatori fiorentini alla minuziosa ricostruzione dell'ambiente intellettuale nel quale si sono formati. Messi a confronto con il lessico del tempo e inseriti nei grandi conflitti sociali della repubblica di Savonarola e Soderini, "Il Principe", i "Discorsi" e la "Storia d'Italia" ci vengono cosi restituiti in una luce inedita, sino a fare di essi non più dei capolavori isolati ma il frutto più originale e avanzato di un generale ripensamento delle credenze sull'utile e sull'onesto, sulla violenza e sull'educazione, sull'importanza delle istituzioni e sul ruolo della religione nella vita pubblica. Tutti temi che sono ancora oggi al centro della riflessione dei filosofi: e il saggio introduttivo scritto appositamente per questa nuova edizione da Gabriele Pedullà mostra appunto come il libro di Gilbert non dialoghi soltanto con tutti i grandi rinascimentalisti della sua generazione (da Baron e Rubinstein a Kantorowicz), ma discuta sotterraneamente le tesi dei maggiori pensatori politici tedeschi del XX secolo, da Hans Kelsen a Carl Schmitt...

€ 19,55

€ 23,00

Risparmi € 3,45 (15%)

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

"Pietra miliare degli studi sul Rinascimento italiano", questo libro era già uscito in traduzione nel 1970, incontrando successo di pubblico. Einaudi lo ripropone con una nuova prefazione, Machiavelli dopo Auschwitz, che fornisce al lettore informazioni sulla biografia dell'autore, formatosi nella Germania degli anni venti all'ombra di Leopold von Ranke e Friedrich Meinecke, emigrato negli Stati Uniti dopo l'avvento del nazismo e destinato a trapiantare nel nuovo mondo la "migliore tradizione culturale" tedesca. Proprio il ritratto di Machiavelli disegnato da Gilbert, per "ricostruire con la massima precisione il contesto" della politica fiorentina e "far emergere il vero senso della sua opera proiettandola su quello sfondo", è un esempio dal "pathos" che si nasconde in questa riflessione. La lotta politica e lo scontro fra razionalismo e irrazionalismo che porta al trionfo dei Medici sotto il segno della forza, l'imprevedibile processo che minaccia di travolgere la ragione sprofondandola nella violenza diventano infatti "una chiara trasfigurazione della Germania di inizio Novecento". E Gilbert presenta il pensiero machiavelliano come una superiore capacità di "tenere conto, nel proprio calcolo razionale, di ciò che appunto ragione non è", rinunciando ai "progetti astratti" e imparando "a dare il giusto valore alla violenza", vero e proprio emblema del razionalismo "dopo Hitler e dopo Auschwitz". Perfetto pendant di questo metodo è allora la storia come "tragedia", la "lezione di disperazione" e insieme di "orgoglio" messa in campo da Guicciardini con la Storia d'Italia: altra sfida dell'intelletto che rivela "il vero valore delle cose di questo mondo", gettando le fondamenta del pensiero moderno. Rinaldo Rinaldi