La mala setta. Alle origini di mafia e camorra (1859-1878)

Francesco Benigno

Editore: Einaudi
Collana: Einaudi. Storia
Anno edizione: 2015
Pagine: XXXVI-403 p., Rilegato
  • EAN: 9788806224417
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 29,75

€ 35,00

Risparmi € 5,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

30 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonio

    01/05/2017 14:32:26

    A parte il sottotitolo fuorviante, " Alle origini di mafia e camorra", il libro è straordinario. Primo, perché presenta una tesi storiografica molto forte: almeno fino al 1878 non si può parlare in Italia della presenza della criminalità organizzata come la intendiamo oggi, ovvero gerarchica, centralizzata e con un proprio ordinamento interno. Secondo, perché si sostiene che non si può riflettere sull'origine di mafia e camorra senza mettere in connessione questi fenomeni con la costruzione delle Stato, la strutturazione dei suoi apparati di sicurezza, la gestione dell' ordine pubblico. Inserendo la categoria delle " classi pericolose", che di volta in volta sono gli estremisti politici (repubblicani, radicali, socialisti), o i criminali veri e propri e riferendosi alle espressioni della letteratura popolare del tempo, che forgiavano l'immaginario collettivo europeo, Benigno adotta un modello interpretativo teso a dimostrare, da un lato, la strumentalizzazione dei concetti d mafia e camorra da parte degli apparati pubblici nell'affannosa opera di pacificazione, soprattutto nel Mezzogiorno, di territori socialmente instabili; dall'altro individua proprio nella cultura popolare del tempo, fatta di romanzi, reportage, cronache letterarie, quel sostegno all' idea che esistessero delle vere sette ( mafie) autonome ed organizzate, con propri riti e consuetudini. Il libro è sorretto da un approccio storicistico che, poggiando su una mole impressionante di documenti, ne rende la lettura davvero piacevole e scorrevole, con grande merito dell'autore e delle sue tesi storiografica che sono forti e coraggiose. Consigliato soprattutto per chi voglia farsi un' idea di cosa abbiano rappresentato i primi decenni di vita italiana nella costruzione dello stato unitario.

Scrivi una recensione

Introduzione. Le classi pericolose italiane
Elenco delle abbreviazioni e delle sigle archivistiche

I. Spie, informatori, agenti segreti
II. Patrioti e camorristi
III. La misteriosa setta
IV. Alta polizia
V. Rivoluzionari e mafiosi
VI. Fare ordine con il disordine
VII. Rappresentazione, identificazione, repressione
VIII. Prevenire o reprimere?
Conclusioni. L'immaginario della setta
Indice dei nomi