Mandami tanta vita

Paolo Di Paolo

Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2013
Pagine: 158 p., Brossura
  • EAN: 9788807019425
Disponibile anche in altri formati:

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 7,02

€ 13,00

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    furetto60

    06/04/2016 10:36:06

    Il romanzo è scritto bene, lo stile resta senz'altro impresso, purtroppo si fatica a finirlo, pur nella sua brevità, manca purtroppo un plot che coinvolga, i personaggi sono poco convincenti, sbiaditi, e anche l'ambientazione d'epoca non entra nel quotidiano fornendo più che altro un quadro da vecchie figurine Liebig. Peccato.

  • User Icon

    Lea

    10/02/2014 18:52:13

    il solito mid-cult presentato come letteratura (uff...), aggravato da personaggi poco credibili e di notevole antipatia. abbandonato a metà circa.

  • User Icon

    Massimo F.

    16/11/2013 15:47:39

    Per carità, l'intento è sicuramente da lodare. La storia e gli ambienti descritti hanno il fascino del tempo perduto e le emozioni affiorano via via. Però lo stile - pur irreprensibile - ha un che di "vecchi merletti" cosicché l'insieme non funziona ed il percorso narrativo spesso e volentieri si perde un po' nella noia.

  • User Icon

    Alinuccia80

    08/10/2013 14:29:41

    Un libro scritto chiaramente da un laureato in lettere! Tra le pagine si sente il "profumo" del corridoio di italianistica della facoltà.

  • User Icon

    manu1958

    19/09/2013 18:26:48

    noiosissimo, scrittura pretenziosa e difficile da leggere , personaggi antipatici. Da lasciare a meta'? . Forse e' scritto solo per alte menti e non per i poveri mortali e i lettori comuni...

  • User Icon

    Pietro

    08/08/2013 12:11:28

    Di una scrittura invidiabile, affabile, lodabile.

  • User Icon

    Serena

    20/07/2013 15:36:42

    La storia resta in bilico, è un insieme di "promesse non mantenute" e la primavera di bellezza è un lampo che fugge veloce, neanche il tempo di goderne..veloce come la scrittura, quel flusso di coscienza che attrae il lettore in un turbine fino all'ultima pagina. Bellissime le riflessioni.

  • User Icon

    Umberto Mottola

    19/07/2013 17:35:09

    Ringrazio l'autore per avermi fatto riscoprire un intellettuale italiano, Piero Gobetti, morto ad appena 25 anni, lontano dall'Italia e dalla sua famiglia. Il romanzo è attraversato da una grande tristezza, tuttavia l'impegno di Gobetti è oggi più che mai attuale. Molto bella la sequenza di quando Piero sta per partire per Parigi. Bello anche il personaggio di Moraldo, che ammira Gobetti e vorrebbe collaborare con lui; e non riesce a conquistare la giovane fotografa Carlotta.

  • User Icon

    Ianì Valastro

    02/06/2013 11:09:18

    Moraldo e Piero, uno stima l'altro, che inconsapevole di tutto porta avanti il suo grande progetto. Un romanzo bello bello,personaggi veri e reali, Paolo scrive veramente bene, avrei voluto fosse di 1000 pagine! Consigliatissimo.

  • User Icon

    Barone

    02/05/2013 21:55:48

    Libro ben scritto, ma insopportabilmente pedante, in armonia con la linea veltroniana della Feltrinelli più recente, a base di personaggi palpitanti (e purtroppo poco simpatici) che sfiorano una Storia sempre parecchio "a cartolina" (ultimo precedente: Tutti i colori del mondo). Abbandonato a 3/4.

  • User Icon

    Mario

    09/04/2013 12:06:17

    Dopo un incontro a Roma su Tabucchi, con la presenza di Paolo Di Paolo, sono rimasto particolarmente stimolato dalla capacità espositiva e di sintesi, non lo conoscevo, ho acquistato i suoi libri, e il primo che ho letto:"MANDATEMI TANTA VITA" è uno dei più belli che ho letto nel panorama della narrativa italiana. Una scrittura stimolante, poetica, essenziale, un ritmo narrativo incalzante e profondo.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Finalista Premio Strega 2013. Dopo Dove eravate tutti, Paolo Di Paolo torna a interrogarsi sulla giovinezza e sul presente. Stavolta lo fa immergendosi negli ultimi giorni di vita di una grande figura del nostro passato recente, Piero Gobetti, intellettuale e politico antifascista, morto giovanissimo a venticinque anni a causa di una salute precaria aggravata dalle persecuzioni fasciste.
Nel nuovo romanzo di Paolo Di Paolo due giovinezze si intrecciano tra Torino e Parigi all'inizio del 1926: quella di Moraldo e quella di Piero. Moraldo è appena arrivato a Torino per una sessione di esami e giunto alla pensione familiare in cui alloggia si accorge di aver scambiato la valigia con quella di uno sconosciuto. All'interno c'è una macchina fotografica, una copia de l'Illustrazione italiana, una boccetta di profumo. Grazie a un annuncio sul giornale, riesce a ritrovare la valigia smarrita e subito si infatua della proprietaria della valigia scambiata, Carlotta, una fotografa intraprendente che sta per partire per Parigi.
Intanto Moraldo segue Piero, un coetaneo che a venticinque anni ha già fondato riviste, una casa editrice e scrive con passione contro il fascismo, espressione di tutti i mali dell'Italia, invocando una rivoluzione liberale che liberi il Paese. Moraldo ammira questo giovane e vorrebbe incontrarlo, ma tutti i tentativi che fa per avvicinarlo falliscono. In realtà Piero non è più a Torino. È già partito alla volta di Parigi, intenzionato a portare avanti il lavoro che in Italia gli è impedito. Ma a Parigi si ammalerà di nuovo e vi morirà a metà febbraio, lasciando in Italia la moglie tanto amata e il figlioletto di pochi mesi. Allo stesso tempo anche Moraldo sta per raggiungere la capitale francese sulle tracce di Carlotta...
Mandami tanta vita è un omaggio a un passato di grandi ideali e una riflessione profonda sul presente. Attraverso la figura di Piero Gobetti, la cui passione ardeva nonostante un destino ingrato, Paolo Di Paolo interroga se stesso, il suo rapporto con il presente, e sembra volerci ricordare che la forza per reagire ce la portiamo dentro. Vale la pena ricordare quello che Gobetti aveva scritto pochi mesi prima di morire, dopo essere stato picchiato nuovamente dagli squadristi: "le nostre malattie e le nostre crisi di coscienza non possiamo curarle che noi. Dobbiamo trovare da soli la nostra giustizia". Seguendo l'esempio di Gobetti, oggi Paolo Di Paolo si chiede e ci chiede se è ancora possibile l'impegno, se si può essere liberi senza andarsene. La risposta a tutte le domande di cui è pieno questo suo ultimo romanzo forse la troviamo già all'inizio, affidata ai pensieri di Ada, la moglie di Piero: "Basta volerle le cose, no? Basta infinitamente volerle".

A cura di Wuz.it