Il Maestro e Margherita

Michail Bulgakov

Curatore: M. Crepax
Editore: Feltrinelli
Edizione: 4
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 552 p., Brossura
  • EAN: 9788807900143

15° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa straniera - Classica (prima del 1945)

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Il Diavolo è il più appariscente personaggio del grande romanzo postumo di Bulgakov. Appare un mattino dinanzi a due cittadini, uno dei quali sta enumerando le prove dell'inesistenza di Dio. Il neovenuto non è di questo parere... Ma c'è ben altro: era anche presente al secondo interrogatorio di Gesù da parte di Ponzio Pilato e ne dà ampia relazione in un capitolo che è forse il più stupefacente del libro... Poco dopo, il demonio si esibisce al Teatro di varietà di fronte a un pubblico enorme. I fatti che accadono sono cosi fenomenali che alcuni spettatori devono essere ricoverati in una clinica psichiatrica... Un romanzo-poema o, se volete, uno show in cui intervengono numerosissimi personaggi, un libro in cui un realismo quasi crudele si fonde o si mescola col più alto dei possibili temi: quello della Passione... È qui che Bulgakov si congiunge con la più profonda tradizione letteraria della sua terra: la vena messianica, quella che troviamo in certe figure di Gogol' e Dostoevskij e in quel pazzo di Dio che è il quasi immancabile comprimario di ogni grande melodramma russo." (Eugenio Montale)

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MauroFly

    11/12/2018 15:24:15

    Uno dei libri piu' divertenti che ho letto. All'inizio ho fatto un po' di fatica ad entrare nella storia ma poi mi ha talmente "preso" che l'ho finito in poco tempo.Originale l'arrivo del mago Woland, che interpreta Satana a Mosca. Scrittura piacevole e mai noiosa. Vivamente consigliato, un capolavoro.

  • User Icon

    Chiara

    23/09/2018 18:56:40

    Uno dei libri più divertenti e inizialmente confusionari che abbia mai letto. Bulgakov si dimostra come uno dei maggiori scrittori del 900 non solo nella letteratura russa. Il doppio binario creato nel libro è senza precedenti.

  • User Icon

    Mariaelena

    22/09/2018 22:18:36

    Dopo aver concluso questo romanzo mi sono presa qualche giorno per rifletterci su e schiarirmi le idee perchè per me è stato un vero e proprio viaggio ricco di sorprese e anche di molti ostacoli. All'inizio infatti non riuscivo proprio ad orientarmi, ho fatto fatica ad entrare in sintonia con la storia perchè non mi aspettavo qualcosa di così spiazzante già dalle prime pagine ma lo stile elegante, scorrevole ed ironico di Bulgakov ha saputo catturarmi completamente. Questo romanzo è una grande metafora della Russia staliniana, una critica all'assurdo perbenismo della borghesia e della "intellighenzia"russa condotta servendosi dell'arrivo a Mosca del misterioso mago Woland che non è altri che Satana in persona. Si tratta indubbiamente di un'opera d'arte di una originalità spiazzante (non ho mai letto niente che si avvicini nemmeno lontanamente a ciò che viene narrato qui da Bulgakov) costruita su uno stile di scrittura piacevolissimo, mai banale, mai noioso ma ricco di sfumature e soprattutto infarcito di una ironia che ho trovato irresistibile.

  • User Icon

    raffaella

    21/09/2018 16:25:05

    Un grande classico della letteratura del '900, un capolavoro con personaggi che non si possono dimenticare

  • User Icon

    Simone

    21/09/2018 00:58:54

    Pazzesco. Che trip!

  • User Icon

    Giuseppe

    20/09/2018 18:39:15

    Andrò controcorrente ma sono rimasto delusissimo da questa lettura. Avevo un’infarinatura abbastanza ampia di Bulgakov e ho atteso a lungo prima di leggere il suo capolavoro, avevo forse aspettative troppo alte ma l’ho trovato molto prolisso. Lo rileggerò sicuramente sperando di cambiare opinione

  • User Icon

    Roberta

    17/09/2018 21:15:12

    Ci sarebbe da parlare per molto tempo su questo libro, ma se vogliamo rimanere sul superficiale e sul banale, il libro tratta delle persecuzioni politiche che il governo russo degli anni ’30 attua sul Maestro, il cui romanzo incentrato su Pilato è stato censurato (e di cui vengono riportati alcuni capitoli). Ma il vero protagonista, probabilmente, è Woland, incarnazione di Satana, che sconvolge l’intera narrazione, tutto l’equilibrio, inserendo elementi fantastici e macabri. I romanzi russi non sono propriamente il mio genere, ma questo libro... cosa non è!

