DISPONIBILITA' IMMEDIATA

I magnifici 7 capolavori della letteratura italiana. Ediz. integrale

D'Annunzio Gabriele, Fogazzaro Antonio, FOSCOLO UGO

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Newton Compton
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 2,72 MB
  • EAN: 9788854152366
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In questo volume ripercorriamo in compagnia dei nostri più grandi scrittori due secoli fondamentali per la letteratura italiana. Ugo Foscolo ci trascina nel suo mondo tumultuoso di passioni e tormenti con "Le Ultime lettere di Jacopo Ortis": impostato come un romanzo epistolare lirico, con i suoi contenuti e con il suo stile, ha dato inizio alla prosa italiana moderna. Dopo Foscolo è Alessandro Manzoni a narrarci la storia di Renzo e Lucia, don Abbondio e padre Cristoforo, della monaca di Monza e dell'Innominato nei "Promessi sposi". Ci inoltriamo poi nella modernità al seguito di Giovanni Verga, che con dolore e commozione diventa cronista delle tragedie dei vinti. Un romanzo come I Malavoglia - notò Capuana - non si può riassumere: la storia di questa famiglia di pescatori di Aci Trezza, paesino in provincia di Catania, è ormai considerata una sorta di manifesto del verismo italiano e un classico della nostra letteratura. Di un altro mondo, di tutt'altra atmosfera ci parla Gabriele D'Annunzio che con "II piacere" scrisse il suo capolavoro e, come molti ritengono, il primo romanzo moderno. Ancora risvolti intimistici, ma questa volta intrecciati strettamente al contesto storico, incontriamo nel capolavoro di Antonio Fogazzaro "Piccolo mondo antico", che ci trasporta nella brumosa Italia settentrionale in pieno fervore risorgimentale. "Il fu Mattia Pascal" di Pirandello e "La coscienza di Zeno" di Italo Svevo.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    LiveALive

    11/06/2013 12:10:08

    Di recente, qualche sedicente espertone di letteratura (che in verità ne sa ben poco), se n'è venuto fuori con alcuni assurdi discorsi sull'evoluzione tecnica d'essa, e quindi con l'inutilità dei classici. Ci viene detto che la letteratura d'un Manzoni è come una Model T della Fort, mentre oggi siamo delle Bugatti Veyron, poiché è assolutamente normale che anche "uno studente al primo anno di liceo conosca molta più fisica di Newton", citando Kasparov. Ma questo ragionamento è valido solo per le scienze tecniche, e chiaramente non può valere per la letteratura. Al di là dell'impossibilità dell'arte, oggi guardiamo con la stessa ammirazione i geroglifici egizi, gli affreschi di Cimabue, i quadri ultrarealistici di Bouguereau, e ancor di più i lavori di Manet e Renoir. Tecnicamente un Michelangelo sarà sicuramente migliore d'un Botticelli, ma ciò non lo rende migliore, poiché arte e tecnica sono cose diverse. La vera arte in un quadro non sta nella sapienza della pennellata, ma in giochi di linee e contrasti di colore. Non a caso gli artisti moderni, come fossero alchimisti, hanno tolto tutte le impurità per portare alla luce l'Anima dell'Arte; hanno cioè ucciso la tecnica, lasciando l'essenza, creando quadri che tutti possono realizzare dal punto di vista tecnico, ma non da quello artistico. Si parla quindi di un CAMBIAMENTO nell'arte, e non in una evoluzione: Botticelli, Michelangelo, Renoir e Marcel Duchamp hanno tutti lo stesso valore, ma ognuno è unico e diverso. Nella letteratura, possiamo dire esattamente lo stesso. I lavori qui raccolti non sono arretrati rispetto a quelli di oggi, ma sono diversi, basati su altri principi e altre logiche. Che poi il grande pubblico possa apprezzarli o meno, è tutto un altro discorso, perché esiste un "gusto delle masse" che varia col tempo. Non posso apprezzare totalmente la politica di Newton, che ripropone testi già presenti nella raccolta assieme a inediti... ma sono comunque raccolte ben fatte e dal grande valore.

  • D'Annunzio Gabriele Cover

    (Pescara 1863 - Gardone Riviera, Brescia, 1938) scrittore italiano. La vita e le opere Debuttò giovanissimo con la raccolta di versi Primo vere (1879), cui seguì nel 1882 Canto novo, nel quale è evidente l’imitazione di G. Carducci temperata da una già personale vena sensuale e naturalistica. A Roma, dove iniziò (ma non concluse) gli studi alla facoltà di lettere, D’A. visse all’insegna della mondanità e dell’estetismo, sempre alla ricerca di nuove sensazioni in nome di un compiaciuto erotismo al quale sarebbe rimasto fedele sino alla fine con ossessive varianti. Dal decadentismo europeo assimilava, intanto, ideali di sensibilità e di raffinatezza e il gusto del tecnicismo formale: nacquero così, accanto... Approfondisci
  • Fogazzaro Antonio Cover

    Scrittore italiano. Nato da una famiglia borghese impegnata in prima linea nella lotta contro gli austriaci, il giovane Antonio ha come insegnante il poeta Giacomo Zanella (dopo essere stato, secondo la sua stessa testimonianza, un enfant prodige).Conseguita la laurea in legge, a Torino nel 1864, si trasferisce a Milano, dove resterà per i successivi cinque anni. Dopo essersi sposato, e dopo aver fatto rientro - stavolta definitivamente - nella sua natìa Vicenza, dedicandosi all'attività letteraria.Al 1874 risale il poemetto "Miranda", mentre la raccolta di liriche "Valsolda" data a due anni dopo. In entrambe le composizioni si possono leggere i temi che informeranno la sua opera: una certa vaghezza sentimentale unita all'attenzione alla realtà; sommesse inquietudini... Approfondisci
  • FOSCOLO UGO Cover

    Nasce nel 1778 a Zante (Zacinto), allora isola greca in possesso di Venezia, nel mar Ionio. Dopo la morte del padre medico, discendente di antica famiglia veneziana, si stabilisce a Venezia con la madre (di origine greca) nel 1792, dove vive in povertà e svolge studi irregolari. Nonostante questo riesce a frequentare i salotti culturali della città: qui conosce Ippolito Pindemonte, Melchiorre Cesarotti e Saverio Bettinelli, intellettuali attenti ai nuovi fermenti europei.In politica si proclama subito rivoluzionario e giacobino. A 19 anni compone e rappresenta con grande successo il Tieste, la sua prima tragedia di contenuto democratico dedicata a Vittorio Alfieri. All'oligarchia veneziana, ovviamente, l’opera non piace e il giovane Foscolo si ritira sui Colli Euganei per... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali