Martin Chuzzlewit

Martin Chuzzlewit

Charles Dickens

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Caiman
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 878,95 KB
  • EAN: 9789881824011

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

PREFACE

What is exaggeration to one class of minds and perceptions, is plain truth to another. That which is commonly called a long-sight, perceives in a prospect innumerable features and bearings non-existent to a short-sighted person. I sometimes ask myself whether there may occasionally be a difference of this kind between some writers and some readers; whether it is always the writer who colours highly, or whether it is now and then the reader whose eye for colour is a little dull?
On this head of exaggeration I have a positive experience, more curious than the speculation I have just set down. It is this: I have never touched a character precisely from the life, but some counterpart of that character has incredulously asked me: "Now really, did I ever really, see one like it?"
All the Pecksniff family upon earth are quite agreed, I believe, that Mr Pecksniff is an exaggeration, and that no such character ever existed. I will not offer any plea on his behalf to so powerful and genteel a body, but will make a remark on the character of Jonas Chuzzlewit
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Charles Dickens Cover

    Charles John Huffam Dickens è stato uno scrittore, giornalista e reporter di viaggio britannico. Nacque a Portsmouth nel 1812 ma si trasferì ben presto a Londra dove visse fino alla sua morte, nel 1870. I nonni paterni erano stati domestici presso famiglie della nobiltà; il nonno materno, colpevole di appropriazione indebita, s’era sottratto all’arresto con la fuga. Nel 1824 il padre, un modesto impiegato con gusti e abitudini superiori alle sue possibilità, fu rinchiuso per debiti nelle carceri londinesi di Marshalsea e il piccolo Charles, interrotti gli studi, venne messo a lavorare per sei mesi in una fabbrica di lucido per scarpe. Questa precoce esperienza di miseria, umiliazione e abbandono (anche dopo la scarcerazione del padre, la madre aveva... Approfondisci
Note legali