  • User Icon

    Fabiana

    26/08/2018 19:17:38

    Romanzo affascinante, ma difficile da affrontare. Una visione alternativa del bene e del male, di Cristo e del Diavolo. Molto molto bello. Il bene nel male e il male nel bene. Bulgakov risulta sempre attuale come in Cuore di cane

  • User Icon

    Giorgio g

    07/04/2018 08:11:26

    “Il maestro e Margherita” è uno dei “Cento libri che rendono più ricca la nostra vita” e mi è venuto l’uzzolo di leggerlo. Dovrei dire che a me non ha fatto l’impressione che ha fatta a Piero Dorfles (l’autore dei “Cento libri”). La vicenda si svolge nella Mosca sovietica dove, dopo la rivoluzione, si pretende di aver creato nel contempo uno stato perfetto ed un uomo nuovo, libero dai difetti della società borghese, quell’uomo che il comunismo sovietico aveva deciso di ricostruire, con i risultati che ben sappiamo. È una vicenda in cui si sbriglia la fantasia più sfrenata. Comunque, i capitoli che mi sono più piaciuti sono quelli del Processo a Jeshua tenuto a Jerushalajim e quelli di cui è protagonista la Margherita del titolo. Anche qui la fantasia non manca: un gatto nero che si chiama Behemoth e sale sul tram ed acquista il biglietto, gli straordinari voli di Margherita...è tutta una fiaba. Una lettura che sono dubbioso se consigliare.

  • User Icon

    renato

    12/02/2017 16:25:02

    Splendido romanzo che fa riflettere sul senso dell'esistenza. Un avvio un po' complicato, anche se coinvolgente da subito, ma poi ti trascina in un vortice che non riesci più a smettere di leggere e te lo bevi in un soffio.

  • User Icon

    mauro

    25/04/2015 22:58:26

    se volete capire il Diavolo, se volete sapere cosa si prova ad essere un ingranaggio consapevole nel motore cosmico, marionetta di divinità crudeli, è questo il libro che dovete leggere..

  • User Icon

    angelo

    01/11/2014 20:48:00

    Ingredienti: un diavolo che si fa uomo per sconvolgere la vita di non credenti, la Passione del Vangelo rivisitata con gli occhi dubbiosi di Ponzio Pilato, l'umanità moscovita descritta tra circoli letterari, spie di regime, funzionari, teatri e incendi, un amore romantico tra uno scrittore inquieto e una donna insoddisfatta. Consigliato: a chi cerca un romanzo composto con ingredienti di religione, letteratura, politica, ironia e passioni, a chi vuole una poderosa e immaginifica allegoria sulla libertà e la verità.

  • User Icon

    Nino Amico

    17/09/2014 18:08:28

    Il Maestro e Margherita è un'opera davvero straordinaria. Un romanzo che incanta e fa riflettere, che riesce a commuovere e che fa sorridere, un'opera così ricca di significati da renderla complessa e affascinante al tempo stesso, ma assolutamente facile da leggere e comprensibile per chiunque. La sua impronta ironica e surreale, che risulta chiara e travolgente fin dalle prime pagine, ci permette di gustare ogni descrizione con quello spirito di magico incanto che proviene soltanto dalle grandi opere, inducendoci talvolta a rileggere intere pagine per gustare certi passaggi che sono davvero un fuoco pirotecnico di immagini fantastiche e di suggestive figure allegoriche. Le vicende si susseguono a ritmo incalzante e sono un'esplosione di rappresentazioni ricche di grande vigore creativo ed entro le quali si risolvono e si sbrogliano i dialoghi più stimolanti e coinvolgenti che sia possibile leggere. Romanzo nel romanzo sono i capitoli su Ponzio Pilato, nei quali lo stile, assolutamente diverso da quello degli altri capitoli, rende l'opera ancora più appassionante e ricca di spunti sui quali riflettere. Le descrizioni che si ritrovano in alcune parti dell'opera, specie quelle dei capitoli finali, sono pregne di quell'afflato poetico che è riconoscibile soltanto nei grandi scrittori. L'opera è davvero appassionante e commovente, fin quasi alle lacrime, specie per il modo in cui ci si ritrova partecipi del dolore causato all'autore dalla censura che dovette subire la sua opera quando egli era in vita a causa del regime staliniano. Una suprema rivincita la pubblicazione postuma del romanzo, che ci rende testimoni della meravigliosa grandezza della sua opera.

  • User Icon

    Bernoccolo

    02/06/2014 11:35:14

    Toccante e struggente, esilarante e ironico. Inizia con una disquisizione sulla non esistenza di Dio e si conclude... beh, leggetelo!

Vedi tutte le 14 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione