Machiavelli e l'Italia. Resoconto di una disfatta - Alberto Asor Rosa - copertina

Machiavelli e l'Italia. Resoconto di una disfatta

Alberto Asor Rosa

Scrivi una recensione
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 2019
In commercio dal: 19 febbraio 2019
Pagine: 296 p.
  • EAN: 9788806240585

nella classifica Bestseller di IBS LibriClassici, poesia, teatro e critica - Storia e critica - Narrativa, romanzieri e scrittori di prosa

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 23,80

€ 28,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

24 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Niccolò Machiavelli viene in questo libro ricollocata nella sua dimensione piú umana e nel moltiplicarsi senza fine delle sue vocazioni. Ne esce un personaggio a tutto tondo, in cui corpo e cervello, intelligenza e passioni convergono e continuamente si fondono fra loro.

«Le due polarità del titolo - Machiavelli e Italia - si rapportano, specchiandosi in controluce, con effetti di accostamento e di divaricazione in quello che appare a tutti gli effetti uno straordinario corpo a corpo tra intelligenza e realtà» - Roberto Esposito, La Repubblica

«Il pensiero non è spirito, è materia, al pari del corpo: ed esattamente come il corpo funziona e agisce... Non esiste nella storia operazione piú esemplare di quella che Niccolò Machiavelli ha perseguito e realizzato nel senso che ho cercato testé di descrivere. Non esiste: per questo siamo cosí pieni di ammirazione e d'invidia. Invece di separare e magari di contrapporre le due cose, le ha fuse. Di conseguenza: quando si giudica il suo pensiero, si chiama in causa il suo corpo. Quando si chiama in causa il suo corpo, la sua materialità, – anche quella apparentemente piú episodica e transeunte, – se ne ricava l'impressione e la persuasione di un poderoso organismo pensante, che abbraccia tutto senza sforzo (senza sforzo? Sí, è questa l'impressione che se ne ricava) e diventa una cosa sola con il testo o l'episodio storico che sta narrando e descrivendo. Frutto anche questo, oltre che del genio machiavelliano, di quel complesso di ragioni e di forze, che siamo soliti considerare tipiche del cosiddetto grande "Rinascimento italiano"? Sí, non c'è dubbio: ma questo non fa che aumentare l'impressione di globalità che l'esperimento machiavelliano esprime e contiene».

La leggendaria figura di Niccolò Machiavelli, – pensatore, teorico, interprete profondo e appassionato degli avvenimenti politici e statuali del suo tempo, – viene in questo libro ricollocata nella sua dimensione piú umana e nel moltiplicarsi senza fine delle sue vocazioni. Ne esce un personaggio a tutto tondo, in cui corpo e cervello, intelligenza e passioni, invece di muoversi su binari paralleli e non comunicanti, convergono e continuamente si fondono fra loro. Il fascino di una ricostruzione condotta con questi criteri consente di cogliere meglio, e con maggiore concretezza, anche lo svolgimento processuale di un momento importante, anzi decisivo, della storia italiana, quello che Asor Rosa definisce la «grande catastrofe»: quando, in un breve volgere di anni (1492-1530), si sarebbero determinati e forgiati i destini della Nazione fino ai nostri giorni. Il talento narrativo dell'autore, ben noto per precedenti esperienze, fa di questo ricchissimo e complicato intreccio di temi, problemi, personaggi, decisioni giuste e decisioni avventate, lotte eroiche e imprese sciagurate, un racconto continuo e appassionato, di cui non si perde mai il filo. Vi si legge la storia del passato come se si trattasse della storia piú coinvolgente dei nostri tempi.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    simona

    11/03/2019 09:06:06

    È un testo molto interessante, accattivante, immerge il lettore in un contesto puro, reale e si legge con scorrevolezza. Per chi ama l'arte, la letteratura e la storia è molto indicato.

  • Alberto Asor Rosa Cover

    Alberto Asor Rosa è nato nel 1933 a Roma, dove ha insegnato per molti anni all’Università «La Sapienza». Ha diretto la Letteratura italiana Einaudi nelle sue varie forme ed estensioni. Per lo stesso editore ha pubblicato "Scrittori e popolo", "Genus italicum", "Stile Calvino", "Storia europea della letteratura italiana" e un volume di aforismi esistenziali, "L’ultimo paradosso". Fra i suoi volumi di saggistica politica, "Le due società. Ipotesi sulla crisi italiana" e "La guerra. Sulle forme attuali della convivenza umana". Per Laterza ha pubblicato, a cura di Simonetta Fiori, "Il grande silenzio. Intervista sugli intellettuali". Tre i suoi precedenti libri di narrativa: "L’alba di un mondo nuovo", "Storie di animali e altri viventi" e "Assunta... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali