Traduttore: A. Vigilante
Editore: Idea (Roma)
Collana: Giallo e ocra
Anno edizione: 2008
In commercio dal: 1 gennaio 2008
Pagine: 216 p., Brossura
  • EAN: 9788890302237
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 4,86

€ 9,00

5 punti Premium

€ 8,55

€ 9,00

Risparmi € 0,45 (5%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    francesca

    05/02/2008 10:01:05

    "Margarita Hesse" è un romanzo avvicente come un giallo, pur non essendo tale. Intorno alla figura di una donna tanto ambigua quanto straordinaria, Manfredo Kempff dipinge la situazione politica e sociale della Bolivia degli anni Settanta. Scandali, corruzione dei politici, crisi di governo e una donna che sconvolge tutti e che è alla fine il motore di tutto quello che succede. Grazie ad uno stile sobrio ed essenziale e al forte realismo delle immagini descritte, ci si immerge completamente nella lettura di questo romanzo.

Scrivi una recensione

In un ambiente machista, conservatore e ipocrita, Margarita Hesse incarna una donna che si confronta con i pregiudizi e le ipocrisie della società e del potere. Scandalizza tutta la città quando, come delirando, comincia a raccontare pubblicamente e con indifferenza i suoi amori adulteri con un uomo molto in vista, Tomas del Riego. L'ambizione senza scrupoli dei politici, le loro infedeltà, il rigetto della classe politica da parte della popolazione, i sollevamenti militari, le congiure di palazzo, fanno di Margarita Hesse un libro avvincente che riproduce aspetti dell'atmosfera politica e sociale latinoamericana in tempi non ancora lontani. Margarita Hesse è un libro di sottile psicologia e ironia nell'esplorare il ruolo possibile o reale delle donne in politica e dietro la politica.