Manuale delle investigazioni sulla scena del crimine. Norme, tecniche, scienze

Curatore: D. Curtotti, L. Saravo
Editore: Giappichelli
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 1 ottobre 2013
Pagine: XXVIII-1090 p., Rilegato
  • EAN: 9788834829004
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Le tracce sono i veri testimoni "silenti" del crimine. Sono sempre presenti e sono affidabili perché non possono mentire, non si dimenticano, non si confondono, non possono essere sbagliate. Solo l'errore umano nell'individuarle e studiarle può sminuirne il valore. Oggigiorno, il rischio di errori è meno accentuato rispetto al passato. La scena del crimine non è più un bacino di raccolta indifferenziata di tracce, lasciata al caso e all'esperienza dell'investigatore. Le tracce vengono ricercate, interpretate e reperiate con rigore logico, metodo scientifico ed elevata tecnologia, potendo fornire un prezioso contributo alla ricostruzione del fatto. Ma l'errore è sempre possibile. Sta al processo penale e ai suoi protagonisti individuarlo. Tuttavia, il sillogismo "scena-scienza-prova penale" si rivela difficile. Il problema di fondo è che le investigazioni sul locus commissi delicti si sottraggono alle tradizionali regole del procedimento probatorio. Il codice di rito risulta inadeguato ad ospitare i "nuovi" prodotti tecnico-scientifici nelle dinamiche di formazione della prova penale, poco attente alla fase di ricerca della fonte di prova. I rilievi e gli accertamenti non ripetibili sfuggono alle norme e alle categorie concettuali elaborate nel 1988, finendo per proiettare al dibattimento prove precostituite sottratte al contraddittorio, che la difesa non è stata in grado di controllare né bilanciare con le investigazioni difensive.

€ 91,80

€ 108,00

Risparmi € 16,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

92 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità: