copertina

Madri e Stato. Politiche sociali negli Stati Uniti del Novecento

Elisabetta Vezzosi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Carocci
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 29 marzo 2002
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788843020607
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 10,96

€ 20,30
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Le politiche di assistenza alla maternità e all'infanzia sono state negli ultimi anni al centro del dibattito pubblico negli Stati Uniti. Questo volume ne ripercorre la storia nell'arco dell'intero Novecento. Muovendosi in una prospettiva transnazionale e comparata, Elisabetta Vezzosi critica la convinzione secondo cui gli Stati Uniti sono stati caratterizzati da gravi ritardi nella messa in atto di politiche sociali rispetto alle avanzate esperienze europee. L'autrice evidenzia quindi gli elementi che contraddistinguono il caso statunitense: l'influenza del movimento delle donne sulle origini e lo sviluppo delle politiche di welfare e il ruolo di decision making assunto da molte di loro nell'amministrazione pubblica. La ricerca esamina il complesso percorso che dalle mothers' pensions dei primi due decenni del Novecento conduce al Social Security Act newdealista e alle politiche del secondo dopoguerra, sottolineando la singolare continuità di alcuni elementi: le forti tendenze alla discriminazione razziale e la propensione a privilegiare politiche sociali centrate sui bisogni della famiglia anziché su quelli delle madri.

Note legali