Categorie

Steven Erikson

Traduttore: C. Arnone, L. Panelli
Editore: Armenia
Anno edizione: 2008
Pagine: 781 p. , Rilegato
  • EAN: 9788834420904

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Salvatore

    27/06/2012 19.04.19

    La magnificenza descrittiva di Erikson migliora di libro in libro! Solenne, sanguinario, ironico e folle...sono gli aggettivi che più si addicono alle opere di Erikson! Personalmente questo Maree di Mezzanotte l'ho trovato più "leggibile" insieme a Memorie di ghiaccio e per quanto mi riguarda sono i migliori di questa incredibile e originalissima saga, oltretutto finalmente è presente una descrizione dei Canali tanto per farsene una idea! Chiudo decantando i personaggi protagonisti di questa opera, per quanto mi riguarda assolutamente indimenticabili: Tehol e Bugg tra tutti ma aggiungo anche Brys e Trull Sengar! Erikson, seppur poco conosciuto almeno in Italia, si conferma tra i più grandi autori fantasy in circolazione...

  • User Icon

    Geppo

    01/04/2008 09.04.18

    Rispetto ai precedenti della saga, in cui seppur flebile esisteva un filo conduttore; quest’ultimo e’ a se stante. Discreta la prima e l’ultima sottoparte, un po’ di calo nella sezione centrale. Merita comunque un bel voto in quanto l’interesse per le vicende prossime venture non cala.

  • User Icon

    andrea

    04/02/2008 17.13.37

    Libro decisamente non per tutti. Vorrebbe fare luce sui (molti? Troppi!) punti oscuri della saga come, ad esempio i tanto decantati canali, cercando, per la prima volta dopo 4 libri (è il quinti libro della saga NON il sesto)di "spiegarli" al lettore. Vorrebbe farlo.... ma senza riuscirci. La trama complessiva non riesce a rivelarsi. L'affollamento di Dei (dai poteri non certo illimitati) razze antiche, guerrieri di vario ordine e tipologia (che riescono a uccidere i sopraccitati Dei senza troppi problemi) continua. Come mai un voto cosi' alto? Il libro continua a esercitare un indiscutibile fascino e la magnificenza descrittiva di alcune parti supplisce la confusione narrativa che lascia perplesso il lettore. Chi ha letto i precedenti, non credo, rimarrà deluso da questo volume

Scrivi una recensione