Il mangiatore di pietre

Davide Longo

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 157 p., Brossura
  • EAN: 9788807888120
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Simona

    08/07/2017 23:07:00

    Bella la scrittura scarna. I contenuto lascia poco.

  • User Icon

    miomio

    17/11/2005 14:13:55

    Lettura gradevole, prosa gentile, trama discretamente costruita. Non un libro indimenticabile, ma valido.

  • User Icon

    Roberto Nicoletti

    05/06/2005 11:20:03

    Quello di Daniele Longo è un libro romantico, delicato; una storia che ci narra di un mondo che finisce senza lasciare eredi dietro di sè. È il mondo dei contrabbandieri, dei “passatori”, che hanno popolato la storia delle popolazioni di confine sulle Alpi. Il procedere della sua narrazione è quello dei montanari che salgono i sentieri che attraversano le valli e questa apparente lentezza ci permette di sentirci nella storia. I protagonisti sono due: Cesare, il Francese, con tanti anni di esperienza sulle montagne ma che aveva abbandonato questa attività, e Sergio, un giovane con la voglia di andare via, un sogno che viene rappresentato dal bisogno di conoscere la madre, di cui sa poco, e che lavora a Marsiglia. Il vecchio e il nuovo nel momento di passaggio, della trasformazione. Il pretesto narrativo è dato dalla scoperta del corpo di un uomo assassinato. Un uomo che si rivelerà come Fausto, uno dei nuovi passatori, non di quelli romantici del passato, ma uno che non si fa scrupolo di collaborare con la nuova malavita. Il paese accoglie questa notizia seppellendola nel silenzio. Solo i due protagonisti vengono trascinati verso il compimento del loro destino dal rinvenimento di quel cadavere. A loro si unisce la commissaria di polizia che cerca di rompere quell’omertà e di stabilire un rapporto con Cesare, ma il suo è e resta un corpo estraneo che non potrà cambiare il compiersi degli eventi.

  • User Icon

    duck

    29/04/2005 11:49:30

    Di x se' qs libro mi ha conquistato e l'ho letto tutto d'un fiato , xo' mi ha lasciato un senso di vuoto , di mancanza di parti importanti che il lettore non puo' solo immaginare . Troppo scarna e troppo finta la storia tra Cesare e l'ispettore , ma veramente l'autore pensa che ql sia amore ??? Giudizio medio , viste le basi poteva fare di piu' .D.

  • User Icon

    Albys

    24/04/2005 12:22:04

    Un libro particolare come il suo autore. Non lo trovo "riuscito" perchè a mio modo di vedere il "fissato" Davide Longo a forza di sottrarre alla pagina ha tolto troppo. La sua prosa secca fatta di continui stacchi, di pochi abbozzi e di molto lasciato all'immaginazione, a tratti si allarga per concedersi qualche similitudine molto bella e intelligente,ma il risultato di tutto ciò è una notevole MANCANZA DI FLUIDITA' del testo. La lettura non scorre bene, si fatica a tenere la concentrazione e questo non dovrebbe succedere visti gli intenti di partenza dell'autore, che vorrebbe appunto togliere tutti gli eccessi. E' un peccato perchè Longo ha talento, ma si è convinto che le parole possano diventare rumore e scarnifica tutto. Lui cita C. McCarthy come suo riferimento, come uno scrittore che toglie il superfluo, che lavora per sottrazione... beh, non direi: a volte McCarthy parte con le sue divagazioni naturali e quasi mistiche e non si ferma subito... e vi è da dire che sono proprio queste parti a fare di lui un Fenomeno. Longo ha scritto questo breve romanzo con uno stile "anticato", fatto di dialoghi brevi e scarni ma anche di parti narrate scritte allo stesso modo, come se tutto il libro vivesse nel passato(che invece, a detta stessa dell'autore, si scopre essere un semplice decennio '90, bah..). Il risultato è a tratti suggestivo, ma rimangono perplessità sul fatto che una scrittura siffata sia migliorativa rispetto a una più classica. A mio parere se Longo avesse narrato con uno stile meno personale e forzato avrebbe scritto un libro migliore. Ma forse l'intenzione dell'autore è far notare la sua scelta di stile (magari alla borghesia letteraria dei concorsi e premi) più che scrivere libri per i lettori. Troppo comodo, poi, "crearsi" uno stile personale violando le regole linguistiche. La storia: minimalista, cruda e aspra come la gente di montagna, alla fine neanche male. Però un po' confusa, nonostante i personaggi non siano molti. Stile da rifinire,a mio parere sta imboccando una strada troppo insidiosa.

  • User Icon

    Ceia

    03/04/2005 22:21:57

    La storia è pressappoco questa: un uomo con un lavoro particolare viene trovato cadavere in un torrente. L’uomo che l’ha trovato si sente in colpa. Un commissario vuole scoprire cos’è successo. Un ragazzino sta diventando adulto. In questo libro tutto è freddo, silenzioso, inquietante. I personaggi si muovono cauti, sembrano quasi sospesi. Sospesi tra la vita e la morte, tra giusto e sbagliato. Non sono riuscita a capire bene quando è ambientata la storia, ma dalle (pochissime) date che piazza l’autore mi pare che siamo circa verso la fine degli anni ottanta. Particolare forse poco importante dato che ho avuto l’impressione che Longo abbia voluto scrivere un romanzo “classico”.Le idee sono buone, i significati piuttosto profondi - anche se forse non sviluppati a dovere. Ma ha assunto un leggero tono presuntuoso che non mi ha rapita. La sua scrittura è invadente. Sembra che voglia dimostrare quanto è bravo. Questo suo romanzo ha il sapore di un qualcosa scritto appositamente per colpire, per stupire, per essere ricordato… e per vincere qualche premio. Mi ci sono voluti alcuni capitoli per entrare in sintonia con il suo modo di narrare. Uno stile asciutto, denso di frasi corte, frammentate. A tratti addirittura slegate tra di loro. Un andare a capo molto frequente. E poi, di colpo, descrizioni attente e minuziose per un piccolo particolare scenico, con un risultato abbastanza suggestivo. Non l’ho trovato di semplice lettura. A volte mi sono distratta, ma non perché fosse noioso ma perché ogni frase è stata pesante come un macigno, densa di significati. Ho trovato delle frasi molto belle, delle similitudini azzeccate, quasi dei veri e propri quadri. Ma forse manca una prosa che inviti alla lettura, così slegato il libro risulta poco scorrevole. Sta sicuramente cercando il suo stile,ma forse un po’ meno attenzione alla singola parola e un po’ di più al lavoro completo gli avrebbe giovato. Non mi è piaciuto alla follia ma dalle pagine vien su tanta passione per la parola scritta. E si vede che sa scrivere.

  • User Icon

    federico

    18/03/2005 10:52:01

    Splendido, mi è piaciuto davvero tanto, ma forse bisogna abitare sotto un sasso come me per apprezzarlo del tutto.

  • User Icon

    denis

    12/02/2005 14:28:00

    un po' troppo lento e descrittivo, secondo me. Longo sa scrivere, ma è la storia e come la racconta che non "acchiappa".

  • User Icon

    Piero

    19/01/2005 17:59:56

    Un breve "grande" romanzo. Lo stile, il lessico, la vicenda, i personaggi sono armoniosamente fusi. Leggete la prima pagina, già vi conquisterà.

  • User Icon

    Leggoditutto

    31/12/2004 18:26:32

    Potente e duro come le pietre del titolo. Mi ha ricordato Fenoglio, che è probabilmente quello che vuole l'autore.

  • User Icon

    Flavio

    21/10/2004 17:37:00

    Bellissimo racconto. Essenziale ma efficace. Riesce con poche parole a far prevalere il lato umano sulla dura scorza segnata dal tempo di un passeur evitato dai suoi stessi paesani.

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione