Maria Camilla Pallavicini. Opere-Works 2017-1962

Editore: Gangemi
Formato: EPUB con DRM
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 18,32 MB
  • Pagine della versione a stampa: 111 p.
    • EAN: 9788849248821
    pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

    Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

    Disponibile anche in altri formati:

    € 21,99

    Venduto e spedito da IBS

    22 punti Premium

    Scaricabile subito

    Aggiungi al carrello Regala

    non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

    Descrizione
    [...] apparizioni, eventi cosmici tra il reale e l'immaginario, paesaggi dell'anima che li insegue. come se tu cercassi e ti avventassi con furore, oscillante e inquieta tra visioni dall'infinitamente lontano all'infinitamente vicino, su qualcosa che cambia, fugge ad ogni definizione, è in sé, insieme, presenza e mutevolezza. – Piccoli segni, code veloci di comete, trame fitte di gesti, forme cangianti, l'infinitamente lontano. – Grandi segni, cellule del cosmo, tessuto del mondo, l'interno, l'infinitamente vicino. Tra le due visioni, come nel mezzo di un enorme moto pendolare, i quadri materiacolore nei quali l'infinitamente lontano coincide e si annulla nell'infinitamente vicino: stati di energia, l'origine, la possibilità di ogni ordine o disordine. [...] Guido Strazza maggio 1986 [...] apparitions, cosmic events suspended between reality and the imagination, landscapes of the soul chasing after them. as if you searched and furiously pounced– swaying and restless, suspended between the infinitely distant and the infinitely near – on something that changes, defies definition, and is in itself both presence and changeability. – Small signs, fast tails of comets, dense patterns of gestures, iridescent forms, infinitely distant. – Big signs, cells of the cosmos, fabric of the world, the internal, the infinitely near. Between the two visions, as if in the middle of an enormous pendular motion, the mattercolour paintings in which the infinitely distant coincides and is annulled in the infinitely near: states of energy, the origin, the possibility of every order and disorder. [...] Guido Strazza May 1986